Apri il menu principale

Storia e strutturaModifica

 
L'interno

Dopo la costruzione della cripta e della basilica dell'Immacolata Concezione, il continuo aumento di pellegrini a Lourdes impose la costruzione di una chiesa: il luogo fu scelto proprio sotto le prime due ed i lavori di edificazione cominciarono nel 1883, su disegno dell'architetto Léopold Hardyper, per concludersi nel 1889: la solenne consacrazione avvenne nel 1901; importanti lavori di restauro sono stati effettuati nel biennio 2006-07[1].

Alla basilica si accede tramite una breve scalinata che dà direttamente sul sagrato, il quale si affaccia sul piazzale, chiamato esplanade, in grado di ospitare fino ad ottantamila fedeli; la facciata è composta da un grosso arco centrale sotto il quale a sua volta si apre un altro arco, nel quale è raffigurata Maria mentre dona il rosario a san Domenico, affiancato da due archi più piccoli, dove si aprono i quattro ingressi alla chiesa; lateralmente altri due archi che tendendo a decrescere, sorretti da lesene, ospitano mosaici raffiguranti quattro dei cinque misteri della luce, mentre il quinto è posto nel vano centrale: queste opere sono state realizzate nel 2007; la facciata si completa con due scalinate laterali che consentono l'accesso alle chiese superiori[1]. L'interno della struttura è a forma di croce greca, in stile neobizantino, con un capacità di accoglienza di oltre millecinquecento pellegrini: suddivisa in tre navate, quella centrale è di maggiori dimensioni, mentre le due laterali, separate dalla principale mediante colonne, sono più piccole; su entrambi i lati, nei pressi dell'ingresso, si apre a destra la sagrestia ed a sinistra una cappella. Tutti i muri interni inoltre sono rivestiti da piastrelle di marmo utilizzate come ex voto, sulle quali è inciso il nome dei donatori. La zona dell'altare maggiore, così come i due bracci del transetto, sono a forma absidale ed ospitano ognuno cinque cappelle, all'interno delle quali, tramite mosaici realizzati all'inizio del XX secolo, sono raffigurati i misteri del rosario, in particolar modo a destra quelli gaudiosi, a sinistra quelli dolorosi ed al centro quelli gloriosi; inoltre sulla parte superiore dell'altare maggiore è un altro mosaico raffigurante Maria con il viso di una giovane donna, con le braccia spalancate verso i fedeli. Nella zona d'intersezione della navata col transetto si apre la cupola, caratterizzata da un grosso finestrone centrale e sedici finestre circolari disposte intorno: nello spazio formato tra un'apertura e l'altra sono rappresentati i quindici misteri del rosario; al di sopra della cupola, esternamente, è posta una corona con una croce dorata, donata dal popolo irlandese nel 1924 ma posizionata solamente nel 2000[1].

Sulla cantoria lignea in controfacciata, si trova l'organo a canne, costruito nel 1897 da Aristide Cavaillé-Coll: lo strumento è racchiuso all'interno di un'articolata cassa lignea, con mostra composta da canne di Principale di diverse dimensioni disposte in più campi; la trasmissione è meccanica e la consolle ha tre tastiere di 56 note ciascuna e pedaliera di 30 note. Di seguito, la disposizione fonica dello strumento:

Prima tastiera - Grand-Orgue
Montre 16'
Bourdon 16'
Montre 8'
Violoncelle 8'
Flûte harmonique 8'
Bourdon 8'
Prestant 4'
Quinte 2.2/3'
Doublette 2'
Fourniture IV
Cymbale III
Bombarde 16'
Trompette 8'
Clairon 4'
Seconda tastiera - Positif expressif
Principal 8'
Salicional 8'
Bourdon 8'
Prestant 4'
Doublette 2'
Plein-jeu IV-V
Nazard 2.2/3'
Tierce 1.3/5'
Piccolo 1'
Basson-hautbois 8'
Clarinette 8'
Trémolo
Terza tastiera - Récit expressif
Quintaton 16'
Flûte traversière 8'
Cor de nuit 8'
Gambe 8'
Voix céleste 8'
Flûte octaviante 4'
Octavin 2'
Cornet V
Trompette harmonique 8'
Voix humaine 8'
Clairon harmonique 4'
Trémolo
Pédale
Flûte 16'
Soubasse 16'
Basse 8'
Bourdon 8'
Bombarde 16'
Trompette 8'

NoteModifica

  1. ^ a b c La Basilica di Nostra Signora del Rosario di Lourdes, su lourdes-france.org. URL consultato il 03-11-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENno2017002339 · GND (DE7687100-9 · WorldCat Identities (ENno2017-002339