Apri il menu principale

Cantabrasil

album di Toquinho del 1989
Cantabrasil
ArtistaToquinho
Tipo albumLive
Pubblicazione1989
Durata106:11 (LP)
70:41 (CD)
Dischi2 (LP)
1 (CD)
Tracce14
GenereMúsica popular brasileira
Samba
Bossa nova
EtichettaCGD
ProduttoreGianni Daldello per Maracanà
RegistrazioneTeatro Sistina, Roma, 1984
FormatiLP 12" (1989), CD (1993)[1]

Cantabrasil è un album di Toquinho, pubblicato in Italia dalla CGD nel 1989 (CGD 22230).

Il discoModifica

L'album è stato registrato dal vivo durante una tournée realizzata da Toquinho nel 1984 in Italia dopo la fortunata esperienza dell'album e della canzone Acquarello.

Lo spettacolo, intitolato Cantabrasil - Carosello di musiche, canti e immagini del Brasile di ieri e di oggi e prodotto da Franco Fontana, ripercorreva la tradizione musicale brasiliana a partire dal samba tradizionale, fino alla bossa nova, passando per la musica del Nord-Est e per il carnevale.

Dopo la morte di Vinícius de Moraes, Toquinho aveva continuato la sua carriera con spettacoli ad ampio respiro sulla tradizione musicale del suo paese, portando comunque tutta l'esperienza artistica e umana maturata negli anni della sua parceria con il poeta.

Toquinho arrivò in Italia (e in Europa) con uno di questi spettacoli proprio ai tempi della promozione di Acquarello[2].

Nel 1984 Toquinho tornò in Italia con uno spettacolo ancor più importante, con una formazione allargata e con un repertorio più vasto.

Cantabrasil ripercorre praticamente tutta la storia moderna della musica brasiliana. Lo spettacolo fu pensato come un susseguirsi di pot-pourri tematici (pratica peraltro diffusa nel mondo musicale brasiliano) ognuno dedicato ad un genere, ad uno stile o ad un momento della vicenda artistica del cantautore di San Paolo.

Una medley è dedicata al partido alto (la forma più popolare del samba), una alla roda di samba con una carrellata di canzoni provenienti dal carnevale di Rio de Janeiro degli anni trenta e quaranta, uno al musica nordestina (con l'immancabile Asa branca), una alla bossa nova di Antônio Carlos Jobim, Baden Powell e Vinícius de Moraes, una a Bahia, una al carnevale.

Non mancano ovviamente accenni alla lunga collaborazione con Vinícius de Moraes e qualche omaggio all'Italia come una bella versione di Anema e core (che Toquinho e Vinicius avevano già inciso nel 1976 con Ornella Vanoni) e la hit del momento, Acquarello, portata l'anno prima anche al Festival di Sanremo e che aveva valso a Toquinho un disco d'oro.

Il gruppo che accompagna Toquinho comprende musicisti di eccezione come il fisarmonicista e cantautore pernambucano Dominguinhos (José Domingos de Moraes), uno degli eredi di Luiz Gonzaga, il percussionista Papete (José de Ribamar Viana), virtuoso del berimbao, i fratelli Luciana, virtuosa del cavaquinho, e Raphael Rabello (Rafael 7 Cordas) virtuoso della chitarra a sette corde, i percussionisti Marçal da Portela e Branca de Neve, il batterista Mutinho e il bassista Luizão Maia, entrambi vecchi collaboratori di Toquinho e Vinícius de Moraes.

Completano la formazione quattro bravissime cantanti: Guadalupe, allora moglie di Dominguinhos, Bel, Silvia Maria e la sambista Eliana Estevão.

Lo spettacolo toccò diverse città italiane nel corso della primavera del 1984, tra cui Roma, Milano e Mestre. La RAI mandò in onda la registrazione del concerto alla Bussola Domani di Viareggio. All'epoca di Cantabrasil, Toquinho fu ospite con tutto il suo gruppo della trasmissione Te lo do io il Brasile di Beppe Grillo.

L'album Cantabrasil fu pubblicato della CGD nel 1989 su un doppio LP contenente la registrazione di uno degli spettacoli tenuti al Teatro Sistina di Roma. Fu poi ripubblicato in versione ridotta su CD nel 1993.

TracceModifica

Disco 1 - Lato A

  1. Partido altro (medley) - 6:29
    • Temporal
    • Poeira
    • Miquilina
    • Foram me chamar
    • Moro na roça
    • Minha viola
    • Tem areia
    • Quero ver todo mundo sambar
  2. Samba tradizionale (medley) - 7:04
    • Agora é cinzas - (Alcebíades Maia Barcelos "Bide", Armando Vieira Marçal "Marçal")[3][4]
    • Acreditar - (Délcio Carvalho, Dona Ivone Lara)[5]
    • Leva meo samba - (Ataulfo Alves)[4][6]
    • Abre a janela - (Arlindo Marques Júniors, Roberto Roberti)[4][7]
    • Implorar - (Germano Augusto Coelho, João da Silva Gaspar, Kid Pepe)[4][8]
    • Nêga do cabelo duro - (Rubens Soares, David Nasser)[4][9]
    • Se ela quisesse - (Toquinho, Vinicius de Moraes)
  3. Toquinho e le sue radici (medley) - 16:30
    • Parlato
    • A tonga da mironga do kabuletê - (Toquinho, Vinicius de Moraes)
    • Maria vai com as outras - (Toquinho, Vinicius de Moraes)
    • Tristeza - (Haroldo Lobo, Niltinho)
    • Bachianinha - (Paulinho Nogueira)
    • Um abraco ao Papete - (Toquinho)

