Willy and the Poor Boys

album dei Creedence Clearwater Revival del 1969
Willy and the Poor Boys
ArtistaCreedence Clearwater Revival
Tipo albumStudio
Pubblicazione2 novembre 1969
Durata34:31
Dischi1
Tracce10
GenereRock
Southern rock
Roots rock
Swamp rock
Country rock
Blues rock
EtichettaFantasy Records
ProduttoreJohn Fogerty
Creedence Clearwater Revival - cronologia
Album precedente
(1969)
Album successivo
(1970)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 5/5 stelle
Piero Scaruffi 7/10 stelle
OndaRock Consigliato

Willy and the Poor Boys è un album in studio dei Creedence Clearwater Revival pubblicato il 2 novembre 1969 dalla Fantasy Records[1].

Con l'album "Willy and the Poorboys" la band lascia il segno nella storia del rock statunitense, soprattutto grazie alla vena compositiva e alla voce aggressiva di John Fogerty.

Il discoModifica

Down on the CornerModifica

Fogerty parla, in uno dei suoi brani più famosi, di un gruppo di ragazzi che suonano e attraggono numerose persone.

It Came Out of the SkyModifica

Il brano è una satira politica. Un UFO cade nel campo d'un contadino a Moline, nell'Illinois, facendolo diventare l'uomo più famoso d'America. Intanto il vicepresidente Spiro Agnew vuole approfittare dell'accaduto per imporre una tassa su Marte, il Papa dice che Dio è sceso dal cielo ('The Lord has come'), Hollywood ne fa un film, e Reagan (che al tempo era il governatore della California) accusa i comunisti.

Cotton FieldsModifica

Il brano è una cover del cantante Leadbelly. Qui sono eseguite solo le prime tre strofe, che vengono ripetute a intervalli irregolari. Il brano arrivò 1# in Messico nel 1970, e nel 1982 uscì come singolo negli USA, arrivando però solo al 50# posto nelle classifiche country.

Poorboy ShuffleModifica

È un pezzo strumentale con un assolo d'armonica. Negli ultimi minuti inizia il sound di batteria per far sfumare nel fade out l'armonica, e far iniziare il brano successivo.

Feelin' BlueModifica

L'atmosfera del brano è leggermente mesta, così come il testo parla della depressione.

Fortunate SonModifica

È una canzone pacifista. Uscì come lato B di Down on the Corner, ma ottenne più successo di quest'ultima.

Don't Look Now (It Ain't You or Me)Modifica

Fogerty critica il fatto che, mentre gli hippy si godono la vita ignorando le proprie responsabilità, i meno fortunati devono lavorare duramente. Il testo della canzone consiste in una serie di domande ('Chi lavorerà a mano i campi?' 'Chi estrarrà il carbone dalla miniera?'), la risposta alle quali è sempre la stessa: 'Don't look now, it ain't you or me' ('Non guardare noi, non lo faremo né tu né io').

The Midnight SpecialModifica

Anche questo brano è una cover di Leadbelly. Pur non uscendo come singolo, grazie al suo buon sound ottenne comunque successo e fu riproposto in varie raccolte della band.

Side o' the RoadModifica

È il secondo e ultimo pezzo strumentale dell'album.

EffigyModifica

L'ultimo brano dell'album, il più lungo, presenta un'atmosfera lugubre e dedita alla superstizione americana, simile a Born on the Bayou

AccoglienzaModifica

La rivista Rolling Stone l'ha inserito al 309º posto della sua lista dei 500 migliori album.

TracceModifica

Lato unoModifica

  1. Down on the Corner – 2:47 - (J. Fogerty)
  2. It Came Out of the Sky – 2:56 - (J. Fogerty)
  3. Cotton Fields – 2:54 - (Leadbelly)
  4. Poorboy Shuffle – 2:27 - (J. Fogerty)
  5. Feelin' Blue – 5:05 - (J. Fogerty)

Lato dueModifica

  1. Fortunate Son – 2:21 - (J. Fogerty)
  2. Don't Look Now (It Ain't You or Me) – 2:12 - (J. Fogerty)
  3. The Midnight Special – 4:14 - (Leadbelly)
  4. Side o' the Road – 3:26 - (J. Fogerty)
  5. Effigy – 6:31 - (J. Fogerty)

FormazioneModifica

ClassificaModifica

Anno Classifica Posizione
1970 Black Albums numero 28
1970 Pop Albums numero 3
1970 UK Albums Chart numero 10

SinglesModifica

Anno Singolo Posizione
Pop Singles Country Singles UK Top 40
1969 "Down On The Corner" numero 3 numero 31
1969 "Fortunate Son" numero 14
1982 "Cotton Fields" numero 50

NoteModifica

  1. ^ Carlo Bordone e Alessio Brunialti, American Recordings. Country rock: 100 album fondamentali, in Mucchio Extra, Stemax Coop, #23 Autunno 2006.

Collegamenti esterniModifica

Traduzione dell'album

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock