Apri il menu principale

Via Lattea... la prima a destra

film del 1989 diretto da Nini Grassia

TramaModifica

Un bambino alieno, Mirko, viene esiliato sulla Terra per i crimini dei suoi genitori. Ritrovatosi su questo pianeta senza genitori, Mirko (che decide di cambiare nome in Paolino), viene accolto in un orfanotrofio. Viene affidato per un breve periodo a una famiglia che però spaventa con le sue capacità extraterrestri e viene rispedito di nuovo nell'orfanotrofio.

Nel frattempo fa la conoscenza con san Gennaro e Gesù Cristo, che cercano di aiutarlo a integrarsi nella società terrestre. Una donna dell'orfanotrofio che lo accudisce si innamora di Gesù ignorando che lui è il messia.

Paolino fa amicizia con un cane randagio, Guaglione, e dimostra di essere bravo a calcio. Viene organizzata una partita per ottenere dei fondi per costruire un nuovo campo e la squadra di Paolino la vince. La partita viene arbitrata da san Gennaro.

Paolino e la sua squadra festeggiano la vittoria in discoteca, e sono invitati ai festeggiamenti Gesù, san Gennaro e sant'Antonio (venuto a Napoli da Padova per far visita a san Gennaro). L'esilio è finito ma Paolino decide di restare sulla Terra.

CastModifica

Nella locandina appare - con il cane Guaglione - il piccolo Silvio Ciammarughi.[1] È uno dei pochi bambini impegnati nei film diretti da Ninì Grassia, in questa pellicola che risulta l'unica del genere "per ragazzi" curata dal regista che continuava a girare film erotici. Le riprese sono state fatte nella Provincia di Caserta nei comuni di Vairano Patenora frazione Scalo nei pressi del monumento dell'unità d'Italia e a Roccamonfina presso il santuario di Maria SS. dei Lattani.

NoteModifica

  1. ^ Anica - Archivio Cinema Italiano

Collegamenti esterniModifica