Apri il menu principale

Coordinate: 43°46′08.78″N 11°15′14.38″E / 43.769106°N 11.253994°E43.769106; 11.253994

Via Por Santa Maria

Via Por Santa Maria si trova a Firenze, tra via Calimala e il Ponte Vecchio.

La strada è una delle più antiche della città, risalente all'epoca romana come prolungamento del cardo al di fuori della prima cinta muraria. All'altezza di via Vacchereccia si trovava l'antica Porta di Santa Maria, che permetteva l'accesso all'antenato del Ponte Vecchio dalla città e viceversa. Il nome della porta, contratto, finì per dare il nome anche alla strada, che solo con la cerchia antica dell'epoca di Cacciaguida venne inglobata nella città. La strada era molto trafficata, per questo adattissima ai commerci. Le grandi famiglie facevano a gara per accaparrarsi case e torri lungo la strada. L'Arte della Seta vi possedeva numerose botteghe, tanto da includere una porta nel suo stemma e venire comunemente detta anche "Arte di Por Santa Maria".

Via Por Santa Maria

La strada era ricca di importanti edifici, ma le mine tedesche dell'agosto 1944 rasero al suolo la zona. Negli anni Cinquanta la ricostruzione prese una piega di compromesso tra moderno e antico che finì per scontentare un po' tutti, infatti architettonicamente la via non è particolarmente bella da vedere. Fanno eccezione alcune torri, parzialmente salvatisi e ricostruite o restaurate con fedeltà al modello originale. Tra queste spiccano la Torre degli Amidei, o dei Leoni, dalle due teste leonine che vi sporgono le ricostruzioni parziali e fedeli di alcune torri della zona, la Torre dei Baldovinetti, che trovandosi in posizione arretrata riportò danni meno gravi, mentre la torre dei Consorti è stata ricostruita. Manca all'appello la Torre dei Girolami, già inglobata nel Palazzo Bartolomei Buschetti e mai più ricostruita.

Tra gli edifici moderni l'unico che si scosta dall'anonimato è la Borsa Merci, davanti alla fontana del Porcellino.

BibliografiaModifica

  • Francesco Cesati, La grande guida delle strade di Firenze, Newton Compton Editori, Roma 2003.
  • Vedi anche la bibliografia su Firenze.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Firenze