Apri il menu principale
Whitey Herzog
Herzog1983stand.jpg
Herzog come manager dei Cardinals nel 1983
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Baseball Baseball pictogram.svg
Ruolo Esterno, Manager
Ritirato 1963 (giocatore)
1990 (manager)
Hall of fame National Baseball Hall of Fame (2010)
Carriera
Squadre di club
1956–1958Washington Senators
1958–1960K.C. Athletics
1961-1962Baltimore Orioles
1963Detroit Tigers
Carriera da allenatore
1973Texas Rangers
1974California Angels
1975-1979Kansas City Royals
1980-1990St. Louis Cardinals
Statistiche
Batte sinistro
Lancia sinistro
Media battuta ,257
Punti battuti a casa 172
Fuoricampo 25
Palmarès
World Series 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 27 aprile 2017

Dorrel Norman Elvert "Whitey" Herzog, detto "Whitey" (New Athens, 9 novembre 1931), è un giocatore di baseball e allenatore di baseball statunitense che ha giocato nel ruolo di esterno nella Major League Baseball (MLB). È stato introdotto nella National Baseball Hall of Fame nel 2010 per i suoi meriti come manager.

Indice

CarrieraModifica

Herzog debuttò nella MLB come giocatore nel 1956 con i Washington Senators. Dopo avere chiuso la carriera nel 1963, occupò vari ruoli nella Major League Baseball, tra cui osservatore, manager, general manager e direttore del farm system. I primi successi come manager li ottenne alla guida dei Kansas City Royals, che guidò a tre apparizioni ai playoff consecutive tra il 1976 e il 1978. Nel 1980 fu assunto da Gussie Busch come manager dei St. Louis Cardinals, che guidò alla vittoria delle World Series nel 1982 e ad altre due apparizioni in finale nel 1985 e nel 1987.

Lo stile di gioco di Herzog fu soprannominato "Whiteyball"[1] e si concentrava sui lanci, sulla velocità e sulla difesa per vincere le partite, piuttosto che sui fuoricampo. Le formazioni di Herzog consistevano generalmente di uno o più ladri di basi all'inizio dei turni di battuta, con battitori potenti come George Brett o Jack Clark come terzi o quarti, protetti da battitori con meno potenza, seguiti da altri giocatori adatti a rubare le basi. Questa tattica consentì a Herzog di mantenere basso il monte stipendi delle squadra, permettendogli di vincere regolarmente su stadi con alte recinzioni e terreni artificiali, caratteristiche che rispecchiavano il Royals Stadium (ora Kauffman Stadium) e il Busch Memorial Stadium durante la sua carriera come allenatore.

Un aspetto meno noto (al'epoca) della filosofia offensiva di Herzog era la sua preferenza per i battitori pazienti con alte percentuali di arrivo in base:[2] tali giocatori ai Royals includevano Brett, Hal McRae e Amos Otis mentre ai Cardinals Clark, Keith Hernandez, José Oquendo e Ozzie Smith, oltre che Darrell Porter, che giocò per Herzog sia Kansas City che a St. Louis.

PalmarèsModifica

ClubModifica

St. Louis Cardinals: 1982

IndividualeModifica

  • Manager dell'anno della National League
1985

Record come managerModifica

Squadra Da A Stagione regolare Playoff
P V S % P V S %
Texas Rangers 1973 1973 138 47 91 .341
California Angels 1974 4 2 2 .500
Kansas City Royals 1975 1979 714 410 304 .574 14 5 9 .357
St. Louis Cardinals 1980 1980 73 38 35 .521
St. Louis Cardinals 1981 1990 1477 784 693 .531 37 21 16 .568
Totale 2406 1281 1125 .532 51 26 25 .510
Note:[3]

NoteModifica

  1. ^ Michael O'Hearn, The Story of the St. Louis Cardinals, The Creative Company, 2007, p. 44, ISBN 1-58341-551-3.
  2. ^ Ross Newhan, A Deep Team Rises to Top Despite Injuries, Cardinals Are Flying High and Leading NL East, in Los Angeles Times, 5 luglio 1987, p. Sports 3.
  3. ^ Managerial Record Baseball Reference

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN163651750 · ISNI (EN0000 0001 1233 5527 · LCCN (ENn86064304 · WorldCat Identities (ENn86-064304