Yaël Braun-Pivet

politica francese

Yaël Braun-Pivet (Nancy, 7 dicembre 1970) è una politica, avvocata e attivista francese, Presidente dell’Assemblea nazionale dal 28 giugno 2022.

Yaël Braun-Pivet
Yaël Braun-Pivet 4colonnes 19185.jpg
Yaël Braun-Pivet nel 2017

Presidente dell'Assemblea nazionale
In carica
Inizio mandato28 giugno 2022
PredecessoreRichard Ferrand

Ministro dell'oltremare della Repubblica francese
Durata mandato20 maggio 2022 –
25 giugno 2022
PresidenteEmmanuel Macron
Capo del governoÉlisabeth Borne
PredecessoreSébastien Lecornu
SuccessoreÉlisabeth Borne
(ad interim)

Deputata dell'Assemblea nazionale
In carica
Inizio mandato21 giugno 2017
PredecessoreJacques Myard
LegislaturaXV, XVI
Circoscrizione5ª degli Yvelines

Dati generali
Partito politicoLREM (dal 2016)
In precedenza:
PS (anni 2000)
UniversitàUniversità Parigi-Nanterre
Scuola di formazione professionale per gli avvocati della Corte d'appello di Parigi
Université Toulouse-I-Capitole
ProfessioneAvvocato

Membro prima del Partito Socialista e poi di La République En Marche, è deputata dell'Assemblea nazionale dal 21 giugno 2017. In precedenza è stata, dal 2017 al 2020, Presidente della commissione delle leggi costituzionali e, dal 20 maggio al 25 giugno 2022, ministra dell'Oltremare nel governo Borne.

BiografiaModifica

Yaël Braun-Pivet è discendente di "immigrazione ebraica slava, polacca ebraica e tedesca, con i nonni che entrano in Francia con visti turistici" e una valigia, nel 1930.[1] Libération indica che non è "né una praticante né una credente" e che "celebra le festività ebraiche con la sua famiglia, come ha fatto suo padre (...) e soprattutto suo nonno, un sarto ebreo polacco che, in fuga dall'antisemitismo, si rifugiò a Nancy negli anni '30" per sfuggire ai nazisti".[2] Dopo la guerra, ha avuto una medaglia per la Resistenza.[3]

Suo padre è un modesto dipendente di una società pubblicitaria di cartelloni pubblicitari e sua madre, che si è diplomata al DDASS all'età di 16 anni, ha ottenuto un diploma come stenodattilografa.[3] La coppia ha due figli, un maschio e una femmina.[3]

La sua famiglia lasciò Nancy per stabilirsi in altre zone in base ai trasferimenti professionali del padre. Nella sua infanzia, i dibattiti politici a tavola erano frequenti.[3]

Attività professionaleModifica

Dopo gli studi presso la Facoltà di Giurisprudenza di Nanterre (Parigi X), è stata prima avvocato penalista presso l'Ordine degli Avvocati di Parigi e poi presso l'Ordine degli Avvocati degli Hauts-de-Seine fino al 2003:[4] ha esercitato per sette anni, prima come avvocato penalista nello studio di Hervé Temime,[5] poi nel proprio studio con due soci a Neuilly-sur-Seine.

Segue quindi il marito trasferitosi per lavoro in Asia e in Europa.[3][4] Al suo ritorno in Francia nel 2012, ha conseguito un Master in "Diritto commerciale e avvocato aziendale", quindi ha creato una startup specializzata in brevi soggiorni in bed and breakfast prima di riorientarsi verso l'impegno volontario.[4][3]

Attività di volontariatoModifica

Residente negli Yvelines dal 2012, è entrata a far parte del Restos du cœur nel 2014. Dopo aver guidato l'unità dipartimentale per l'accesso ai diritti e alla giustizia da novembre 2014, dove crea consulenze gratuite con avvocati e si offre consulenza legale a coloro che ne hanno bisogno,[3], si è offerta volontaria per gestire la filiale di Chanteloup-les-Vignes nel 2015 prima di dirigere la creazione del futuro centro visitatori di Sartrouville, dove ha guidato un team di un centinaio di volontari.[1].

Anche membro del Consiglio di amministrazione di Yvelines, è diventata nel settembre 2016 la responsabile nazionale dello spiegamento dell'attività di "accesso alla giustizia" dei Restos du Cœur.[6][4]

Si è dimessa dalla sua posizione di volontaria dopo la sua elezione a deputata nel 2017.

Vita privataModifica

Ha sposato un dirigente senior di L'Oréal, vissuto in Asia (Taiwan, Giappone), poi in Portogallo, per il ritorno in Francia nel 2012.[3][4] Hanno cinque figli e vivono a Le Vésinet.[4]

NoteModifica

  1. ^ a b (FR) Yaël Braun-Pivet, atypique présidente d'une commission phare à l'Assemblée, su lepoint.fr, 1º luglio 2018. URL consultato il 1° lugliojuillet 2018.
  2. ^ (FR) Eric Zemmour est entouré de personnes "clairement antisémites", selon Yaël Braun-Pivet qui se dit "très inquiète", su Franceinfo, 6 novembre 2021. URL consultato il 21 maggio 2022.
  3. ^ a b c d e f g h (FR) Claudine Douillet, Yaël Braun-Pivet: ce que j'ai conservé de ma culture juive, su AlianceFR.com, 18 febbraio 2021. URL consultato il 2i maggio 2022.
  4. ^ a b c d e f (FR) David Goudey, Yaël Braun-Pivet, des "Restos du Coeur" aux bancs de l'Assemblée nationale, su 78actu.fr, 22 giugno 2017. URL consultato il 25 luglio 2017.
  5. ^ (FR) Capucine Coquand, Yaël Braun-Pivet: un itinéraire hors norme, in Décideurs Magazine, 28 luglio 2017.
  6. ^ (FR) Restos du cœur de Chanteloup les vignes, su ad78.restosducoeur.org.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica