Apri il menu principale

Augusto Bianchi Rizzi

commediografo, scrittore e attore italiano
Augusto Bianchi Rizzi

Augusto Bianchi Rizzi (Milano, 19 ottobre 1940Milano, 24 ottobre 2014[1]) è stato un commediografo, scrittore, attore, e avvocato italiano.

Indice

BiografiaModifica

Dopo aver frequentato il Liceo Classico Annibale Mariotti di Perugia, dove viveva quale orfano di sanitario (morto in guerra) nel Collegio O.N.A.O.S.I., esordisce come attore nel 1961 al Piccolo Teatro di Milano in "Prendeteli con le pinze e martellateli" di Nuccio Ambrosino e Nanni Svampa, recitando poi in quasi tutti i teatri milanesi e affiancando a tale attività quella di commediografo, che con il tempo diventerà la sua principale attività artistica.

Dal 1990 Augusto Bianchi Rizzi organizza e ospita un salotto milanese (da lui definito piccola area ludico-resistenziale) che si tiene il giovedì, nel cui ambito ha creato il Premio del Giovedì, ora intitolato alla memoria della scrittrice e giornalista Marisa Rusconi, della cui giuria è presidente. Tra le molte creature nate nell'ambito del Giovedì, anche un corto dedicato al suo decennale, Parquet diretto da Mara Cantoni[2].

Oltre all'attività artistica, esercita la professione di avvocato, specializzato in diritto amministrativo, diritto informatico e diritto dello spettacolo. Nel 1970 ha fondato con Sergio Erede lo studio Erede-Bianchi e successivamente lo studio Erede e Associati, che poi si è fuso nello studio Bonelli Erede Pappalardo.

Bianchi ha raccolto parte della sua biografia nel romanzo Tre storie quasi d'amore (2014)[3].

Testi teatraliModifica

Altri testiModifica

NoteModifica

  1. ^ Morto Augusto Bianchi Rizzi. Con lui finisce un'epoca, mentelocale.it
  2. ^ Parquet (il Giovedì)
  3. ^ Augusto Bianchi. L'amore negli anni Sessanta, su milano.mentelocale.it. URL consultato il 10 giugno 2014 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2014).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Sito ufficiale, su augustobianchirizzi.it.
  • salotto del giovedì, su new.giovedi.org. URL consultato il 17 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2009).
Controllo di autoritàVIAF (EN232989469 · SBN IT\ICCU\LO1V\134196 · WorldCat Identities (EN232989469