Apri il menu principale
Antonio Buonfiglio
Antonio Buonfiglio daticamera 2008.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali
Durata mandato 12 maggio 2008 –
15 novembre 2010
Presidente Silvio Berlusconi

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XV, XVI
Gruppo
parlamentare
XII - XIII - XIV - XV:
- Alleanza Nazionale

XVI:
- Il Popolo della Libertà (Da inizio legislatura al 30/07/2010)

- Futuro e Libertà per l'Italia (Dal 30/07/2010 al 15/07/2011)

- GRUPPO MISTO - componente: FareItalia (Dal 3/11/2011 a fine legislatura)

Circoscrizione Puglia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico AN (Fino al 2009)
PdL (2009-2010)
FLI (2010-2011)
FIt (2011-2013)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Antonio Buonfiglio (Roma, 2 novembre 1968) è un politico e avvocato italiano.

Indice

BiografiaModifica

Vive a Roma; laureato in giurisprudenza, è specializzato in diritto del lavoro.

Attività politicaModifica

Nel 2006 è eletto deputato alla Camera dei deputati per Alleanza Nazionale. È membro della XIII commissione (agricoltura).

Nel 2008 è rieletto al Parlamento per il Popolo della Libertà, nella circoscrizione Puglia, ed è chiamato al governo per coadiuvare il ministro Luca Zaia come sottosegretario all'Agricoltura. È cofondatore del movimento di ispirazione cattolica "Il popolo della Vita".

È stato presidente dell'Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA). Il 30 luglio 2010 lascia il gruppo del PDL, e aderisce a Futuro e Libertà per l'Italia.

Il 15 novembre 2010 il Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Agricoltura Antonio Buonfiglio insieme al Ministro per le Politiche Comunitarie Andrea Ronchi, al Vice Ministro al Ministero dello Sviluppo Economico Adolfo Urso e al Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Ambiente Roberto Menia, tutti esponenti del nuovo gruppo finiano Futuro e Libertà per l'Italia si dimettono lasciando il Governo Berlusconi IV a causa della negazione da parte del premier Silvio Berlusconi di dimettersi come aveva invece chiesto il loro leader Gianfranco Fini.[1]

Il 23 settembre 2011 lascia FLI per aderire al Movimento vicino al Governatore del Lazio Renata Polverini[2] e il 3 novembre 2011 formalizza il passaggio al Gruppo Misto.

L'8 novembre 2011, è uno dei deputati della maggioranza che non vota il Rendiconto Generale dello Stato 2010 portando alla crisi del Governo Berlusconi IV e le rispettive dimissioni del premier.

Il 9 novembre 2011 Buonfiglio fonda con altri ex esponenti di Futuro e Libertà già usciti da partito per sostenere il Governo Berlusconi e transitati al Gruppo Misto Adolfo Urso, Andrea Ronchi e Giuseppe Scalia la componente "Fareitalia per la Costituente Popolare" di cui Buonfiglio è eletto capogruppo e vicepresidente del Gruppo Misto.

Alle elezioni regionali nel Lazio del 2018 è candidato al Consiglio regionale in provincia di Roma con Energie per l'Italia,[3] a sostegno del candidato governatore di centro-destra Stefano Parisi, ma non viene eletto.[4]

NoteModifica

  1. ^ "Niente governo-bis, fiducia oppure voto"
  2. ^ FLI: Buonfiglio lascia e aderisce a Fondazione Polverini[collegamento interrotto]
  3. ^ Regionali Lazio, ripescati e riciclati: il ritorno degli ex nelle liste regionali, su Repubblica.it, 4 febbraio 2018. URL consultato l'11 marzo 2019.
  4. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato l'11 marzo 2019.

Collegamenti esterniModifica