Brezzo di Bedero

comune italiano
Brezzo di Bedero
comune
Brezzo di Bedero – Stemma Brezzo di Bedero – Bandiera
Brezzo di Bedero – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Varese-Stemma.png Varese
Amministrazione
SindacoMaria Grazia Campagnani (lista civica Andiamo avanti) dal 5-6-2016
Territorio
Coordinate45°59′N 8°43′E / 45.983333°N 8.716667°E45.983333; 8.716667 (Brezzo di Bedero)Coordinate: 45°59′N 8°43′E / 45.983333°N 8.716667°E45.983333; 8.716667 (Brezzo di Bedero)
Altitudine352 m s.l.m.
Superficie9,95 km²
Abitanti1 219[1] (30-9-2019)
Densità122,51 ab./km²
FrazioniAlcio, Bedero, Brezzo, Cà Bianca, Casa Fioroli, Casa Passera, Casa Sirpo, Casa Spozio, La Canonica, Nonedo, Pralongo, Trigo, Villaggio Olandese
Comuni confinantiBrissago-Valtravaglia, Cannero Riviera (VB), Germignaga, Oggebbio (VB), Porto Valtravaglia
Altre informazioni
Cod. postale21010
Prefisso0332
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT012020
Cod. catastaleB166
TargaVA
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantibrezzesi, bederesi
Patronosan Vittore
Giorno festivo8 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Brezzo di Bedero
Brezzo di Bedero
Brezzo di Bedero – Mappa
Posizione del comune di Brezzo di Bedero nella provincia di Varese
Sito istituzionale

Brezzo di Bedero (Bresc de Beder in dialetto varesotto[2], AFI: [ˈbrɛʃ de ˈbeːder]) è un comune italiano di 1 219 abitanti della provincia di Varese in Lombardia.

StoriaModifica

Brezzo di Bedero fu sede, almeno dal 1277, di un importante ramo della nobile famiglia Sessa, che proprio in quegli anni entrava nei ranghi del patriziato milanese.[3]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[5]

AmministrazioneModifica

Brezzo di Bedero fa parte della Comunità Montana Valli del Verbano. Durante il fascismo il comune fu annesso a Luino.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2019.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 100.
  3. ^ Francesco Bombognini e Carlo Redaelli, Antiquario della diocesi di Milano dell'arciprete oblato Francesco Bombognini, coi tipi di Giovanni Pirotta, 1º gennaio 1828. URL consultato il 6 maggio 2017.
  4. ^ VareseNews.it - Il mistero Rosenthal dietro al manoscritto di mille anni fa, su varesenews.it. URL consultato l'11 settembre 2018.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN239207877 · WorldCat Identities (ENviaf-239207877