Apri il menu principale

Aimone III di Challant

nobile italiano
Visconte
Aimone III di Challant
Visconte di Aosta
Stemma
In carica 1265 –
1277
Predecessore Gotofredo I
Successore Ebalo I
Morte Aosta, 1277
Dinastia Challant
Padre Bosone III di Challant
Madre Alasia o Fiandrina di Biandrate
Consorte Fina Lescours
Religione cattolicesimo

Aimone III di Challant (... – Aosta, 1277) (in francese, Aymon III de Challant) fu un nobile valdostano appartenente alla famiglia Challant..

BiografiaModifica

Aimone III di Challant era figlio del visconte Bosone III di Challant e di sua moglie, Fiandrina di Biandrate, figlia di Gotofredo II di Briandrate, conte d'Ossola, nonché fratello di Gotofredo I e Bosone IV coi quali regnò come co-visconte dalla morte del padre nel 1239, data l'indivisibilità dell'eredità paterna.

Viene citato per la prima volta in un documento siglato coi fratelli il 19 dicembre 1242 quando Gotofredo, Aimone III e Bosone IV si recarono a rendere omaggio al conte di Savoia, ingaggiando con questi la guerra contro Ugo di Bard.

Alla morte di Gotofredo I nel 1265, Aimone III gli succedette come unico visconte d'Aosta in quanto suo unico fratello ancora rimasto in vita, non senza contestazioni da parte degli eredi di suo fratello Bosone IV, già morto da tempo, e degli eredi dello stesso Gotofredo I. Dal suo matrimonio con la nobile aostana Fina Lescours, Aimone III ebbe una sola figlia, Beatrice che sposò Guglielmo de Grossis du Châtelar, signore di La Salle e di Châtelar-de-la-Salle. In mancanza di un erede maschio, adottò il nipote Ebalo I, primogenito di Gotofredo I, il quale fu poi il suo successore.

BibliografiaModifica

  • Abbé Joseph-Marie Henry, Histoire populaire religieuse et civile de la Vallée d'Aoste. Imprimerie Marguerettaz, Aosta (1929); riedizione del 1967.
  • Alessandro Barbero Valle d'Aosta medievale Liguori Editore, Napoli (2000) ISBN 88-207-3162-2
  • Georges de Manteyer, « Les origines de la maison de Savoie en Bourgogne (910-1060) » in: Mélanges d'archéologie et d'histoire T. 19, 1899. p.363-540.

Voci correlateModifica