Apri il menu principale

Paolo Bessegato (Montebelluna, 30 marzo 1951) è un attore e doppiatore italiano.

BiografiaModifica

Ha cominciato a fare teatro all'età di sedici anni, recitando nel gruppo "Interazione" di Milano, che nel 1969 vinse il premio San Fedele per la ricerca teatrale.

Durante gli anni dell'università, si è diplomato alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano.

Dopo le prime esperienze con Giorgio Strehler e Dario Fo, ha messo in scena un proprio testo (Manuale di disoccupazione) e realizzato spettacoli con testi dei poeti Andrea Zanzotto, Antonio Porta, Giancarlo Majorino.

Negli anni ottanta si è affermato come attore, lavorando con diversi registi. Tra le sue interpretazioni c'è Tartufo di Molière, prodotto dal Ctb Teatro Stabile di Brescia, regia di Mina Mezzadri, regista con cui ha poi continuato a collaborare. Altro incontro, e ancora al Ctb, è stato quello con Nanni Garella, per la cui regia ha recitato Jimmy Porter in Ricorda con rabbia di Osborne, nel 1985, e in altri successivi spettacoli.

Sono molti i personaggi del teatro sia classico che contemporaneo a cui ha dato vita: il Conte ne La bottega del caffè di Goldoni-Fassbinder, regia di Bruni-De Capitani, al Teatro dell'Elfo nel 1991; Admeto nell'Alcesti di Euripide, accanto a Lucilla Morlacchi, regia di Walter Pagliaro; Corrado ne La morte civile di Paolo Giacometti, regia di Giuseppe Bertolucci, insieme a Sabina Guzzanti, David Riondino e Antonio Catania, con i quali nel 1993 aveva formato compagnia; Ulisse in Ecuba di Euripide, con Anna Proclemer, regia di Massimo Castri, per il Teatro di Roma nel 1994.

Paolo Bessegato si è anche dedicato alla regia, mettendo in scena testi di Roberto Mussapi (Villon nel 1990), Ottiero Ottieri (L'infermiera di Pisa, nel 2000 e Il palazzo e il pazzo nel 2003); Achille Platto (Bibbiù nel 1996, Aqua trobia nel 2002, Sacra Familia nel 2011) e Giuseppe Di Leva (45 giri, nel 2009, che ha ideato insieme all'autore, diretto e interpretato con Lunetta Savino. Nel 1998 ha curato la regia della prima esecuzione moderna dell'opera lirica Ruy Blas di Filippo Marchetti, al Teatro Pergolesi di Jesi.

In coppia con David Riondino ha realizzato per il teatro, con l'accompagnamento di varie bande musicali: Il corsaro nero, tratto dal romanzo di Emilio Salgari; Poema autobiografico di Giuseppe Garibaldi; Francesca da Rimini di Silvio Pellico; L'isola o L'ammutinamento del Bounty poema di George Byron.

Come voce recitante ha collaborato con i musicisti Marco Tutino, Ivan Fedele, Luca Francesconi, Carlo Galante, Carlo Boccadoro, Michele Dall'Ongaro.

TeatroModifica

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

RadioModifica

  • La Pasqua a Pieve di Soligo, di Andrea Zanzotto, regia di Piero Carpi de’ Resmini, 20 aprile 1982.
  • Il fondo serio della roccia, testo e regia di Egidio Bertazzoni, 10 agosto 1982.
  • Casa Rozeno, di Camillo Antona Traversi, regia di Alberto Buscaglia, 30 gennaio 1985.
  • La Scala racconta, di Giuseppe Barigazzi, regia di Sergio Le Donne, 27 puntate, dal 20 settembre 1992 al 21 marzo 1993.
  • Un concerto wagneriano, di Willa Cather, 15 gennaio 1993.
  • Voci al buio, di Roberto Mussapi, regia di Flavio Ambrosini, 6 novembre 1993.

DoppiaggioModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Soap Opera e TelenovelasModifica

Cartoni animatiModifica

Collegamenti esterniModifica