Arco di Scipione l'Africano

Arco di Scipione l'Africano
CiviltàRomana
Localizzazione
StatoItalia Italia
ComuneRoma-Stemma.png Roma
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°53′34.28″N 12°28′58.11″E / 41.892856°N 12.482808°E41.892856; 12.482808

L'arco di Scipione l'Africano era uno dei più antichi archi di trionfo di Roma, non più esistente. Si trovava nei pressi del tempio di Giove Ottimo Massimo sul Campidoglio ed era stato eretto da Scipione l'Africano, appunto, nel 190 a.C.

Il fornice era situato sulla via che saliva al Campidoglio non distante dalla casa di Publio Cornelio Scipione, detto l'Africano, (sul sito dell'attuale Basilica Giulia) ed era decorato con sette statue dorate e due statue equestri, dove erano raffigurati i membri più importanti della famiglia degli Scipioni. Davanti si trovavano due fontane marmoree (labra)[1].

Planimetria del Campidoglio antico

Plan capitole.png


NoteModifica

  1. ^ Tito Livio, Ab Urbe condita, 37,3: P. Cornelius Scipio Africanus, priusquam proficisceretur, fornicem in Capitolio aduersus uiam, qua in Capitolium escenditur, cum signis septem auratis et equis duobus et marmorea duo labra ante fornicem posuit.

BibliografiaModifica

  • Filippo Coarelli, Guida archeologica di Roma, Verona, Arnoldo Mondadori Editore, 1975.

Voci correlateModifica