Antonio Solario

pittore italiano

Antonio Solario, detto lo Zingaro (Civita d'Antino, 1465 circa – Napoli, 1530), è stato un pittore italiano, di scuola veneziana, attivo principalmente nelle Marche, a Napoli e in Inghilterra.

Scene della vita di San Benedetto, 1502. Affreschi nei chiostri dei Santi Severino e Sossio a Napoli
Madonna con Bambino in trono e santi, 1490-1500, Museo capitolare di Atri

BiografiaModifica

Le informazioni sulla vita e sull'attività del Solario sono molto scarse e incerte, anche il luogo e la data di nascita sono oggetto di contese. Secondo lo storico e accademico Gennaro Ravizza, che fu anche classificatore degli archivi storici municipali teatini, egli nacque a Chieti (nel quartiere Civitella), per altri probabilmente era nato si era formato a Venezia, dove firmò la pala di Withypool Antonius Desolario, Venetus 1514. Questo lavoro e altri riferimenti a opere in Inghilterra di John Leland, qualche decennio più tardi, sono la testimonianza della visita inglese del pittore italiano. La pala d'altare è oggi nel Bristol Museum & Art Gallery, mentre una Madonna col Bambino è alla National Gallery di Londra.

Tra il 1502 e il 1506 la sua attività è documentata nelle Marche, dove arricchì la sua tecnica con gli influssi della scuola umbro-marchigiana, riscontrabili in seguito anche nel ciclo di affreschi con Storie di San Benedetto (forse la sua opera più importante) eseguito nei Chiostri dei Santi Severino e Sossio a Napoli. Allo stesso periodo risale un'altra versione della Madonna col Bambino e un donatore, conservata oggi al Museo nazionale di Capodimonte a Napoli.

Le sue opere sono a volte confuse con quelle del suo contemporaneo Andrea Solario, seguace milanese di Leonardo da Vinci e anch'egli formatosi a Venezia.

L'unica biografia su Solario è scritta da Bernardo De Dominici, criticato diverse volte per essere stato un fantasioso storico dell'arte. Secondo lo scrittore napoletano, infatti, il Solario sarebbe nato intorno al 1382 e morto nel 1455. A detta di De Dominici Solario sarebbe nato a Ripa Teatina vicino a Chieti, asserendo che una casetta sulla via dello Zingaro fuiri il paese, sarebbe stata la sua. Asserì anche, confondendo il critico Francesco Verlengia[1], che a Serramonacesca, vicino a Chieti, gli affreschi dell'abbazia di San Liberatore, sulla serie delle donazioni di Desiderio di Montecassimo e Teobaldo abate all'abbazia stessa, sarebbero i suoi. Lo storico inventò anche una vita rocambolesca dell'artista, descrivendo l'aneddoto di come al tempo della regina Giovanna II d'Angiò, Antonio riuscì da semplice pentolaio, a sposarsi la figlia di un commerciante, dopo aver dipinto viaggiando per l'intera Eruropa.

L'ultima sua attività certa è documentata al 1514. Si dice sia stato allievo di Simone Papa il Vecchio.

A Chieti, al Solario è dedicata una strada del centro "via dello Zingaro", per metà modificata con l'intitolazione al filologo locale Cesare De Lollis. Nella vicina Ripa Teatina esiste un'altra via dello Zingaro.

OpereModifica

  • Testa di San Giovanni Battista (1590), Pinacoteca Ambrosiana di Milano
  • Madonna col Bambino e i ss. Pietro e Francesco (1514 circa), Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano
  • Madonna col Bambino e San Giovannino, Collezione Leuchtenberg di San Pietroburgo
  • Madonna con Bambino e committente, Museo nazionale di Napoli
  • Madonna con Bambino e Santi (1495), chiesa del Carmine a Fermo
  • Madonna della Misericordia, chiesa di Santa Maria della Misericordia a Macerata
  • Madonna del Soccorso, chiesa santuario del Beato Placido, Recanati
  • San Francesco d’Assisi riceve le stimmate, Museo provinciale campano di Capua
  • Affresco della Madonna adorante il Bambino (attribuito), dalla cattedrale di Chieti, Museo d'arte Costantino Barbella, Chieti
  • Madonna con Bambino e Santi, detta "Madonna di Atri", dalla basilica concattedrale di Santa Maria Assunta, Museo Capitolare di Atri

NoteModifica

  1. ^ vedi F. Verlengia, "Scritti", Rivista abruzzese, 2007, p. 28

BibliografiaModifica

  • avies, Martin, National Gallery Catalogues: Catalogue of the Earlier Italian Schools, National Gallery Catalogues, London 1961, reprinted 1986, ISBN 0-901791-29-6
  • (EN) Hugh Chisholm (a cura di), Enciclopedia Britannica, XI, Cambridge University Press, 1911.
  • Marks, Richard and Williamson, Paul, eds. Gothic: Art for England 1400-1547, 2003, V&A Publications, London, ISBN 1-85177-401-7
  • Nicola Spinosa (ed), The National Museum of Capodimonte, Electa Napoli, 2003, ISBN 88-510-0007-7

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32425577 · ISNI (EN0000 0000 8112 008X · Europeana agent/base/153721 · LCCN (ENnr00002214 · GND (DE104064560 · BNF (FRcb14966425d (data) · BNE (ESXX4986497 (data) · ULAN (EN500033043 · BAV (EN495/173249 · CERL cnp00871102 · WorldCat Identities (ENlccn-nr00002214