Disco 1 - Lato B

  1. Nord est (medley) - 29:11
    • Asa branca - (Luiz Gonzaga, Humberto Teixeira)
    • Parlato
    • Lamento sertanejo - (Gilberto Gil, Dominguinhos)
    • Eu só quero um xodó - (Dominguinhos, Anastácia)
    • Sete meninas - (Dominguinhos, Toinho Alves)
    • Gaio da roseira - (Hermeto Pascoal, Divina Parcoal)[10]
    • Sebastiana - (Rosil Cavalcanti)[11]

Disco 2 - Lato A

  1. Bossa nova (medley) - 9:50
  2. Choro (medley) - 6:20
    • Tico-tico no fubá - (Zequinha Abreu)[12]
    • Odeon - (Ernesto Nazareth, Hubaldo Maurício)
  3. Toquinho in Italia (medley) - 5:55
    • Anema e core - (Salve D'Esposito, Domenico Titomanlio)
    • Acquarello - (Toquinho, Maurizio Fabrizio, Guido Morra)

Disco 2 - Lato B

  1. Toquinho in Italia (medley) - 4:45
  2. Bahia (medley) - 9:13
    • Você já foi à Bahia? - (Dorival Caymmi)
    • A benção Bahia? - (Toquinho, Vinicius de Moraes)
    • Atrás do trio eletrico - (Caetano Veloso)[13]
    • Pombo correio - (Dodô, Osmar, Moraes Moreira)
    • Festa do interior - (Moraes Moreira, Abel Silva)
  3. Carnaval (medley) - 10:54
    • Parlato
    • Festa para um rei negro - (Adil de Paula "Zuzuca do Salgueiro")
    • O mundo melhor de Pixinguinha - (Evaldo Gouveia, Jair Amorim)[14]
    • A fonte secou - (Mansueto, Tufi Lauar, Marcléo)
    • Vem chegando a madrugada - (Noel Rosa De Oliveira, Adil de Paula "Zuzuca do Salgueiro")
    • Ha mais de uma semana - (tradizionale)
    • Nesta onda que eu vou - (Oswaldo Nunes)
    • Festa para um rei negro - (Adil de Paula "Zuzuca do Salgueiro")
    • Canta Brasil - (Alcyr Pires Vermelho, David Nasser)[15]
  • Le medley dedicate al Partido alto e al Nord est non sono presenti nella edizione su CD (CGD 903 270 752-2) che ha una scaletta diversa:
  1. Samba tradizionale (medley) - 7:04
  2. Toquinho e le sue radici (medley) - 16:30
  3. Bossa nova (medley) - 9:50
  4. Choro (medley) - 6:20
  5. Toquinho in Italia (medley) - 10:50
  6. Bahia (medley) - 9:13
  7. Carnaval (medley) - 10:54

FormazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ L'edizione su CD riporta ℗ 1988 anche se l'edizione su LP fu pubblicata nel 1989 e quella su CD molto dopo.
  2. ^ Nel 2006 è stato pubblicato un DVD contenente la registrazione di un concerto tenuto alla televisione della Svizzera Italiana in occasione di questo tour del 1983.
  3. ^ Canzone del carnevale del 1934 interpretata originariamente da Mário Reis.
  4. ^ a b c d e (PT) Sambas Carnavalescos [collegamento interrotto], su aochiadobrasileiro.vndv.com. URL consultato il 26 agosto 2009.
  5. ^ Indicata erroneamente come Recomençar nelle note di copertina.
  6. ^ Canzone del carnevale del 1940 originariamente interpretata da Ataulfo Alves.
  7. ^ Nelle note di copertina sono indicati altri autori. Esistono molte canzoni con lo stesso titolo. Quella presente in questo disco è una canzone del carnevale del 1938 interpretata tra gli altri da Orlando Silva.
  8. ^ Canzone del carnevale del 1935 originariamente interpretata da Moreira da Silva.
  9. ^ Canzone del carnevale del 1942 originariamente interpretata da Anjos do Inferno e registrata anche da Elis Regina nel 1969.
  10. ^ Indicata come Galho da roseira nelle note di copertina.
  11. ^ Indicata come Comadre Sebastiana nelle note di copertina.
  12. ^ Indicata come Tico tico nelle note di copertina.
  13. ^ Indicata come Trio eletrico nelle note di copertina.
  14. ^ Conosciuta anche come Pizindim (uno dei soprannomi di Pixinguinha) e indicata come Pizindim-Pizindim nelle note di copertina.
  15. ^ Indicata come Cantabrasil nelle note di copertina.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica