Apri il menu principale
Cacciamali
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1974
Fondata daAngelo e Sergio Cacciamali
Chiusura2011 (Fallimento)
Sede principaleMairano
SettoreMetalmeccanica
ProdottiCarrozzerie per autobus
Dipendenti200 (2010)

La Cacciamali S.p.A. è stata un'azienda italiana produttrice di carrozzerie per automezzi commerciali.

Indice

StoriaModifica

L'azienda venne fondata da Angelo e Sergio Cacciamali a Mairano, in provincia di Brescia, nel 1974. Sin dall'inizio l'azienda concentra la sua attività sulla produzione di carrozzerie per scuolabus e autobus; collabora inoltre con la OM di Brescia e la Ruggeri di Montichiari (BS).

Il successo (anni '90)Modifica

A partire dagli anni '80 la Cacciamali lavora sulla produzione di mezzi esclusivamente su telaio Iveco. Nei primi anni '90 viene acquistata l'azienda concorrente Portesi, anch'essa avente sede a Brescia; l'acquisto porta in Cacciamali vari progetti in corso, tra cui quello dell' "Albatros" (autobus turistico costruito su telaio Iveco 370) e quello del "Civibus" da cui verrà poi sviluppato il TCM 890.

Negli anni '90 l'azienda è protagonista sulla scena italiana dei midibus a pianale ribassato, grazie ai modelli TCM 890 e TCC 635; nel 1998 viene presentato l'Europolis, modello di maggior successo della casa. Il nuovo mezzo viene venduto nelle taglie di 9,20 metri (TCM920) e 10,5 metri (TCN105); successivamente il progetto verrà acquistato dalla Irisbus che lascia la produzione del veicolo all'azienda bresciana fino al termine della commercializzazione, nel 2009.

Declino e chiusura (anni Duemila)Modifica

Nel 2000 l'azienda acquista dalla Scania uno stabilimento produttivo a Słupsk, vicino Danzica, che verrà rivenduto in parte all'azienda svedese nel 2004.[1]

Il 20 maggio 2010, in seguito ad un grave dissesto finanziario, l'azienda presenta la richiesta per la procedura di concordato preventivo che verrà poi rigettata decretando il fallimento della società che terminerà la produzione il 30 novembre 2011.[2]

Dopo il fallimento sarà la Stefanelli S.p.A. ad ottenere il lotto della produzione e dei pezzi di ricambio.[3]

ProduzioneModifica

Di seguito un riepilogo della produzione Cacciamali:

  • Thesi (scuolabus su meccanica Iveco Daily)
  • Thema (scuolabus su meccanica Iveco Eurocargo)
  • Tema (minibus su meccanica Iveco Eurocargo)
  • Urby (versione dedicata al trasporto pubblico del Thesi)
  • TCM 890
  • TCC 780
  • TCM 920 "Europolis"
  • TCN 105 "Europolis"
  • TCI 840
  • TCI 970
  • TCC 635
  • TCC 690 "Grifone"

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ XCACCIAMALI Spa, su bustocoach.com. URL consultato il 6 luglio 2018.
  2. ^ 127/2010 Cacciamali S.p.a. in liquidazione, su Portale dei creditori. URL consultato il 6 luglio 2018.
  3. ^ Stefanelli S.p.A., su stefanelli-spa.it. URL consultato il 10 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2018).

Altri progettiModifica