Apri il menu principale

Angelo Majorana Calatabiano

giurista e politico italiano
Angelo Majorana Calatabiano
Angelo Majorana.jpg

Ministro delle Finanze del Regno d'Italia
Durata mandato 24 novembre 1904 –
24 dicembre 1905
Monarca Vittorio Emanuele III
Presidente Giovanni Giolitti
Predecessore Luigi Luzzatti
Successore Pietro Vacchelli

Durata mandato 24 marzo 1907 –
19 aprile 1907
Predecessore Fausto Massimini
Successore Pietro Lacava

Ministro del Tesoro del Regno d'Italia
Durata mandato 29 maggio 1906 –
17 maggio 1907
Presidente Giovanni Giolitti
Predecessore Luigi Luzzatti
Successore Paolo Carcano

Camera dei deputati

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione docente di Diritto Costituzionale
Rettore

Angelo Majorana Calatabiano (Catania, 4 dicembre 1865Catania, 9 febbraio 1910) è stato un giurista e politico italiano.

Busto monumentale nel Giardino Bellini di Catania

Indice

BiografiaModifica

Originario di Militello in Val di Catania era figlio di Salvatore Majorana Calatabiano, senatore del Regno e Ministro, e fratello di Giuseppe, Dante e Quirino, tutti docenti universitari ed i primi due anche Rettori dell'ateneo. Il famoso fisico teorico Ettore Majorana era il figlio del minore degli eredi del "senatore" Salvatore, l'ingegnere Fabio Massimo. La famiglia Majorana era, insieme alla famiglia dei Carnazza, quella che dominava la vita politica e culturale catanese e della provincia etnea.

Carriera accademicaModifica

Si laureò presso l'Università di Roma all'età di 16 anni e l'anno successivo (nel 1883) conseguì la libera docenza in Diritto Costituzionale presso l'Università di Catania. Nel 1887 vinse il concorso di professore straordinario e nel 1899 venne promosso a professore ordinario di Diritto Costituzionale, cattedra che conservò fino alla morte. Fu inoltre Rettore dell'Università etnea nel 1895-96.

Carriera politicaModifica

Dopo la carriera politica cittadina, come consigliere comunale, assessore alle finanze e pro-sindaco, nel 1897 fu eletto alla Camera dei deputati e da allora fu sempre rieletto. Nel 1903 entrò nel Governo Giolitti II con l'incarico di sottosegretario alle Finanze. L'anno successivo, a soli 38 anni, venne nominato Ministro delle Finanze. Conservò tale carica anche nei governi Tittoni e Fortis I, fino al 1906. Nel Governo Giolitti III rientra con l'incarico di Ministro del Tesoro al quale si aggiunse l'interim di quello delle Finanze. Durante tale ministero, varò la conversione della rendita, che riscosse il plauso degli economisti e di molti politici.

Nel 1907 una prima malattia lo costrinse a dimettersi quando era al culmine della carriera: molti infatti lo vedevano come possibile Presidente del Consiglio. Morì il 9 febbraio 1910 a soli 44 anni.

OnorificenzeModifica

BibliografiaModifica

  • Fulvio Conti, MAJORANA, Angelo, in Dizionario biografico degli italiani, LXVII volume, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2007. URL consultato il 07-05-2013.
  • Il "giureconsulto della politica". Angelo Majorana e l'indirizzo sociologico del Diritto pubblico, a cura di Giacomo Pace Gravina, Biblioteca Giornale di Storia costituzionale, 6; EUM Edizioni Università di Macerata, Macerata 2011.
  • Giacomo Pace Gravina, Majorana, Angelo, in Dizionario Biografico dei Giuristi Italiani (XII-XX secolo), vol. II Lev-Z, il Mulino, Bologna 2013, pp. 1233-1234.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89215016 · ISNI (EN0000 0000 8345 3240 · SBN IT\ICCU\TO0V\159845 · LCCN (ENno2015014793 · BAV ADV10956692