Apri il menu principale

Antonino Tringali Casanuova

giurista e politico italiano, Presidente del Tribunale speciale fascista
(Reindirizzamento da Antonino Tringali Casanova)
Antonino Tringali Casanova

Deputato del Regno d'Italia poi Consigliere nazionale del Regno d'Italia
Legislature XXIX, XXX
Sito istituzionale

Presidente del Tribunale speciale per la difesa dello Stato
Durata mandato 28 novembre 1932 –
29 luglio 1943
Predecessore Guido Cristini
Successore carica soppressa

Ministro di grazia e giustizia della Repubblica Sociale Italiana
Durata mandato 23 settembre 1943 -
1º novembre 1943
Predecessore nessuno
Successore Piero Pisenti

Dati generali
Partito politico PNF
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione giurista

Antonino Tringali Casanuova (Cecina, 10 maggio 1888Cremona, 1º novembre 1943) è stato un giurista e politico italiano. Durante il Regime fascista è stato Presidente del Tribunale speciale per la difesa dello Stato e, in quanto tale, membro di diritto del Gran consiglio del fascismo. Fu poi Ministro di Grazia e Giustizia della Repubblica Sociale Italiana. Spesso viene citato (anche in documenti ufficiali) come Tringali Casanova

BiografiaModifica

Di origini aristocratiche, partecipò alla Prima guerra mondiale come capitano dei Lupi di Toscana, ferito ottenne la medaglia di bronzo al valor militare. Laureato in giurisprudenza, aderì al fascismo fin dalla sua fondazione e capeggiò lo squadrismo nella zona di Volterra. Partecipò alla Marcia su Roma e dal 1922 fu per dieci anni sindaco e poi podestà di Castagneto Carducci. Nel 1927 venne nominato giudice del Tribunale speciale di cui fu poi vicepresidente (1928-1932) e infine presidente (1932-1943), diventando, in quest'ultima veste, membro di diritto del Gran consiglio del fascismo. Fedelissimo di Mussolini, durante l'ultima seduta del Gran consiglio del 25 luglio 1943 espresse un voto contrario all'Ordine del giorno Grandi, minacciando nel dibattito i firmatari di quest'ultimo[1].

Dopo l'8 settembre, aderì alla Repubblica Sociale Italiana e nel settembre del 1943 venne nominato Ministro di Grazia e Giustizia. Morì poco dopo il suo insediamento per un attacco di angina pectoris e il suo posto venne preso da Piero Pisenti[2].

Il nome di Tringali Casanuova figura nell'elenco CROWCASS (Central Registry of War Criminals and Security Suspects) (1947), compilato dagli Alleati anglo-americani, delle persone ricercate dalla Jugoslavia per crimini di guerra.[3]

NoteModifica

  1. ^ Franzinelli, p. 39-42
  2. ^ Franzinelli, p. 42
  3. ^ (Name) TRINGALI-CASANUOVA Antonio - (C.R. File Number) 195627 - (Rank, Occupation, Unit, Place and Date of Crime) Official, Justizministerium, Rom (It.) 41-43 - (Reason wanted) Torture - (Wanted by) Yugo. In: The Central Registry of War Criminals and Security Suspects, Consolidated Wanted Lists, Part 2 - Non-Germans only (March 1947), Naval & University Press, Uckfield 2005, p. 73 (Facsimile del documento originale conservato presso l'Archivio Nazionale Britannico a Kew/Londra)

BibliografiaModifica

  • Tribunale speciale per la difesa dello Stato, Decisioni emesse, Roma, SME- Ufficio Storico, 1981-87 [1]
  • A. Dal Pont, A. Leonetti, P. Maiello, L. Zocchi, Aula IV. Tutti i processi del Tribunale speciale fascista. Roma, Anppia, 1961.
  • Mimmo Franzinelli, Il tribunale del duce, Milano, Mondadori, 2017, ISBN 978-88-04-67370-5.
  • Adriano Dal Pont e Simonetta Carolini, L'Italia dissidente e antifascista. Le Ordinanze, le Sentenze istruttorie e le Sentenze in Camera di consiglio emesse dal Tribunale speciale fascista contro gli imputati di antifascismo dall'anno 1927 al 1943, Milano, La Pietra, 1980.