61 Danaë

asteroide
Danaë
(61 Danaë)
Stella madreSole
Scoperta9 settembre 1860
ScopritoreHermann Goldschmidt
ClassificazioneFascia principale
Classe spettraleS
Designazioni
alternative
1860 RC, 1917 SM, 1953 RL1
Parametri orbitali
(all'epoca JD 2459400,5
5 luglio 2021)
Semiasse maggiore446342132 km
2,9835704 au
Perielio372792893 km
2,4919311 au
Afelio519891371 km
3,4752097 au
Periodo orbitale1882,36 giorni
(5,15 anni)
Velocità orbitale17,12 km/s (media)
Inclinazione
sull'eclittica
18,21131°
Eccentricità0,1647822
Longitudine del
nodo ascendente
333,57172°
Argom. del perielio12,55917°
Anomalia media65,05472°
Par. Tisserand (TJ)3,163 (calcolato)
Ultimo perielio27 luglio 2020
Prossimo perielio22 settembre 2025
Dati fisici
Dimensioni82,0 km
Massa
5,78×1017 kg
Densità media~2,0 g/cm³
Acceleraz. di gravità in superficie0,0229 m/s²
Velocità di fuga0,0434 km/s
Periodo di rotazione0,4771 g (11,450 h)
Temperatura
superficiale
~155 K (media)
Albedo0,222
Dati osservativi
Magnitudine ass.7,66

61 Danaë è un asteroide della fascia principale. Scoperto nel 1860, presenta un'orbita caratterizzata da un semiasse maggiore pari a 2,9835704 au e da un'eccentricità di 0,1647822, inclinata di 18,21131° rispetto all'eclittica.

L'asteroide è dedicato a Danae, nella mitologia greca la madre di Perseo.[1][2] È il primo asteroide ad avere un carattere non ASCII nel nome ufficiale.

La sua scoperta, sebbene attribuita a Goldschmidt, fu possibile solo grazie alla collaborazione di Karl Luther, infatti, come scrisse Urbain Le Verrier, direttore dell'osservatorio di Parigi, nell'Astronomical Journal n° 141 del novembre 1860:

"Il sessantunesimo asteroide è stato scoperto dall'infaticabile Sig. Goldschmidt. È stato individuato da lui per la prima volta la sera del 9 settembre, ma una malattia gli ha impedito di osservarlo nuovamente prima del 19, e purtroppo lo ha precluso dal far seguire alla scoperta una serie di osservazioni. Il pianeta è stato individuato, tuttavia, dal Dr. Luther, a Bilk [Distretto di Düsseldorf], su richiesta del Sig. Goldschmidt, e, su suo suggerimento, ha ricevuto il nome di Danaë."

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare