Associazione scouts sloveni in Italia

L'Associazione scout sloveni in Italia (in Sloveno Slovenska Zamejska Skavtska Organizacija) è un'associazione di scout e guide della minoranza slovena in Italia.

Slovenska Zamejska Skavtska organizacija
WikiProject Scouting fleur-de-lis trefoil.svg
Associazione scout
Ambito
Flag of Italy.svg
Italia
Data di fondazione 31 dicembre 1976
Fondatore/i Associazione degli scouts triestini sloveni (1951)

Associazione delle guide triestine slovene (1959)
Associazione degli scouts e guide goriziani sloveni (1964)

Sede
Viale XX. septembre 85, 34710 Gorizia

La SZSO (acronimo dell'associazione) è un'organizzazione non governativa giovanile, senza fini di lucro, guidata da volontari.

Storia dello scautismo sloveno in Friuli-Venezia GiuliaModifica

La nascita dello scoutismo sloveno in Friuli-Venezia Giulia risale al 1951, quando il cappellano Lojze Zupančič e i professori Oton Berce e Ivan Theuerschuh diedero vita alla prima squadriglia di esploratori sloveni a Servola di Trieste e, successivamente, ad un'altra nella parrocchia di Roiano. L'anno seguente condussero un campo congiunto sul Monte Santo di Lussari. Ufficialmente, l'Associazione degli scout triestini sloveni (Združenje slovenskih tržaških skavtov) è stata registrata nel 1953. Il primo assistente spirituale divenne Lojze Zupančič, il primo capogruppo Oton Berce e capo scout Ivan Theuerschuh. Nel 1959, per iniziativa del dottor Jože Prešeren, venne organizzato anche un gruppo delle guide triestine slovene. Nel 1963 anche a Gorizia venne organizzato il primo gruppetto di guide slovene, ma fu di breve durata. L'anno seguente, nel 1964, è stata registrata l'Associazione degli scout goriziani sloveni (Združenje slovenskih goriških skavtov) e nel 1967 vengono nuovamente censite le guide goriziane slovene.

Nell'estate del 1976 al Pinedo, frazione di Claut, fu organizzato il primo jamboree degli scout e guide sloveni di Friuli-Venezia Giulia, con la partecipazione anche degli scout sloveni dalla Carinzia.

Formazione e costituzione della SZSOModifica

Gli scout e le guide sloveni in Italia, inizialmente organizzati in due distinte associazioni, si riunirono nella SZSO (Slovenska Zamejska Skavtska Organizacija) il 30 marzo 1976, ufficialmente registrata il 15 dicembre successivo.

Nel 1971 fu pubblicato il primo numero di Jambor, il giornalino degli Scout sloveni di Trieste (in seguito anche delle guide), attualmente notiziario ufficiale della SZSO.

Lo scopo di SZSOModifica

SZSO è un'organizzazione educativa cattolica di giovani sloveni, espressione del movimento scout degli sloveni in Italia. È basata sui valori del cristianesimo, della identità slovena e della democrazia. È un'organizzazione apartitica ed esercita la sua missione sociale e politica in completa autonomia. Riconosce il lavoro di singoli individui e altre organizzazioni educative vivendo la propria vocazione cristiana all'interno delle parrocchie locali.

OrganizzazioneModifica

L'SZSO presenta un'organizzazione verticale, suddivisa in tre livelli: livello provinciale, livello regionale (Trieste o Gorizia), livello di zona (che non segue una rigida divisione geografica e non tiene conto dei confini amministrativi come comuni) o gruppo, chiamato steg in sloveno.

La Deželno vodstvo (direzione provinciale) si configura come l'organo supremo della SZSO ed è costituito dal capo scout provinciale (Deželni načelnik), dal capo guida provinciale (Deželna načelnica), dal segretario-tesoriere, dal commissario per le relazioni pubbliche, dai commissari della metodologia e dai commissari per la formazione capi. A livello regionale sono attivi il Pokrajinsko vodstvo Trst (direzione regionale di Trieste) e il Pokrajinsko vodstvo Gorica (direzione regionale di Gorizia) con capo scout regionale, capo guida regionale, segretario-tesoriere, custode della proprietà ed assistente spirituale.

La base dell'Associazione scouts sloveni a Gorizia è lo steg Gorica, mentre gli scout della zona di Trieste sono organizzati nel Steg Trst e nel Kraški steg. Altri gruppi di scout associati operano a Opicina (Opčine), Aurisina (Nabrežina), Bagnoli della Rosandra (Boljunec), Duino (Devin), San Giovanni di Duino (Štivan) e Doberdò del Lago (Doberdob).

Suddivisione in branche
Nome branca Fascia d'età Motto

volčiči in volkuljice (VV) Lupetti e Lupette

8 - 11 »Kar najbolje« (Del nostro meglio)

izvidniki in vodnice (IV) Esploratori e Guide

11 - 16 »Bodi pripravljen« (Siate pronti)

popotniki in popotnice (PP) Rover e Scolte

(17-20) - 21 »Služiti« (Servire)

Cooperazione con ZSKSS ed AGESCIModifica

La SZSO ha stabilito un accordo per favorire il cosiddetto scautismo transfrontaliero con l'Associazione Guide e Scouts Cattolici Sloveni (ZSKSS).[1]

La SZSO ha ottimi rapporti anche con l'Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani (AGESCI) con la quale ha convenuto un memorandum della mutua cooperazione.[2]

NoteModifica

  1. ^ Sporazum SZSO-ZSKSS, su szso.skavt.net. URL consultato il 22 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2019).
  2. ^ Memorandum tra AGESCI e SZSO (ZIP), su fvg.agesci.it. URL consultato l'8 gennaio 2007 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2006).

BibliografiaModifica

  • (SL) Grašič Miroslava Skavti in gozdovniki na Slovenskem: Taborniška gibanja med Slovenci v domovini, zamejstvu, Argentini in Kanadi v 20. stoletju Maribor 1990 Muzej narodne osvoboditve Maribor COBISS ID=10782
  • (SL) Leban, Mauro; Lojk, Aleš Mali skavtski priročnik, Gorica 1983, Slovenski goriški skavti COBISS ID=19654656
  • (SL) Ivanič Martin (editore) Slovenika, Slovenska nacionalna enciklopedija Ljubljana 2011, Mladinska knjiga COBISS ID=257461504 ISBN 978-961-01-1364-5

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica