Camera della Cultura del Reich

Camera della Cultura del Reich
Reichskulturkammer
Tipogovernativa
Fondazione22 settembre 1936
Scioglimento8 maggio 1945
ScopoControllo su cinema, musica, stampa, teatro, radio, arte e televisione[1]
Sede centraleGermania Wilhelmplatz
PresidenteJoseph Goebbels
Lingua ufficialetedesco

La Camera della Cultura del Reich (dal tedesco Reichskulturkammer, a volte abbreviata RKK) era un'agenzia governativa della Germania nazista. Fu istituita per legge il 22 settembre 1936 nel corso del processo Gleichschaltung su istigazione del ministro del Reich Joseph Goebbels come organizzazione professionale di tutti gli artisti creativi tedeschi.[2] Sfidando le ambizioni concorrenti del Fronte tedesco del lavoro (DAF) sotto il rivale di Goebbels Robert Ley, la Camera della Cultura del Reich era destinata a detenere il controllo dell'intera vita culturale in Germania creando e promuovendo l'arte ariana in linea con gli ideali nazisti.

Ogni artista doveva presentare domanda presentando un certificato ariano. Un'iscrizione rifiutata comportava di fatto un divieto del lavoro.

Struttura e organizzazioneModifica

 
Organigramma della Camera della Cultura del Reich

La RKK era affiliata con il Reichsministerium für Volksaufklärung und Propaganda ("Ministero del Reich per l'istruzione pubblica e la propaganda") con sede a Wilhelmplatz a Berlino. Diretta da Goebbels, che ricopriva la carica di segretario di Stato, la Camera della Cultura era governata da quattro vicepresidenti:

L'ufficiale delle Schutzstaffel Hans Hinkel era uno degli ufficiali incaricati della Camera e il commissario straordinario di Goebbels per la rimozione degli ebrei dalla vita culturale tedesca.

Diverse suddivisioni del RKK riguardavano musica, arti visive, film, architettura e letteratura, e tali campi erano gestiti in sette dipartimenti:

Al termine della seconda guerra mondiale, la RKK fu sciolta e le sue attività confiscate dalla legge n. 2 (10 ottobre 1945) dalla Commissione alleata di controllo. I filmati e gli archivi vengono oggi conservati negli Archivi federali tedeschi (Bundesarchiv) e nel Berlin Document Center.

Arte degenerataModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Arte degenerata.
 
Goebbels in visita alla mostra d'arte degenerata (1937)

Il RKK ebbe un ruolo significativo nell'oppressione nazista dell'arte moderna, diffamata e accusata di "bolscevismo culturale". Un notevole progetto della divisione Bildende Künste (Belle arti) sotto Adolf Ziegler fu la mostra Entartete Kunst dedicata a opere considerate "degenerate".[3] Aperta nel luglio 1937 all'Hofgarten di Monaco, si trattava di un'esposizione itinerante che perdurò dal 1938 al 1941 e che fece tappa in diverse importanti città tedesche come Berlino, Lipsia, Düsseldorf, Salisburgo e Amburgo. La partecipazione fu misurata in milioni (si presume in buona parte perché l'ingresso fosse gratuito), e la cosiddetta "arte degenerata" fu più popolare tra il pubblico di quanto previsto dai nazisti. Goebbels sostenne gli espressionisti tedeschi fino all'intervento di Hitler ed espresse il suo disgusto verso artisti come Max Liebermann ed Emil Nolde.

NoteModifica

  1. ^ Nazismo: la propaganda, su storiaxxisecolo.it. URL consultato il 7 maggio 2019.
  2. ^ (EN) CULTURE IN THE THIRD REICH: OVERVIEW, su encyclopedia.ushmm.org. URL consultato il 7 maggio 2019.
  3. ^ (EN) CULTURE IN THE THIRD REICH: DISSEMINATING THE NAZI WORLDVIEW, su encyclopedia.ushmm.org. URL consultato il 7 maggio 2019.

BibliografiaModifica

  • (EN) Alan E. Steinweis, Art, Ideology, and Economics in Nazi Germany: The Reich Chambers of Music, Theater, and the Visual Arts, University of Carolina, 1993.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN142482095 · ISNI (EN0000 0001 1013 8909 · LCCN (ENn86017708 · GND (DE18668-5 · WorldCat Identities (ENlccn-n86017708