Apri il menu principale

Via normale al Gran Sasso

Percorso escursionistico
Via normale al Gran Sasso
Gran sasso.jpg
Il Corno Grande del Gran Sasso.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
Catena montuosaAppennini
MontagnaGran Sasso
Percorso
TipoVia normale
PartenzaCampo Imperatore
ArrivoCorno Grande
Altitudine max.2.912 m
Altitudine min.2.130 m
Dislivello782 m m
Data apertura1573

La via normale al Gran Sasso è la via di ascesa tipica alla cima più elevata del massiccio montuoso del Gran Sasso d'Italia, la vetta occidentale del Corno Grande, la cima più elevata di tutti gli Appennini continentali.

Parte da Campo Imperatore (2130 m s.l.m.) ed arriva fino alla vetta occidentale del Corno Grande (2912 m s.l.m.), risalendo prima il brecciaio di sud-ovest e poi il vasto brecciaio del versante nord-ovest del Corno Grande. Il dislivello complessivo di salita è quindi di 782 m, la difficoltà è valutata come EE nella scala delle difficoltà escursionistiche e il tempo di percorrenza è stimato in 3/4 ore di salita e 2/3 ore di discesa.

Si tratta di una via escursionistica conosciuta da lungo tempo: essa ripercorre la prima scalata ufficiale del Gran Sasso d'Italia compiuta per la prima volta il 19 agosto 1573 dal bolognese Francesco De Marchi, ingegnere di corte di Margherita d'Austria, che si trovava a L'Aquila, al seguito della sovrana, nel periodo in cui questa vi si era stabilita essendo stata nominata Governatrice della città dal fratello Filippo II.

Indice

DescrizioneModifica

Partendo da Campo Imperatore (2130 m s.l.m.) la via procede lungo un sentiero ben segnato che passa a fianco del giardino botanico e dell'osservatorio astronomico e sale in direzione del rifugio Duca degli Abruzzi; dopo poco il sentiero si biforca e la via prosegue a destra (abbandonando quindi il sentiero per il suddetto rifugio).

La via procede prima in lieve discesa, poi in salita sui pendii del monte Portella fino a giungere sulla sella di monte Aquila (2335 m s.l.m.).

Dalla sella (ignorando un altro sentiero a sinistra, che torna al rifugio Duca degli Abruzzi) si procede fino ad un nuovo bivio: qui si continua (evitando il sentiero a sinistra che conduce al rifugio Giuseppe Garibaldi e quello a destra che conduce alla vetta di Monte Aquila) su di un sentiero ghiaioso via via più ripido che risale il brecciaio di sud-ovest fino alla sella del Brecciaio (2506 m s.l.m.), ai piedi della cresta ovest del Corno Grande.

Alla sella si incontra un sentiero sulla sinistra che va verso la via ferrata Brizio (al momento chiusa perché non manutenuta) ed uno a destra che sale per la via delle Creste-Ovest: ignorando entrambi si procede diritti, su un pendio di ripidità crescente, fino ad entrare nella Conca degli Invalidi con il vasto brecciaio nord-ovest da risalire.

Da tale conca si prende il tracciato sulla destra in salita su un pendio ghiaioso che costituisce il versante nord-occidentale del Corno Grande.

Giunti in cresta ci si trova sulla sinistra la conca del ghiacciaio del Calderone e procedendo diritti si arriva rapidamente sulla Vetta Occidentale (2912 m s.l.m.).

Vie alternativeModifica

 
Via delle Creste-Ovest del Corno Grande

La via normale è il percorso più semplice, ma anche più lungo per raggiungere la Vetta Occidentale del Corno Grande. In alternativa è possibile percorrere altre due vie, più brevi, ma di difficoltà via via crescente: la via delle creste ovest e la via direttissima tutte a partire da Campo Imperatore, passando da Campo Pericoli. Esiste una ulteriore via che sale dal versante settentrionale di Prati di Tivo, partendo dalla Madonnina del Gran Sasso, passando dal rifugio Carlo Franchetti e percorrendo il vallone delle Cornacchie tra Corno Grande e Corno Piccolo, la sella dei due Corni e il passo del Cannone.

Le tre vette minori del Corno Grande: la vetta centrale (2893 m s.l.m.), la vetta orientale (2903 m s.l.m.) ed il Torrione Cambi (2875 m s.l.m.) sono invece raggiungibili tramite le numerose vie di roccia che risalgono il Paretone e la conca del ghiacciaio del Calderone.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna