Amalario di Metz

vescovo cattolico francese
Amalario
vescovo della Chiesa cattolica
Amalarius of Metz, De Ecclesiasticis officiis.png
Amalario presenta a Pietro e Andrea il suo Liber officialis, Bibliothèque nationale de France (Latin 12033), XI secolo.
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo di Treviri
Vescovo ausiliare di Metz
Vescovo di Lione
 
Natoattorno al 775 a Metz
Nominato vescovo809
Consacrato vescovo809 ?
Deceduto850 a Metz
 

Amalario di Metz, noto anche come Amalarius Symphosius o Amalarius Fortunatus (Metz, 780 circa – Metz, 29 aprile 850), è stato un arcivescovo, teologo, diplomatico liturgista francese autore di opere in prosa e versi in lingua mediolatina.

Sant'Amalario Fortunato di Treviri
Sant'Amalario di Metz.png
 
NascitaMetz, 775
MorteMetz, 850
Venerato daChiesa cattolica, diocesi di Treviri
Ricorrenza10 giugno nella diocesi di Treviri; 10 maggio per l'ordine benedettino

BiografiaModifica

Arcivescovo Metropolita di Treviri dall'809 all'814, fu inviato da Carlo Magno come ambasciatore a Costantinopoli con l'abate Pietro da Nonantola. Nell'831 si recò a Roma per incontrare papa Gregorio IV e preparare una nuova liturgia franca.

Perduta poi la diocesi, fu ausiliare di Drogone a Metz e, a partire dall'834, amministrò l'Arcidiocesi di Lione durante l'esilio di Agobardo[1] e partecipò in sua vece al sinodo di Diedenhofen.

Fu autore di varie opere teologiche e di raffinate lettere. Scrisse molto sul tema della messa[2], compreso il Liber officialis, e fu coinvolto nei grandi dibattiti medievali sulla predestinazione.

Sulla base della testimonianza di Floro di Lione[3] si sa che nell'838 venne condannato per eresia (ma già denunciato durante il concilio di Thionville) dal concilio di Quierzy per aver sostenuto la presenza simbolica nell'eucaristia,[4] nonostante la questione fosse aperta: ad esempio vi fu un dibattito sulla natura dell'eucaristia tra due monaci di Corbie, Ratramo e Pascasio Radberto.[4] Le accuse di Floro alludevano al fatto che Amalario potesse aver attinto alle tradizioni orientali, in particolare si tratterebbe della marcata sottolineatura simbolica della liturgia greca[5].

A seguito della condanna le sue opere furono proibite. Ciononostante i suoi scritti rappresentano una grande e importante parte della documentazione in nostro possesso sulla liturgia della chiesa occidentale del IX secolo e, in larga parte, sono confluiti in Summae liturgiche tra le quali ricordiamo il Rationale divinorum officiorum di Guglielmo Durante.

Morì a Metz attorno all'850 e qui, il 29 aprile, probabilmente dell’850, «obiit Amalarius episcopus» come riportano le Additiones Mettenses al martirologio di Berna[6] e il suo corpo fu sepolto nel mezzo della cripta del monastero di San Arnolfo di Metz[7] dove riposavano anche le spoglie mortali di Ludovico il Pio.

I cronisti narrano di molti miracoli che hanno avuto luogo davanti alla sua tomba: persone afflitte dalla febbre spesso ottenevano la guarigione e alla sua intercessione ci si appellava anche per la risoluzione di conflitti familiari. Presto si svilupparono una certa fama e culto popolare attorno al luogo della sua sepoltura che portarono ad annoveralo fra i santi[8] e, a tutt’oggi, ne è fatta memoria dall’Ordine Benedettino al 10 maggio e dalla diocesi di Treviri il 10 giugno[9].


Il nomeModifica

Amalarius è indubbiamente l’antroponimo più comune che troviamo nei suoi documenti autografi o pseudoautografi e nei documenti direttamente collegati a lui. Ma si incontrano anche: Amalherius, Amalhereus, Mialherius, Malherius, Amalherus, accanto alle varianti latine dello stesso “Amalario”: Amelarius, Amularius, Amalerio, Amallarius, Amellarius, Amalharius, Hamelarius, Hamularius, ecc. Appaiono anche le forme composte da due nomi: Symphosius Amalarius, Hamalarius (Hamularius, Amularius, Amualarius) Fortunatus[10] che, secondo gli usi e le abitudini del periodo in cui il nostro autore inizia e sviluppa la sua formazione intellettuale, egli stesso sembra aggiungersi. Questa pluralità di versioni del nome del nostro autore è riportata già nell’opera dell’andaluso religioso domenicano, e poi patriarca titolare di Alessandria, Alfonso Chacón.

Per la lingua italiana, anche se non costituisce una scelta felice, è comunemente usata forma Amalario di Metz. Sarebbe più corretto, almeno secondo le regole della lingua italiana, chiamarlo Amalario da Metz giacché la preposizione “da” indica proprio la città natale. Si tratta, comunque, di una imprecisione che compare anche in altri personaggi famosi come nel caso di Antonio da Padova, originario da Lisbona. Nel periodo altomedievale non si era soliti avere l’equivalente di un cognome e, per distinguere i vari personaggi, si ricorreva spesso ad una indicazione toponomastica riferita al luogo di nascita o ad altro luogo particolarmente significativo in relazione alla persona a cui ci si riferiva. In latino, però, il tutto era reso con l'aggettivo e quindi questo problema non sussisteva.

