Apri il menu principale
Sede dell'Accademia a Rio de Janeiro (2009)

L'Accademia brasiliana delle lettere (Portoghese: Academia Brasileira de Letras pronuncia[?·info]) è una società letteraria brasiliana senza scopo di lucro istituita alla fine del XIX secolo da un gruppo di 40 poeti e scrittori ispirati dall'Académie française.

Indice

IstituzioneModifica

Il primo presidente, Machado de Assis, dichiarò la sua fondazione il 15 dicembre 1896, mentre gli statuti furono approvati il 28 gennaio 1897. Il 20 luglio dello stesso anno l'Accademia fu istituita. L'Accademia brasiliana delle lettere è, secondo i suoi statuti, l'autorità per quanto riguarda la "lingua nazionale" del Brasile (il portoghese).

ComposizioneModifica

 
Immagine che rappresenta l'ideatore dell'ABL, Lúcio de Mendonça, e il presidente permanente Machado de Assis

Al giorno d'oggi è composta da 40 membri, conosciuti come "immortali", scelti tra i cittadini del Brasile che hanno pubblicato trattati o libri di riconosciuto valore letterario. La posizione di "immortale" è assegnata a colui che la riceve a vita. I nuovi membri sono ammessi con un voto dei membri dell'Accademia quando si libera una delle "sedie". Le sedie sono numerate e portano il nome di colui che ha occupato per primo quel posto. Gli accademici utilizzano uniformi formali da con una spada (che è chiamata "fardão") quando partecipano a incontri ufficiali all'Accademia.

Durante i periodi di dittatura e di regime militare, la neutralità dell'Accademia nella scelta dei membri adatti dediti alla professione di letterati era compromessa quando erano eletti politici che avevano dato pochi o alcuno contributo alla letteratura, come l'ex-presidente Getúlio Vargas. Un'eccezione a questo è l'ex presidente e senatore brasiliano José Sarney. L'accademia, che era esclusivamente un affare maschile fino all'elezione innovatrice di Rachel de Queiroz nel 1977 per la sedia numero 5, ora ha quattro membri donne (10% dei componenti totali), ma una di loro, Nélida Piñon, è stata presidente nel biennio 1996-7.

SedeModifica

 
Petit Trianon - sede dell'Academia Brasileira de Letras - Rio de Janeiro - Brasile.

L'accademia, grazie a alla buona amministrazione e alle buone entrate di 4 milioni di dollari l'anno, è benestante finanziariamente. Possiede un grattacielo con 28 piani (Palácio Austregésilo de Athaide), in un'area di valore al centro di Rio de Janeiro, che è stata affidata all'Accademia come spazio per uffici, generando il 70% delle entrate correnti. Il resto viene dall'affitto di altri edifici, che erano legati all'editore di libri Francisco Alves, nel 1917, e da investimenti finanziari. Questa situazione agiata permette di pagare un "jeton" a ogni accademico.

L'ABL è situato giusto al suo fianco, in un bell'edificio neoclassico, che è chiamato "Petit Trianon". È stato donato dal governo della Francia nel 1923 ed è chiamato così perché è una copia del palazzo Petit Trianon a Versailles, vicino a Parigi in Francia.

Recentemente è stata inaugurata una delle più grandi biblioteche pubbliche a Rio, con 90.000 volumi e un enorme centro multimediale.

AttivitàModifica

L'Accademia ha due biblioteche, provvede alla pubblicazione di propri annali e di una rivista ufficiale e conduce numerose attività ed ha una programmazione culturale molto ampia che prevede convegni, eventi e mostre. L'Accademia è inoltre impegnata in numerosi progetti di collaborazione scientifica e culturale con altre accademie ed istituti di cultura, molti dei quali stranieri.

L'Accademia assegna annualmente molti premi letterari: il Prêmio Machado de Assis (il più importante premio letterario nel paese, assegnato per il lavoro dell'intera vita), e i premi ABL per la poesia, per la novellistica e il drama, per i saggi, critica e storia della letteratura, e per la letteratura per ragazzi. Nel 2005 è stato stabilito anche il premio Afonso Arino de Mello Franco.

Accademici originaliModifica

Cronotassi dei presidenti dell'AccademiaModifica

Accademici attualiModifica

Galleria degli ImmortaliModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN139117438 · ISNI (EN0000 0001 0943 409X · LCCN (ENn82059239 · BNF (FRcb11870561q (data)