Antonio Salvarezza

tenore italiano

Antonio Salvarezza (Bosco Marengo, 14 maggio 1902Bosco Marengo, 24 luglio 1985) è stato un tenore italiano.

Antonio Salvarezza

Biografia modifica

Studiò con il maestro Filippo Florio e debuttò il 6 aprile 1937 al Teatro Municipal di Rio de Janeiro in Rigoletto. Si esibì nei più importanti teatri italiani e internazionali, in particolare in quelli del Nord e Sudamerica, in una carriera durata ventidue anni con 806 recite.[1]

Il repertorio comprendeva una trentina di ruoli che spaziavano da opere del periodo romantico, come Lucia di Lammermoor e I puritani, a quelle veriste, come Cavalleria rusticana. Ottenne particolare successo nel repertorio pucciniano, soprattutto in Tosca. Cantò con i più grandi artisti del tempo, tra tutti Renata Tebaldi e Maria Callas, con cui nel 1952 al 15º Maggio Musicale Fiorentino fu tra i protagonisti della ripresa di Armida di Gioachino Rossini.

Nel 1949 diede la voce a Gino Sinimberghi nel film-opera Il trovatore. Negli anni cinquanta incise in studio alcune arie per la Cetra; sono inoltre disponibili le registrazioni dal vivo di due opere complete: la già citata Armida e Guglielmo Tell, rimasterizzate in CD.

È stato definito tenore lirico spinto, dalla voce di timbro pieno con facilità e resistenza nel registro acuto.[2] Nel 2011 la Pro loco di Bosco Marengo ha pubblicato la sua biografia nel volume di Giovanni Martini "La Grande Voce".

Repertorio modifica

Discografia modifica

Opere modifica

Brani singoli modifica

Note modifica

  1. ^ Giovanni Martini, Biografia ragionata sul tenore Antonio Salvarezza, edizioni Pro Loco di Bosco Marengo
  2. ^ "Carlo Gatti: "Antonio Salvarezza, la grande voce" in sito web del Comune di Bosco Marengo.

Bibliografia modifica

  • Evaristo Pagani, Raccolte Biografiche Cantanti Lirici Italiani, Edito in proprio, Albino, 2009.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN31142630 · LCCN (ENn89629621 · WorldCat Identities (ENlccn-n89629621