Apri il menu principale
Canidole Grande
Vele Srakane
Srakane satelite.gif
Vista satellitare di Canidole Grande e Piccola
Geografia fisica
LocalizzazioneMare Adriatico
Coordinate44°34′55″N 14°18′36″E / 44.581944°N 14.31°E44.581944; 14.31Coordinate: 44°34′55″N 14°18′36″E / 44.581944°N 14.31°E44.581944; 14.31
ArcipelagoIsole Quarnerine
Superficie1,18 km²
Dimensioni3,33 × 0,49 km
Sviluppo costiero7,441 km
Altitudine massima59,5 m s.l.m.
Geografia politica
StatoCroazia Croazia
RegioneRegione litoraneo-montana
ComuneLussinpiccolo
Demografia
Abitanti3 (2011)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Croazia
Canidole Grande
Canidole Grande
voci di isole della Croazia presenti su Wikipedia

Canidole Grande[1][2][3] (in croato Vele Srakane) è un'isola della Croazia che fa parte dell'arcipelago delle isole Quarnerine ed è situata a sudest della punta meridionale della penisola d'Istria. Assieme a Canidole Piccola compone le isole Canidole.

Amministrativamente appartiene alla città di Lussinpiccolo, nella regione litoraneo-montana.

GeografiaModifica

Situata nella parte meridionale del Quarnaro, tra Unie e Sansego, Canidole Grande si trova 35 km a sudest[4] dell'Istria e 3,55 km a ovest[5] dell'isola di Lussino. Il canale di Unie la separa da Lussino, mentre lo stretto Bocca di Zapal Grande[6] (prolaz Veli Žapal) la separa da Unie; a sudest, invece, è lo stretto Bocca di Slapich[6] (prolaz Žaplić), largo meno di 200 m, a separarla da Canidole Piccola[7]. Canidole Grande si sviluppa in direzione nordovest-sudest per 3,33 km[8], da punta Guardia[9] (rt Straža) a punta Slapich[10] (rt Zaplić)[7], e raggiunge una larghezza massima di 490 m[11]; la sua superficie è di 1,186 km²[12].

Canidole Grande ha una forma stretta e allungata con una piccola strozzatura nella parte meridionale che forma una coppia di insenature[7]. A nord, l'isola raggiunge la sua elevazione massima di 59,5 m s.l.m. (monte della Guardia[1], Vela Straža)[7] Le coste si sviluppano per 7,441 km[12].

StoriaModifica

 
Vista dell'isola nei pressi del villaggio omonimo

Nel piccolo villaggio omonimo c'è una pietra tombale di epoca romana e una chiesetta dedicata a sant'Anna. Sul monte della Guardia ci sono i resti di una fortificazione preistorica: una costruzione semicircolare usata come difesa contro i predoni del mare. Durante tutto il Medioevo fece parte della Repubblica di Venezia; in seguito, sotto il governo dell'impero austro-ungarico ricevette il nome di Groß Kanidol. Dopo la prima guerra mondiale entrò a far parte del Regno d'Italia, mentre al termine della seconda guerra mondiale fu ceduta alla Jugoslavia.

Al censimento del 2011, la popolazione dell'isola era di soli 3 abitanti[13].

NoteModifica

  1. ^ a b Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, pp. 480-481.
  2. ^ Atlas. L'atlante geografico de Agostini, Istituto geografico de Agostini, Novara 1993, p. 69.
  3. ^ Topografia veneta ovvero descrizione dello Stato veneto, tomo I, Giammaria Bassaglia, Venezia 1787, p. 102.
  4. ^ Distanza calcolata su Wikimapia
  5. ^ Distanza calcolata su Wikimapia
  6. ^ a b Natale Vadori, Italia Illyrica sive glossarium italicorum exonymorum Illyriae, Moesiae Traciaeque ovvero glossario degli esonimi italiani di Illiria, Mesia e Tracia, 2012, San Vito al Tagliamento (PN), Ellerani, p. 525, ISBN 978-88-85339293.
  7. ^ a b c d (HR) Mappa topografica della Croazia 1:25000, su preglednik.arkod.hr. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  8. ^ Lunghezza su Wikimapia
  9. ^ Dario Alberi, Dalmazia. Storia, arte, cultura, Lint Editoriale, Trebaseleghe (PD) 2008, p. 479.
  10. ^ Vadori, p. 551.
  11. ^ Larghezza su Wikimapia
  12. ^ a b COASTLINE LENGTHS AND AREAS OF ISLANDS IN THE CROATIAN PART OF THE ADRIATIC SEA DETERMINED FROM THE TOPOGRAPHIC MAPS AT THE SCALE OF 1 : 25 000 (PDF), su academa.si, p. 13. URL consultato il 18 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2016).
  13. ^ Censimento 2011 (Regione litoraneo-montana), su dzs.hr. URL consultato il 18 agosto 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica