Apri il menu principale

Antonfrancesco Vivarelli Colonna

politico e imprenditore italiano
Antonfrancesco Vivarelli Colonna
Inaugurazione Biblioteca Chelliana 27 giugno 2019 (2) cropped.jpg

Sindaco di Grosseto
In carica
Inizio mandato 23 giugno 2016
Predecessore Emilio Bonifazi

Presidente della Provincia di Grosseto
In carica
Inizio mandato 9 gennaio 2017
Predecessore Emilio Bonifazi

Dati generali
Partito politico Indipendente di centro-destra
Professione imprenditore

Antonfrancesco Vivarelli Colonna (Firenze, 24 novembre 1969[1]) è un politico e imprenditore italiano, sindaco di Grosseto dal 2016 e presidente della Provincia di Grosseto dal 2017.

BiografiaModifica

Studi e formazioneModifica

Nato a Firenze, da famiglia aristocratica, dopo aver conseguito la maturità scientifica, frequenta per un anno l'Accademia navale di Livorno.[2][3]

In seguito si iscrive alla Scuola superiore per interpreti e traduttori di Pisa, dove consegue il diploma professionale d'interpretariato parlamentare per inglese e tedesco.[3] Avviatosi in un primo momento alla carriera di traduttore e interprete professionista, diviene ufficiale di complemento del reggimento "Piemonte Cavalleria" II di Villa Opicina, dal quale si congeda col grado di tenente nel 1998 per dedicarsi all'impresa agricola di famiglia nella Maremma grossetana.[2][3]

Impegno nel settore agricoloModifica

In seguito all'esperienza maturata nella gestione della tenuta di famiglia, Vivarelli Colonna inizia l'impegno sindacale in associazioni dedite alla salvaguardia del settore agricolo, agroalimentare e dell'allevamento.[3] Nel 2011 viene eletto presidente di Confagricoltura della Provincia di Grosseto, poi riconfermato nel 2014.[4] In Confagricoltura si distingue in particolar modo nella battaglia nazionale condotta contro l'IMU agricola, partita da Grosseto e poi estesa a tutto il territorio nazionale, che porterà all'abolizione della tassa nel 2016.[5][6][7]

Altri incarichi coperti prima del 2016: presidente di Confagri e di Co.Agri, consigliere presso la Camera di commercio di Grosseto, consigliere presso Conserve Italia, presidente della sezione "Colture industriali" di Confagricoltura Toscana e presidente di Grossetofiere.[3]

Carriera politicaModifica

Nel gennaio 2016 Vivarelli Colonna entra in politica come indipendente, candidandosi a sindaco di Grosseto per le elezioni amministrative in rappresentanza di una coalizione di centro-destra formata da Lega Nord, Forza Italia, Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale e liste civiche.[2] Al primo turno del 5 giugno raccoglie 16 777 voti (39,50%) contro lo sfidante di centro-sinistra Lorenzo Mascagni che ottiene 14 659 suffragi (34,52%). Al ballottaggio del 19 giugno vince con 19 511 voti (56,38%).[8]

Il 22 giugno si insedia ufficialmente come sindaco di Grosseto.[9]

L'8 gennaio 2017 diventa presidente della Provincia di Grosseto, dopo aver vinto le elezioni provinciali prevalendo su Giancarlo Farnetani, sindaco di Castiglione della Pescaia e candidato del Partito Democratico.[10] Si tratta della prima volta che la provincia di Grosseto è presieduta da un esponente che non appartiene alla sinistra.[10][11][12]

Il 6 marzo 2017 il sindaco firma con il presidente del consiglio Paolo Gentiloni l'accordo con il quale il governo si impegna a stanziare circa 11 milioni di euro per la riqualificazione delle periferie riguardanti il progetto presentato dal Comune di Grosseto nell'ambito del "Bando delle periferie" indetto nel 2016 dal Governo Renzi.[13][14][15]

Il 22 luglio 2018 è stato eletto vicepresidente toscano dell'Unione delle province d'Italia, mentre dal 2 aprile 2019 è vicepresidente del Consiglio delle autonomie locali per la Toscana.[16][17]

NoteModifica

  1. ^ Amministrazione di Grosseto, su tuttitalia.it. URL consultato il 12 luglio 2016.
  2. ^ a b c Enrico Pizzi, Vivarelli Colonna col botto. Il candidato del centrodestra si presenta al pubblico in una sala stracolma, Il Tirreno, 24 gennaio 2016. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  3. ^ a b c d e Antonfrancesco Vivarelli Colonna – Sindaco, su web.comune.grosseto.it. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  4. ^ Vivarelli Colonna confermato alla guida di Confagricoltura: le linee programmatiche del mandato, su grossetonotizie.com, 1º agosto 2014. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  5. ^ Imu agricola illegitima: Confagricoltura vince il ricorso sul pagamento, Il Giunco, 14 gennaio 2016. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  6. ^ Quanto incide sull'economia maremmana l'agricoltura?, su maremmanews.it, 7 gennaio 2016. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  7. ^ Vivarelli Colonna incontra a Roma Silvio Berlusconi, Il Tirreno, 29 gennaio 2016. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  8. ^ Laura De Feudis, Grosseto, la roccaforte Pd va al centrodestra, Corriere della Sera, 20 giugno 2016. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  9. ^ Vivarelli Colonna indossa la fascia tricolore: è ufficialmente sindaco di Grosseto, Il Tirreno, 23 giugno 2016. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  10. ^ a b Elezioni provinciali 2017. Vivarelli Colonna eletto presidente della Provincia di Grosseto, su Il Giunco.net, 8 gennaio 2017. URL consultato il 25 marzo 2017.
  11. ^ Svolta a Grosseto: alle elezioni provinciali vince il centrodestra, su Secolo d'Italia, 9 gennaio 2017. URL consultato il 25 marzo 2017.
  12. ^ Elezioni provinciali, i risultati. Grosseto per la prima volta al centrodestra, su Gonews.it, 9 gennaio 2017. URL consultato il 25 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2017).
  13. ^ Scuole, piazze e parchi: così rinasceranno le periferie di Firenze, Prato e Grosseto, in Repubblica.it, 6 marzo 2017. URL consultato il 25 marzo 2017.
  14. ^ Undici milioni per Grosseto: Vivarelli Colonna firma con Gentiloni, in Il Giunco.net, 6 marzo 2017. URL consultato il 25 marzo 2017.
  15. ^ Periferie, oggi firma accordo Gentiloni-Sindaci, 24 città pronte a cambiare volto, in Il Sole 24 ORE, 6 marzo 2017. URL consultato il 25 marzo 2017.
  16. ^ Upi Toscana, Vivarelli Colonna eletto vicepresidente: "Lotterò per maggiori risorse alle Province", su Grosseto Notizie, 23 luglio 2018. URL consultato il 20 settembre 2019.
  17. ^ Cal, eletto presidente Dario Nardella. Vice sarà Vivarelli Colonna, su gonews.it, 2 aprile 2019. URL consultato il 20 settembre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica