3º Fronte Ucraino

3° Fronte Ucraino
Третий Украинский фронт
3ci ukraiński.jpg
insegna di guerra del 3° Fronte Ucraino
Descrizione generale
Attivoottobre 1943 - giugno 1945
NazioneUnione Sovietica Unione Sovietica
ServizioArmata Rossa
TipoGruppo d'armate
Battaglie/guerreSeconda guerra mondiale
Parte di
Stavka
Comandanti
Degni di notaRodion Malinovskij
Fëdor Tolbuchin
fonti citate nel corpo del testo
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il 3° Fronte Ucraino fu un grande raggruppamento strategico dell'Armata Rossa sovietica, costituito durante la seconda guerra mondiale sul Fronte orientale. Il Fronte nella terminologia tradizionale russa e sovietica era equivalente ad un gruppo d'armate degli eserciti occidentali.

Una parte dei reparti del 3° Fronte Ucraino e i suoi quadri di comando provenivano direttamente dal Fronte Sud-occidentale che aveva svolto un ruolo importantissimo nella battaglia di Stalingrado.

La rappresentenza del 3° Fronte Ucraino alla parata della vittoria di Mosca del 1945.

Nel'ottobre 1943, dopo la serie di successi seguiti alla battaglia di Kursk, lo Stavka decise di riorganizzare completamente il suo schieramento in preparazione dell'imminente offensiva lungo la linea del fiume Dniepr che i tedeschi stavano cercando di fortificare; nel quadro della nuova denominazione dei Fronti combattenti che avrebbero dovuto liberare l'Ucraina, il Fronte Sud-occidentale divenne il 3° Fronte Ucraino e rimase affidato all'esperto generale Rodion Malinovskij. Negli ultimi mesi del 1943 questo raggruppamento di armate partecipò alla difficile offensiva sul basso Dniepr; le forze del generale Malinovskij, opportunamente rinforzate dall'alto comando sovietico, attaccarono la testa di ponte tedesca di Zaporoze ed entro il mese di novembre riuscirono a liberare questa importante città, quindi, in collaborazione con le truppe del 2º Fronte Ucraino, continuarono ad avanzare sulla riva destra del fiume e liberarono anche Dnepropetrovsk. Nella successiva campagna dell'inverno 1943-44 il 3° Fronte Ucraino ottenne nuovi importanti successi: entrò, dopo aspri combattimenti contro le truppe tedesche trincerate, a Krivoj Rog e Nikopol' in collaborazione con le armate del 4° Fronte Ucraino, quindi proseguì ad avanzare rapidamente in direzione di Odessa che venne liberata il 10 aprile 1944.

Nella primavera 1944 il 3° Fronte Ucraino passò al comando del generale Fëdor Ivanovič Tolbuchin che aveva appena completato la liberazione della Crimea; da questo momento il Fronte avrebbe combattuto fino alla fine della guerra nel settore meridionale del Fronte Orientale in stretta collaborazione con le armate del 3° Fronte Ucraino e avrebbe contribuito alla liberazione di tutta l'area Balcanica. Le armate del generale Tolbuchin parteciparono quindi dal 20 agosto 1944 alla brillante offensiva a tenaglia di Jasi-Kisinev; subito dopo, mentre le truppe del 2° Fronte Ucraino entravano a Bucarest, scesero verso sud e passarono in Bulgaria raggiungendo rapidamente Sofia. I due stati balcanici si affrettarono a chiedere l'armistizio all'Unione Sovietica e le formazioni del 3° Fronte Ucraino poterono proseguire facilmente e in ottobre le unità corazzate di punta marciarono su Belgrado che fu liberata in collaborazione con i partigiani jugoslavi dopo una violenta battaglia conclusa il 20 ottobre 1944.

Nell'ultima fase della guerra il 3° Fronte Ucraino, sempre al comando del maresciallo Tolbuchin, partecipò alla lunga e difficile campagna per accerchiare Budapest e quindi dovette respingere le ultime violente controffensive tedesche a gennaio (operazione Konrad) e marzo 1945 (offensiva del Lago Balaton); dopo aver superato alcuni momenti difficili, le armate del Fronte ebbero la meglio e in aprile 1945 conclusero vittoriosamente la guerra contribuendo all'accerchiamento e alla conquista di Vienna. Una parte delle truppe del maresciallo Tolbuchin entrarono in collegamento sul confine austriaco con le unità americane del generale George Patton[1].

Il 3º Fronte Ucraino venne sciolto ufficialmente il 15 giugno 1945 e la maggior parte delle sue forze venne assegnata al Gruppo di forze meridionale, incaricato di presidiare la Romania e la Bulgaria.

Comandanti in capo del 3º Fronte UcrainoModifica

# Nome Immagine Inizio Termine Note
1 Rodion Jakovlevič Malinovskij   ottobre 1943 maggio 1944 Assume il comando del 2º Fronte Ucraino
2 Fëdor Ivanovič Tolbuchin   maggio 1944 giugno 1945 Assume il comando del Gruppo di forze meridionale

Ordine di battaglia nell'offensiva del Lago Balaton 1945[2]Modifica

Effettivi nell'offensiva del Lago Balaton[3]Modifica

Consistenza organica del 3° Fronte Ucraino durante la battaglia del Lago Balaton.
PERSONALE
ufficiali e soldati: 465.000
MEZZI DI TRASPORTO
autocarri: dati non disponibili
ARMAMENTO
carri armati e cannoni semoventi: 400
cannoni anticarro e pezzi d'artiglieria campale: 7.000
aerei da combattimento: 965

NoteModifica

  1. ^ E. Bauer, Storia controversa della seconda guerra mondiale, vol. 7, pp. 223-225.
  2. ^ J. Erickson, The road to Berlin, pp. 509-512.
  3. ^ J. Erickson, The road to Berlin, p. 512.

BibliografiaModifica

  • (EN) John Erickson, The road to Berlin, London, Cassell, 2002, ISBN 0-304-36540-8.
  • David Glantz/Jonathan House, La grande guerra patriottica dell'Armata Rossa, Gorizia, LEG 2010

Voci correlateModifica