Apri il menu principale

Antonio Bortone (Ruffano, 13 giugno 1844Lecce, 2 aprile 1938) è stato uno scultore italiano[1].

Il Fanfulla di A. Bortone

Figlio di un fabbro fece il suo primo apprendistato nei laboratori dei cartapestai leccesi [2]. Notato per le sue qualità dall'intendente provinciale Sozi-Carafa, per il quale Bortone era stato incaricato di eseguire un ritratto, fu da questi avviato alla scuola di disegno e della plastica nell'ospizio San Ferdinando di Lecce dove apprese la tecnica della scultura da Antonio Maccagnani (zio del famoso Eugenio) e da qui, nel 1861, con un assegno della provincia, proseguì i suoi studi artistici all'Accademia di Belle Arti di Napoli con Tito Angelini, insegnante di scultura e direttore della Scuola di disegno dove sviluppò un interesse soprattutto per la scultura di temi religiosi e civili che caratterizzò la sua produzione posteriore.

Verso il 1865 Bortone si stabilì a Firenze dove aprì uno studio di scultura e realizzò il Gladiatore morente che gli valse l'aiuto del già noto Giovanni Duprè. Sue la statua di Gino Capponi in Santa Croce e sulla facciata di S. Maria del Fiore i grandi medaglioni rappresentanti Giotto e Michelangelo, e le statue di S. Girolamo e S. Antonino.[3] Durante il suo soggiorno fiorentino Bortone scolpì il busto di Garibaldi, donato all'ospizio di Lecce e i busti marmorei su committenza del Teatro Comunale di Napoli del compositore Leonardo Leo e di Giovanni Paisiello. Per la Biblioteca provinciale eseguì i busti di Scipione Ammirato, Giulio Cesare Vanini (opera firmata e datata 1869), Francesco Milizia, Filippo Maria Briganti (opera firmata e datata 1875), Antonio De Ferrariis detto "il Galateo" (firmata e datata 1873).

La sua opera più nota il Fanfulla fu realizzata nel 1876 e posta nella Piazza Raimondello Orsini di Lecce. La scultura, dallo stile volutamente antimonumentale, fu esposta con scarsi apprezzamenti alla Galleria Nazionale di Napoli nel 1877 ed ebbe invece successo l'anno dopo all'Esposizione di Parigi.

Vincitore nel 1888 di un concorso nazionale eseguì il monumento a Quintino Sella a Biella mentre è del 1894 è il monumento bronzeo ad Agostino Depretis posto a Stradella.

Intensa fu la produzione di Bortone negli anni seguenti: nel 1895 il Michele di Lando per la loggia del Mercato Nuovo a Firenze, nel 1899 il monumento alla Duchessa Francesca Capece sulla piazza principale di Maglie, il monumento sepolcrale ad Alessandro de Donno nel cimitero di Lecce, il monumento a Sigismondo Castromediano nella piazza Matteo di Lecce e il monumento ai Martiri di Otranto. Suoi sono anche il busto a Vittorio Emanuele II nel Senato e uno dei grandi bassorilievi con Genio alato nel pronao di sinistra del Vittoriano a Roma.

Indice

NoteModifica

  1. ^ Antonio Bortone, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 9 ottobre 2013.
  2. ^ Caterina Ragusa Guida alla Cartapesta Leccese, Congedo Editore 1997
  3. ^ Parco letterario del Salento Archiviato il 17 giugno 2013 in Internet Archive.

BibliografiaModifica

  • A. De Gubernatis, Diz. degli artisti ital. viventi, Firenze 1906, pp. 68 s.;
  • L. Callari, Storia dell'arte contemporanea ital., Roma 1909, pp. 73, 85;
  • A. Marti, A. B. e la sua opera, in La voce del Salento, 1931, nn. 9-12, pp. 1–38 dell'estratto;
  • E. Lavagnino, L'arte moderna, Torino 1956, II, p. 610;
  • U. Thieme-F. Becker, Künstlerlexikon, IV, p. 380.
  • Renata Battaglini Di Stasio, Dizionario biografico degli Italiani, Vol. 13º (1971)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN96293067 · ULAN (EN500084807 · WorldCat Identities (EN96293067