INS Vikramaditya

(Reindirizzamento da Admiral Gorškov (portaerei))
INS Vikramaditya
ex sovietica Baku
ex Admiral Gorškov
INS Vikramaditya during trials.jpg
La INS Vikramaditya
Descrizione generale
Naval Ensign of the Soviet Union (1950-1991).svg
Naval Ensign of Russia.svg
Naval Ensign of India.svg
Tipoportaerei
ClasseClasse Kiev
ProprietàNaval Ensign of India.svg Indian Navy
IdentificazioneNaval Ensign of India.svgPennant number R33[1]
CostruttoriCantieri navali del Mar Nero, Mykolayv, Ucraina
Entrata in serviziocon la Indian Navy 16 novembre 2013[2]
Caratteristiche generali
Lunghezza283,5 m
Larghezza59,8 m
Pescaggio10,2 m
Propulsione8 caldaie turbopressurizate, 4 assi, 4 turbine a riduzione con ingranaggi, 180,000 hp[3]
Velocità25 nodi (46 km/h)
Autonomia12.000 miglia a 14 nodi
Equipaggio1.200
Armamento
Armamento
Mezzi aereiaerei:

elicotteri:

voci di portaerei presenti su Wikipedia

La INS Vikramaditya (in hindi: "coraggiosa come il sole") è una portaerei della Marina militare dell'India che ha la sua origine nella ultima portaerei sovietica della classe Kiev.

Marina militare dell'Unione SovieticaModifica

Nata per la Marina militare dell'Unione Sovietica come Baku, entrò in servizio nel 1982, e venne messa in disarmo nel 1996 dopo vari problemi all'apparato motore.

 
La nave in servizio con la Marina Sovietica

La classificazione russa per le navi di questo tipo è TAKR (Тяжёлый авианесущий крейсер translitterato Tjažëlij Avianesuščyj Krejser), ovvero incrociatore pesante portaaeromobili.

Precedentemente queste navi con l'esclusione dell'Admiral Gorškov hanno ricevuto anche la classificazione di BPKR (Большой противолодочный крейсер translitterato Bol'šoj Protivolodočnyj Krejser), ovvero grande incrociatore antisommergibile e TPKR (Тяжёлый противолодочный крейсер translitterato Tjažëlij Protivolodočnyj Krejser), ovvero incrociatore pesante antisommergibile.

La nave aveva la capacità di ospitare i caccia del tipo Yakovlev Yak-38 Forger, e un gran numero di elicotteri. Era anche pesantemente armata con missili antinave a lungo raggio, ospitati a prua mentre il ponte di volo era angolato e non dotato di catapulta in quanto i Forger erano aerei a decollo verticale.

Una descrizione della nave è:

(EN)

«The fourth unit of the Kiev-class, the Baku [later renamed Gorshkov], is sometimes considered a separate class. Improvements included a phased array radar, extensive electronic warfare installations, and an enlarged command and control suite. The flight deck was extended forward approximately 5 meters over those of the first three ships.[4]»

(IT)

«La quarta unità della classe Kiev, la Baku (in seguito ribattezzata Gorškov), può essere considerata come classe a sé. Tra i miglioramenti si contano un radar a scansione di fase, svariati apparati da guerra elettronica, e un più ampio sistema di comando e controllo. Il ponte di volo è stato allungato di 5 metri rispetto a quello delle prime tre navi.»

La nave venne rinominata Admiral Gorškov dopo la disgregazione dell'Unione Sovietica nella flotta della Marina militare della Federazione Russa.

In seguito ad una serie di incidenti, non ha più preso il mare dal 1995, anno in cui è entrata ufficialmente in riparazione.

Nella Marina militare dell'IndiaModifica

Nel 2004 è stata ceduta dalla Russia all'India attratta dalla possibilità di rinforzare la sua componente aeronavale[5], che l'ha ribattezzata Vikramaditya, a costo nullo mentre gli estesi lavori di rifacimento dovevano costare 800 milioni di dollari statunitensi, mentre il gruppo aereo imbarcato doveva costare 1 miliardo di dollari; il costo complessivo sostenuto dall'India è stato di 2,35 miliardi di dollari[6]. Era stata anche vagliata l'ipotesi di acquistare dalla Northrop-Grumman i velivoli AEW E-2C Hawkeye[7]. Dopo lunghi lavori di rifacimento, ritardati dallo stato peggiore del previsto dell'unità, la nave iniziò le prove a mare a giugno 2012. Un problema alle caldaie causò un ulteriore ritardo; le prove a mare furono ripetute a luglio 2013, questa volta con esito positivo. La nave fu, quindi, consegnata alla marina indiana il 16 novembre 2013[8] nel corso di una cerimonia tenutasi a Severodvinsk[9][10] entrando in servizio nella marina militare indiana il 14 giugno 2014.[11][12]

 
La Vikramaditya ormeggiata durante una visita al porto di Colombo nel gennaio 2016

Dopo le prove in mare la nave iniziò da Severodvinsk con la nave INS Kadamba un viaggio di 10.212 nm durato 26 giorni verso il suo porto base di Karwar il 27 novembre 2013, con una breve tappa a Lisbona.[13][14] La nave era al comando del commodoro Suraj Berry, primo ufficiale indiano al comando.[15] Oltre all'equipaggio indiano, erano imbarcati anche 177 specialisti russi della Sevmash, che pare siano rimasti a bordo per un anno come parte della garanzia ventennale post-vendita offerta dal cantiere. Durante il viaggio la nave incontrò una tempesta nel Mare di Barents e si congiunse con la sua scorta formata dalla fregata INS Trikand e dal rifornitore di squadra INS Deepak.[16] Il gruppo venne anche ombreggiato dalla fregata britannica HMS Monmouth come consuetudine durante il suo passaggio nel Canale della Manica,[17] e raggiunto dal cacciatorpediniere INS Delhi vicino a Gibilterra.[13] La flottiglia transitò poi nel Mediterraneo attraversando il Canale di Suez[18][19]ed entrando nel Mare d'Arabia il 1 gennaio 2014. Venne ricevuto a circa 1200 nm dalle coste indiane da una parte della flotta occidentale,[20] tra cui la portaerei INS Viraat, due cacciatorpediniere classe Delhi, tre fregate classe Talwar, la fregata INS Godavari, ed altre navi minori.[13] In questa circostanza la marina indiana per la prima volta fece operare contemporaneamente due portaerei negli ultimi vent'anni della sua storia.[21] Dopo esercitazioni in mare,[22] la Vikramaditya raggiunse Karwar il 7 gennaio 2014.[23][24][25]

 
La Vikramaditya scortata dalla INS Viraat ed altre navi da guerra della Western Fleet nel Mare d'Arabia.

I piloti navali del INAS 303 "Black Panthers" dotato di MiG-29K condussero eserciatzioni alla Shore Based Test Facility (SBTF) di INS Hansa, Dabolim, Vasco-da-Gama. il primo aereo pilotato da un pilota della marina indiana atterrò sulla nave l'8 febbraio 2014.[26]

Da allora, i piloti ed i controllori di volo sono stati sottoposti al processo di certificazione per l'operatività dei caccia MiG-29K dal ponte di volo della portaerei, compresi gli atterraggi notturni. Lo stormo aereo imbarcato consisterà di 16 MiG-29K compresi quattro nella versione da addestramento KUB, sei elicotteri nella versione early warning and control (AEW&C) di tipo Kamov Ka-31 e nella versione antisommergibile (ASW) Kamov Ka-28.[27]

Nel maggio 2014, la portaerei è stata dichiarata operativamente dispiegata insieme al suo gruppo aereo imbarcato di MiG-29K ed ha preso parte alle esercitazioni condotte dal Western Naval Command della Indian Navy.[28][29] Il 14 giugno 2014, il primo ministro indiano Narendra Modi, con accenti nazionalistici, ha dedicato la portaerei al suo paese.[30]


