Apri il menu principale

Liam Neeson

Attore irlandese

BiografiaModifica

Nato a Ballymena, nell'Irlanda del Nord, il 7 giugno del 1952, Neeson frequentò la Queen's University Belfast, ma poi lasciò gli studi senza conseguire la laurea. Quando in un'intervista gli chiesero della sua educazione in relazione con i "troubles", Neeson disse che Ballymena era "una comunità di duri lavoratori che è stata testimone del pregiudizio di cui è vittima la maggior parte dell'Irlanda del Nord". A 9 anni, Liam incominciò a prendere lezioni di boxe alla "All Saints Youth Club". Alto 193 cm, diventò un giovane campione prima di avere una sincope che lo costrinse a ritirarsi dal ring. Liam è inoltre specializzato in arti marziali miste, imparate durante il periodo in cui ha militato nei Royal Marines britannici.

CarrieraModifica

Esordisce con piccoli ruoli nei primi anni ottanta, recitando in film di successo del calibro di Excalibur (1981), Il Bounty (1984), Mission (1986), Suspect - Presunto colpevole (1987), e in un episodio della serie Miami Vice nel 1986. Nel 1990 ottiene il suo primo ruolo di rilievo nel Darkman di Sam Raimi, ma arriva alla fama 3 anni dopo, quando viene scelto dal regista Steven Spielberg per interpretare il ruolo di Oskar Schindler nel film Schindler's List - La lista di Schindler, cui seguiranno Rob Roy (1995), Michael Collins (1996), Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma (1999) e Kinsey (2004). Altri ruoli famosi, ma non da protagonista, comprendono il doppiaggio del saggio leone Aslan nel ciclo di film Le cronache di Narnia, il dott. Jerome Lovell in Nell (1994), Goffredo di Ibelin ne Le crociate - Kingdom of Heaven (2005), il villain Henri Ducard/Ra's al Ghul in Batman Begins (2005) e Il cavaliere oscuro - Il ritorno (2012), e Zeus in Scontro tra titani (2010) e La furia dei titani (2012).

È famoso anche per il ruolo di Bryan Mills nei film Io vi troverò (2008), Taken - La vendetta (2012) e Taken 3 - L'ora della verità (2015). In una puntata dei I Simpson, ha doppiato un prete che converte Bart e Homer al cattolicesimo. In una sua apparizione nello show Saturday Night Live, ha recitato in maniera molto convincente un hippy in là con gli anni che cerca di ottenere un cane poliziotto per scoprire dove ha nascosta la sua "roba". La sua interpretazione di Oskar Schindler in Schindler's List gli fece guadagnare grandi consensi e una candidatura al premio Oscar al miglior attore nel 1994, ma il riconoscimento fu assegnato a Tom Hanks per Philadelphia. Neeson sarebbe dovuto apparire in un piccolo ruolo in Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni (2002), sempre interpretando Qui-Gon Jinn, sotto forma di fantasma, ma pochi giorni prima delle riprese ebbe un incidente in moto e si ruppe una gamba. George Lucas decise pertanto di rinunciare alla scena.

Ha inoltre interpretato un ruolo nel film Caccia spietata (2007), che narra le vicende della guerra di secessione americana. Neeson ha prestato la sua voce a un personaggio del videogioco Fallout 3, il dott. James del Vault 101, padre del giocatore. Nel 2005 firmò per interpretare il presidente Abraham Lincoln nell'omonimo film di Steven Spielberg; in seguito, in accordo col regista e la produzione, rinunciò alla parte poiché troppo vecchio per il ruolo[1] che andò poi a Daniel Day-Lewis; curiosamente, quest'ultimo aveva recitato insieme con Neeson nel film di Martin Scorsese Gangs of New York (2002).

Vita privataModifica

Di fede cattolica, è stato fidanzato nel 1991 con l'attrice Barbra Streisand; dal 3 giugno 1994 Neeson è stato sposato con l'attrice Natasha Richardson fino alla morte di lei, avvenuta il 18 marzo 2009 a causa di un trauma cranico procuratosi mentre sciava a Mont Tremblant. Insieme hanno avuto due figli, Micheál Richard Antonio (nato nel 1995) e Daniel Jack (nato nel 1996). Molto amico dell'attore Ralph Fiennes e grande tifoso del Liverpool, è stato nominato ufficiale dell'Order of the British Empire dalla Regina Elisabetta II nel 1999.

FilmografiaModifica

 
Liam Neeson al Toronto International Film Festival per la proiezione de L'ombra del sospetto (2008)

AttoreModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

SpotModifica

DoppiatoreModifica

ProduttoreModifica

RiconoscimentiModifica

OnorificenzeModifica

Doppiatori italianiModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Liam Neeson è stato doppiato da:

  • Alessandro Rossi in Suspect - Presunto colpevole, Diritto d'amare, Innocenza colposa, Vendesi miracolo, Schindler's list - La lista di Schindler, Michael Collins, Prima e dopo, Gun Shy - Un revolver in analisi, K-19, Gangs of New York, Kinsey, Batman Begins, Breakfast on Pluto, Caccia spietata, Io vi troverò, L'ombra del sospetto, L'ombra della vendetta - Five Minutes of Heaven, Chloe - Tra seduzione e inganno, After.Life, Scontro tra titani, A-Team, The Big C, The Next Three Days, Unknown - Senza identità, The Grey, Battleship, La furia dei titani, Il cavaliere oscuro - Il ritorno, Taken - La vendetta, Third Person, Anchorman 2 - Fotti la notizia, Non-Stop, La preda perfetta - A Walk Among The Tombstones, Un milione di modi per morire nel West, Taken 3 - L'ora della verità, Run All Night - Una notte per sopravvivere, Ted 2, Entourage, Silence, Sette minuti dopo la mezzanotte, Operation Chromite, L'uomo sul treno - The Commuter, The Orville, The Silent Man, La ballata di Buster Scruggs, Widows - Eredità criminale, Un uomo tranquillo, Men in Black: International
  • Gino La Monica in Scommessa con la morte, Haunting - Presenze, Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma
  • Massimo Venturiello in Mission, I miserabili
  • Luca Ward in Darkman, Rob Roy
  • Natalino Libralesso in Ethan Frome - La storia di un amore proibito
  • Paolo Poiret in Excalibur
  • Mario Cordova in Miami Vice
  • Roberto Chevalier in Krull
  • Marcello Cortese in The Big Man
  • Angelo Nicotra ne Il Bounty
  • Luciano Roffi in Una preghiera per morire
  • Carlo Valli in Costretto al silenzio
  • Fabrizio Pucci in Femmine sfrenate
  • Massimo Lodolo in High Spirits - Fantasmi da legare
  • Cesare Barbetti in Vendetta trasversale
  • Renato Cortesi in Vite Sospese
  • Gianluca Tusco in Mariti e mogli
  • Massimo Rinaldi in Ruby Cairo
  • Massimo Corvo in Nell
  • Luca Biagini in Love Actually - L'amore davvero
  • Roberto Alpi ne Le crociate - Kingdom of Heaven
  • Andrea Ward in Una preghiera per morire (ridoppiaggio)

Come doppiatore, è stato sostituito da:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Liam Neeson, Imdb Official Site. URL consultato il 12 settembre 2012.
  2. ^ Andrea Bedeschi, Super Bowl 50: Liam Neeson è l'uomo dal futuro nello spot LG diretto da Ridley Scott!, badtaste.it, 2 febbraio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN85584210 · ISNI (EN0000 0001 1030 4399 · LCCN (ENno94029451 · GND (DE119430487 · BNF (FRcb139542836 (data) · NLA (EN35154421 · WorldCat Identities (ENno94-029451