Apri il menu principale
Air Force Materiel Command
Air Force Materiel Command.png
Descrizione generale
Attiva1 Luglio 1992
NazioneStati Uniti Stati Uniti
ServizioUnited States Air Force
TipoMajor Command
Dimensione17.239 militari e 61.652 civili
Comandanti
GeneraleEllen M. Pawlikowski
Fonti indicate nel testo principale
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia
Il Quartier Generale a Wright-Patterson AFB

L'Air Force Materiel Command (AFMC) è un Major Command dell'U.S.A.F. responsabile del supporto logistico e della ricerca, lo sviluppo, l'aquisizione e i test di tutti i suoi Sistemi d'arma. Il quartier generale è situato presso la Wright-Patterson Air Force Base, Ohio.

MissioneModifica

Il comando sostiene la ricerca e lo sviluppo, conduce i test e la valutazione, fornisce servizi di gestione dell'acquisizione e il supporto logistico necessari per mantenere tutti i sistemi d'arma e gli uomini delle forze aeree statunitensi sempre pronti all'impiego operativo.

StoriaModifica

L'AFMC traccia la sua eredità a partire dal 1917 presso McCook Field, una struttura di ingegneria sperimentale vicino Dayton, Ohio. Con la creazione dello U.S. Air Service nel 1918, l'organizzazione divenne nota come Engineering Division e fu ampliata per includere la responsabilità anche del sistema logistico. Nel 1926 mutò il nome in Air Corps Materiel Division, e come più grande reparto dell'Air Corps, fu responsabile della ricerca, sviluppo, assimilazione, manutenzione, fornitura e test di volo di tutti gli aerei e gli equipaggiamenti.

La ricerca e sviluppo e la logistica furono separate durante la seconda guerra mondiale, sebbene riunite per qualche anno alla fine del 1940 sotto l'Air Materiel Command. Nel 1950 l'Air Research and Development Command fu scorporato come organizzazione separata dedicata strettamente alla ricerca e sviluppo. Nel 1961, l'Air Materiel Command fu rinominato Air Force Logistics Command (AFLC), mentre l'Air Research and Development Command ottenne la responsabilità anche dell'acquisizione dei sistemi d'arma e divenne l'Air Force Systems Command (AFSC).

Il 1 luglio 1992 i due comandi furono combinati per creare l'odierno Air Force Materiel Command, una singola organizzazione con una missione allargata, che fornisce supporto logistico e scienza, tecnologia, ricerca, sviluppo e test. Il nuovo comando ha enormi risorse e responsabilità, avendo a disposizione circa il 31% dell'intero Budget dell'U.S.A.F. Gestisce 9 basi aeree e sostiene le scuole per i piloti collaudatori e per la medicina aerospaziale.

EquipaggiamentoModifica

Il comando dispone dei seguenti velivoli:

  • 5 Bombardieri B-1B, B-2A, B-52H
  • 47 Aerei da caccia ed attacco F-22A, F-35A, F-15C/D/E, F-16C/D, A-10C
  • 5 Elicotteri UH-1N e HH-60U
  • 24 Velivoli informazioni, sorveglianza, ricognizione, comando, controllo e comunicazione RQ-4, MQ-1, MQ-9 e NC-135W
  • 2 Aerei da rifornimento in volo KC-135R
  • 15 Addestratori T-38C
  • 30 Aerei da Trasporto C-12C/D/F e C-17A

OrganizzazioneModifica

BasiModifica

ComandantiModifica

  • Generale Ronald W. Yates, 1992–1995
  • Generale Henry Viccellio Jr., giugno 1995 – maggio/giugno 1997
  • Generale George T. Babbitt, Jr., maggio 1997 – 2000
  • Generale Lester Lyles, maggio 2000 – ottobre 2003
  • Generale Gregory S. Martin, 2003–2005
  • Generale Bruce A. Carlson, 2005–2008
  • Generale Donald J. Hoffman, 2008–2012
  • Generale Janet C. Wolfenbarger, 2012–2015
  • Generale Ellen M. Pawlikowski, 2015–oggi

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305307839 · ISNI (EN0000 0004 0605 3584 · LCCN (ENno92031158 · WorldCat Identities (ENno92-031158