Apri il menu principale

Amonherkhepshef (figlio di Ramses III)

Amonherkhepshef
Amunherkhepeshef.jpg
Il principe Amonherkhepshef raffigurato nella sua tomba nella Valle delle Regine
Principe d'Egitto
Nome completo Ramses-Amonherkhepshef
Luogo di sepoltura Tomba QV55 nella Valle delle Regine
Dinastia XX dinastia egizia
Padre Ramses III
Madre Iside Ta-Hemdjert

Amonherkhepshef (... – ...) è stato un principe egizio della XX dinastia.

BiografiaModifica

Fu il figlio primogenito del faraone Ramses III (1186 - 1155 a.C.[1]) e della Grande Sposa Reale Iside Ta-Hemdjert; come molti altri suoi figli, il suo nome deriva da quello di un figlio di Ramses II, Amonherkhepshef[2]. Suoi fratelli e fratellastri furono, tra gli altri, i faraoni Ramses IV, Ramses VI, Ramses VIII e il principe parricida Pentaur (vedi Congiura dell'harem). Morì intorno ai quindici anni d'età[3].

Il suo nome completo fu probabilmente Ramses-Amonherkhepshef. Non deve tuttavia essere confuso con suo fratello Ramses VI, che pure si chiamava Amonherkhepshef prima di salire al trono[2].

Compare nelle raffigurazioni che decorano il tempio di suo padre a Medinet Habu[2] e nella sua tomba ben conservata, classificata con la sigla QV55, che fu scoperta nel 1903 dall'egittologo italiano Ernesto Schiaparelli[3][4].

SepolturaModifica

La sua tomba fu scoperta in eccellenti condizioni dalla Missione Archeologica Italiana di Ernesto Schiaparelli nel 1903, ed è oggi una delle poche nella Valle delle Regine a essere aperta ai visitatori. Si distingue per le sue tonalità basate sull'oltremare, che addolciscono il complesso delle ricche decorazioni basate sul Libro delle Porte e, nella camera sepolcrale, sul Libro dei morti[4]. Nell'anticamera il giovane principe compare al seguito del padre di fronte a diverse divinità, e immagini delle dee Uadjet e Nekhbet (le due dee tutelari dell'Alto e Basso Egitto).

Nel sarcofago di Amonherkhepshef furono enigmaticamente ritrovati i resti di un feto, forse un figlio nato morto del giovanissimo principe. Il feto era avvolto in bende di lino e deposto in una piccola cassa di legno; oggi si trova una vetrina all'interno della camera[4].

 
Particolare della processione dei figli di Ramses III, nel suo Tempio funerario a Medinet Habu.

NoteModifica

  1. ^ E.F. Wente & C.C. Van Siclen, "A Chronology of the New Kingdom" in Studies in Honor of George R. Hughes, (SAOC 39) 1976, p.235, ISBN 0-918986-01-X
  2. ^ a b c Aidan Dodson & Dyan Hilton, The Complete Royal Families of Ancient Egypt, Thames & Hudson (2004) ISBN 0-500-05128-3, p.192
  3. ^ a b Alberto Siliotti: Guide to the Valley of the Kings. Barnes and Noble (1997). ISBN 88-8095-496-2
  4. ^ a b c Les Tombes : QV55 - QV66 - QV68 - QV80, su antikforever.com.

BibliografiaModifica

  • Aidan Dodson & Dyan Hilton, The Complete Royal Families of Ancient Egypt, Thames & Hudson (2004) ISBN 0-500-05128-3
  • Ramses III. in den Gräbern seiner Söhne, Orbis Biblicus et Orientalis 72, Universitätsverlag, Freiburg, 1986.
  • La tombe du prince Amon-(Ḥer)-Khepchef, Centre d'études et de documentation sur l'ancienne Egypte, Le Caire, 1976.