Risulta meno chiaro usare Amalario di Treviri o Amalario di Lione, in riferimento alle diocesi di cui ebbe la responsabilità, visto che questi appellativi generarono confusione portando all’ipotesi dell’esistenza di due Amalario[11].

OpereModifica

Il nome di Amalario è legato soprattutto alle sue opere liturgiche, che esercitarono un influsso incontrastato sull'interpretazione allegorica e simbolica della Messa per tutto il Medioevo. Si conoscono: il Liber officialis, ovvero De ecclesiasticis officiis, preziosa enciclopedia in quattro libri, dedicati a Ludovico il Pio, scritti e pubblicati a diverse riprese fra l'820 e l'832; il Liber de ordine antiphonarii, posteriore all'844, che si propone di unificare i varî libri corali sul modello della chiesa di Roma. Il complesso valore mistico e misterico della Messa fu chiarito da Amalario in varie Expositiones. Abbiamo, infine, di Amalario una decina di lettere e i Versus marini, un poemetto di 80 esametri che narra la sua legazione in Oriente.

NoteModifica

  1. ^ Eric Palazzo, 'Amalarius of Metz', in André Vauchez, ed, Encyclopedia of the Middle Ages, (2002)
  2. ^ On the Liturgy, ed. Eric Knibbs, 2 vols. (Cambridge, Mass.: Harvard University Press, 2014)
  3. ^ Eleanor Shipley Duckett, Carolingian Portraits: A Study in the Ninth Century (Ann Arbor, Michigan, 1962.
  4. ^ a b M. Colish, La cultura del Medioevo, Bologna, Il Mulino, 2001, pp. 132-133, ISBN 978-88-15083104.
  5. ^ Claudio Ubaldo Cortoni, Habeas Corpus. Il corpo di Cristo dalla devozione alla sua umanità al culto eucaristico (Sec. VIII-XV), in Studia Anselmiana 170, Roma, EOS, 2017, p. 58.
  6. ^ «Additiones Mettenses in Martyrologium ex codice bernensi 289», ed. W. Jaffè, in Acta sanctorum Octobris, vol. 13, edd. J. van Hecke-B. Bossue-V. Buck-R. de Buck, Victorem Palmè, Parisiis 1883, xiii..
  7. ^ Si tratta di un monastero fondato nel IV secolo nella città di Metz dal vescovo san Paziente e dedicato ai Santi Appostoli e, successivamente, a sant’Arnolfo. Dal VII secolo fu abbazia benedettina. Cf. G.M. Capuani-D. Tuniz, «Glossario», in Radulphus Glaber [Rodolfo il Glabro], Vita Domni Willelmi Abbatis [Vita di Guglielmo protagonista dell'anno Mille], edd. G.M. Capuani-D. Tuniz, Europìa, Milano 1989, 105..
  8. ^ Sant' Amalario Fortunato di Treviri Vescovo, su santiebeati.it.
  9. ^ Cf. A.M. Zimmermann, «Amalario di Metz», in Bibliotheca sanctorum. Enciclopedia dei santi vol.1, edd. G. Morelli, F. Caraffa, G. D'Alessandro, Città Nuova, Roma 1998, 912..
  10. ^ Cf. ALPHONSUS CIACCONIUS, Vitae, et Res Gestae Pontificum Romanorum et S.R.E. Cardinalium. Ab initio nascentis Ecclesiæ usque ad Clementem IX P.O.M. Alphonsi Ciaconii Ordinis Praedicatorum & aliorum opera descriptæ: Cum uberrimis Notis. Ab Augustino Oldoino Societatis Iesu recognitæ, & ad quatuor Tomos ingenti ubique rerum accessione productæ. Additis Pontificum recentiorum Imaginibus, & Cardinalium Insignibus, plurimisque æneis Figuris, cum indicibus locupletissimis, vol. 1, Philippi, et Ant. de Rubeis, Romæ1677, 610..
  11. ^ Cf. G. Morin, «La question des deux Amalaire», RB 8 (1891) 433-442..

BibliografiaModifica

  • Johannes Michael Hanssens (a cura di), Amalarii episcopi opera liturgica omnia, 3 v. in Studi e Testi 138–140 (1948–50).
  • Allen Cabaniss, Amalarius of Metz (Amsterdam 1954).
  • Allen Cabaniss, "Agobard and Amalarius: A Comparison," 3 (1952) 125–131.
  • A. Kolping, "Amalar von Metz und Florus von Lyon," Zeitschrift für katholische Theologie 73 (1951) 424–464.
  • Amalarius, in New Catholic Encyclopedia, vol. 1, New York, McGraw-Hill, 1967.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN4911634 · ISNI (EN0000 0000 7969 7672 · LCCN (ENn85320304 · GND (DE118502379 · BNF (FRcb14555941w (data) · BAV (EN495/18418 · CERL cnp01380112 · WorldCat Identities (ENlccn-n85320304