NoteModifica

  1. ^ Aircraft Carrier: INS Vikramaditya, su indiannavy.nic.in, Indian Navy. URL consultato il 4 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2014).
  2. ^ Aircraft carrier INS Vikramaditya set to join Indian Navy on November 16, su The Indian Express, 14 novembre 2013. URL consultato il 15 novembre 2013.
  3. ^ 'Vikramaditya' to be Commissioned on 16 Nov 13, su indiannavy.nic.in, Indian Navy. URL consultato il 16 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2014).
  4. ^ Globalsecurity.org
  5. ^ Naval Air: Go For Gorshkov, su strategypage.com. URL consultato il 7 marzo 2011.
  6. ^ PTI, Gorshkov deal finalised at USD 2.3 billion, su thehindu.com, The Hindu, 10 marzo 2010. URL consultato il 27 aprile 2013.
  7. ^ IndiaDefence.com Archiviato il 1º febbraio 2009 in Internet Archive. – WHAT'S HOT? ANALYSIS OF RECENT HAPPENINGS – Aero India 2005 – Naval Interests – An IDC Report
  8. ^ (EN) Refitted carrier arrives in India at last, in Warship Technology, marzo 2014, pp. 18-20.
  9. ^ Aircraft carrier INS Vikramaditya inducted into Indian Navy, su ibnlive.in.com, IBN Live. URL consultato il 16 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 18 novembre 2013).
  10. ^ Navy's largest ship 'INS Vikramaditya' Commissioned, su indiannavy.nic.in, Indian Navy. URL consultato il 26 novembre 2013.
  11. ^ PM Modi inducts INS Vikramaditya into Navy, dedicates it to nation, Hindustan Times newspaper. URL consultato il 14 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2014).
  12. ^ PM Narendra Modi dedicates largest warship INS Vikramaditya to the nation, pitches for self-reliance, su indianexpress.com, The Indian Express, 14 giugno 2014.
  13. ^ a b c INS Vikramaditya enters Indian Navy's area of operation, in The Hindu, Chennai, India, 4 gennaio 2014. URL consultato il 4 gennaio 2014 (archiviato il 4 gennaio 2014).
  14. ^ INS Vikramaditya completes transoceanic voyage, arrives in India, in IndRus, 10 gennaio 2014. URL consultato l'11 gennaio 2014 (archiviato il 28 febbraio 2017).
  15. ^ Commodore Suraj Berry's finest hour, in IndRus, 4 dicembre 2013. URL consultato l'8 dicembre 2013 (archiviato il 28 febbraio 2017).
  16. ^ S. Anandan, INS Vikramaditya sets sail for India, in The Hindu, Chennai, India, 27 novembre 2013. URL consultato l'8 dicembre 2013 (archiviato l'8 dicembre 2013).
  17. ^ HMS Monmouth Helps Mammoth Aircraft Carrier Through Channel, in Royal Navy, 16 dicembre 2013. URL consultato il 22 dicembre 2013 (archiviato il 21 dicembre 2013).
  18. ^ Navy set to get its largest aircraft carrier tomorrow, in The Indian Express, 15 novembre 2013. URL consultato l'8 dicembre 2013 (archiviato il 19 dicembre 2013).
  19. ^ INS Vikramaditya approaches Murmansk for refuelling, in IndRus, 3 dicembre 2013. URL consultato l'8 dicembre 2013 (archiviato il 28 febbraio 2017).
  20. ^ INS Vikramaditya to Reach by Mid-January, in Defence News, 5 gennaio 2014. URL consultato il 5 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 6 gennaio 2014). Archiviato il 6 gennaio 2014 in Internet Archive.
  21. ^ India operates two aircraft carriers after 20 years, in The Deccan Chronicle, 7 gennaio 2014. URL consultato il 7 gennaio 2014 (archiviato il 24 giugno 2014).
  22. ^ INS Vikramaditya to sail to Mumbai & Vizag, in SP Publications, 16 gennaio 2014. URL consultato il 16 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2015). Archiviato il 2 giugno 2015 in Internet Archive.
  23. ^ INS Vikramaditya reaches home base in Karwar, in First Post, 7 gennaio 2014. URL consultato il 7 gennaio 2014 (archiviato il 7 gennaio 2014).
  24. ^ INS Vikramaditya reaches Karnataka port, in The Indian Express, 8 gennaio 2014. URL consultato l'8 gennaio 2014 (archiviato il 28 febbraio 2017).
  25. ^ INS Vikramaditya reaches Karwar, in Deccan Herald, 8 gennaio 2014. URL consultato l'8 gennaio 2014 (archiviato il 9 gennaio 2014).
  26. ^ First Indian MiG-29K Fighter Jet Lands on Vikramaditya, in Defence News, RIA Novosti, 8 febbraio 2014. URL consultato il 12 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2014). Archiviato l'8 febbraio 2014 in Archive.is.
  27. ^ Indian Navy chief: Vikramaditya deployed with MiG-29s embarked, in Jane's, 7 maggio 2014. URL consultato il 9 maggio 2014 (archiviato il 12 maggio 2014).
  28. ^ INS Vikramaditya operationally deployed: Navy chief, in The Hindu, 7 maggio 2014. URL consultato il 7 maggio 2014 (archiviato l'8 maggio 2014).
  29. ^ Naval exercises off Goa coast today Archiviato il 12 May 2014 Data nell'URL non combaciante: 12 maggio 2014 in Internet Archive.
  30. ^ PM Narendra Modi dedicates INS Vikramaditya to nation, in The Times of India, 14 giugno 2014. URL consultato il 13 giugno 2015 (archiviato il 6 settembre 2015).

Altri progettiModifica