Apri il menu principale
Bizzarrini Ghepardo
Bizzarrini Ghepardo, GIMS 2018, Le Grand-Saconnex (1X7A1403).jpg
Descrizione generale
Costruttore Italia  Bizzarrini
Tipo principale Berlinetta
Produzione dal 2006
Bizzarrini Ghepardo (02).jpg

La Bizzarrini Ghepardo è una vettura realizzata dalla casa italiana VGM Motors e commercializzata col marchio Bizzarrini.

Indice

Il contestoModifica

La vettura è stata esposta in anteprima, in versione prototipo in occasione del salone dell'automobile di Ginevra nel 2006. Il prototipo anticipava la linea definitiva della carrozzeria ed era dotato di un motore V8 4,1 litri da 550cv.

Il modello di serie invece monta il motore 7 litri LS7 della General Motors che eroga una potenza di 557 Cv a 6400 rpm per la versione base con la possibilità di ricevere due step di potenza per arrivare a 594 Cv a 6600 rpm con il primo step e 644 Cv a 7000 rpm con il secondo step. Il motore è sistemato in posizione arretrata, a metà fra il vano motore e l'abitacolo, scelta ingegneristica molto comune nelle vetture concepite dal fondatore del marchio, Giotto Bizzarrini, dovuta ad una necessaria ottimizzazione della distribuzione dei pesi.[1]

La vettura di serie proposta al pubblico, a parte il motore, rimane quasi del tutto invariata rispetto al prototipo esposto a Ginevra. La carrozzeria è realizzata in alluminio battuta a mano su di un telaio al Cromo-Molibdeno. Essendo una vettura orientata a utilizzi estremi e di realizzazione quasi del tutto artigianale, è disponibile ad una grande personalizzazione da parte dell'utente, sia estetiche che meccaniche. La casa produttrice infatti, come è di consuetudine all'interno delle case artigianali, propone assetti meccanici in relazione alle linee guida del cliente, e il tipo di rifinitura dell'abitacolo è a sua discrezione.

La vettura è anche commercializzata in versione "pista" che prevede sospensioni regolabili a quattro vie e set molle dedicate, cambio sequenziale/automatico a 7 rapporti con comandi al volante (anziché il manuale a 6 rapporti), cerchioni in magnesio forgiato e pneumatici slick e sedili in carbonio racing realizzati sulle misure del proprietario tramite calco specifico con cinture a 6 punti di attacco e un sistema di scarico con valvole a comando elettrico per by-pass silenziatore. Tutte queste varianti, eccetto il cambio sequenziale o automatico al posto del manuale, non sono disponibili per la versione circolabile in strada. [2]

Caratteristiche tecnicheModifica

Motore: 8 cilindri disposti a V, raffreddamento ad acqua, disposizione anteriore arretrata verso l'abitacolo
Cilindrata (cm³): 7000 aspirato
Alesaggio x corsa (mm): 104,8 x 101,6
Potenza max CE: CV a giri/min: 557 6400 (versione base)
Coppia max CE: Nm a giri/min 724 4900
Pneumatici: Pirelli PZero Rosso 275/35 ZR20 - 335/30 ZR20
Livello ecologico: Euro 4
Velocità massima: oltre 350 km/h
Accelerazione 0–100 km/h: 3,6 s

Il blocco motore è realizzato in fusione di alluminio con un rapporto di compressione 11.0:1, l'albero di trasmissione è in acciaio forgiato, mentre le bielle sono in titanio forgiato e i pistoni in alluminio ipereutettico. L'albero a camme è in acciaio forgiato con alzata di 15 mm per aspirazione e scarico, le camere di scoppio presentano valvole di aspirazione in titanio e valvole di scarico in acciaio al sodio mentre le molle e i piattelli delle valvole sono in titanio: diametro valvole aspirazione: 55.88 mm
diametro valvole di scarico: 40.89 mm
La coppa dell'olio è a carter secco mentre il collettore di scarico primario è in inconel con rivestimento in acciaio idroformato. I catalizzatori, le marmitte e terminali di scarico sono in acciaio inox. La benzina utilizzata 91 ottani. L'impianto elettrico gestito con sistema digitale power box senza fusibili e relais, a riarmo automatico o tramite pulsantiera dedicata. L'impianto frenante anteriore è caratterizzato da dischi carbon-ceramici da 388 mm pinze a 6 pistoni, mentre quello posteriore da dischi freno carbon-ceramici 320 mm pinze a 4 pistoni, il freno a mano è integrato sull'albero motore a comando elettrico Prestazioni dichiarate dalla casa, oltre 350 km/h e un'accelerazione che permette di raggiungere i 100 km/h da fermo 3,6 sec e i 200 km/h in 10,96 secondi.

NoteModifica

  1. ^ Presentazione su Autoblog
  2. ^ Dati tecnici dichiarati[collegamento interrotto] (file.zip)

Altri progettiModifica