Apri il menu principale

Anna Christie (teatro)

opera teatrale di Eugene O'Neill
Anna Christie
Dramma in quattro atti
Anna-Christie-1921-2.jpg
La produzione originale (New York, 1926)
AutoreEugene Gladstone O'Neill
Titolo originaleAnna Christie
Lingua originaleInglese
Composto nel1919-1921
Prima assoluta2 novembre 1921
Vanderbilt Theatre di New York
Prima rappresentazione italiana28 maggio 1939
Teatro delle Arti, Roma
PremiPremio Pulitzer per la Drammaturgia
Personaggi
  • Anna Christopherson
  • Chris C. Christopherson, suo padre
  • Mat Burke, fuochista
  • Johnny the Priest, barista
  • Larry, barista
  • Marthy Owen, amante di Chris
  • Johnson, scaricatore di porto
  • Due scaricatori di porto
  • Un postino
Riduzioni cinematograficheAnna Christie, regia di John Griffith Wray, 1923

Anna Christie, regia di Clarence Brown, 1930

 

Anna Christie è un'opera teatrale del drammaturgo statunitense Eugene O'Neill, che valse all'autore il primo dei suoi quattro Premi Pulitzer per la Drammaturgia.

La piece è stata adattata per il cinema tre volte:

Indice

TramaModifica

Primo attoModifica

Il vecchio capitano Chris C. Christopherson è appena sbarcato dalla sua chiatta di carbone e si trova alla taverna gestita da Johnny the Priest. Il capitano ha ricevuto una lettera dalla figlia Anna, che non vede da quando aveva cinque anni, e che entra nel locale mentre vi si trova anche Chris. Il figlio è felice di vedere la giovane donna e non nota lo sfinimento della figlia: le offre di venire a vivere con lui sulla chiatta e la ragazza accetta-

Secondo attoModifica

I marinai della chiatta salvano Mat Burke e altri quattro naufraghi. Mat è rude ed esuberante, ma riesce comunque a far breccia nel cuore di Anna.

Terzo attoModifica

Mat vuole sposare Anna ma Chris rifiuta, perché non vuole che la figlia stia con un marinaio. La donna si infuria, rivendica la propria indipendenza e racconta la sua triste storia: è stata violentata dai parenti della madre mentre viveva in Minnesota e lavorava come prostituta a New York prima di ricongiungersi con il padre. Mat, furioso, se ne va e anche Chris si allontana.

Quarto attoModifica

Mat e Chris ritornano. Anna perdona il padre per essere stata una figura assente nella sua vita e Mat perdona ad Anna il suo passato purché giuri di smettere con la prostituzione. Chris acconsente al matrimonio e scopre che lui e Mat hanno firmato un contratto per la stessa chiatta, che salperà per il Sudafrica il mattino seguente. Entrambi giurano che torneranno da lei.

ProduzioniModifica

Prime internazionaliModifica

O'Neill cominciò a scrivere la piece nel gennaio 1919 e in essa Chris Christopherson non solo dava il titolo all'opera, ma ricopriva anche un ruolo più importante e positivo nella trama. Completamente revisionata nei successivi due anni, Anna Christie debuttò a Broadway il 2 novembre 1921 e rimase in scena per 177 repliche.[1] La piece vinse il Premio Pulitzer per la Drammaturgia.[2]

La prima londinese avvenne nel 1923 allo Strand Theatre (oggi Novello) e fu la prima volta che un'opera di O'Neill andò in scena su un palco inglese. Anna Christie fu un grande successo di pubblico e critica.

Il 20 gennaio 1931 Anna Christie debuttò in Spagna, al Teatro Fontalba di Madrid, con Lola Membrives nel ruolo di Anna.

Il 28 maggio 1939 Anna Christie debuttò al Teatro delle Arti di Roma, con Anna Magnani nel ruolo di Anna.[3]

Altre produzioniModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENnr92041996 · WorldCat Identities (ENnr92-041996
  Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro