Apri il menu principale

Carlo Trevisanello

calciatore italiano
Carlo Trevisanello
Carlo Trevisanello.jpg
Carlo Trevisanello con la maglia dell'Ascoli (1981)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1986
Carriera
Giovanili
Venezia
Squadre di club1
1973-1974 Venezia 8(1)
1974-1976 Bologna 19 (1)
1976-1977 Avellino 31 (2)
1977-1978 Como 34(6)
1978-1983 Ascoli 95 (6)
1983 Prato 5 (0)
1983-1984 Catanzaro 21 (0)
1984-1986 Venezia 28 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Carlo Trevisanello (Venezia, 19 febbraio 1957) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

È il fratello minore di Stefano Trevisanello.

Caratteristiche tecnicheModifica

Era un giocatore di temperamento.[1]

CarrieraModifica

Nasce calcisticamente nel Venezia assieme al fratello Stefano che giocherà in Serie A nel Verona e nell'Avellino.

Debutta nella massima serie con il Bologna nelle cui file gioca per due anni venendo poi ceduto a titolo definitivo all'Avellino.

Viene poi acquistato dall'Inter che lo cede dapprima al Como e poi all'Ascoli nella trattativa che prevede il trasferimento in nerazzurro di Giancarlo Pasinato in cambio dello stesso Trevisanello oltre che di Angiolino Gasparini, Pietro Anastasi e Claudio Ambu[2]. La permanenza del centrocampista veneziano nel club marchigiano dura fino al 1982-1983, quindi, dopo una breve parentesi al Prato, disputa il campionato di Serie B 1983-1984 col Catanzaro, che chiude la stagione all'ultimo posto.

Seguirà il ritorno a Venezia dove conclude la sua carriera professionistica.

In carriera ha totalizzato complessivamente 114 presenze e 7 reti in Serie A e 86 presenze e 8 reti in Serie B.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Ascoli: 1980-1981

Competizioni internazionaliModifica

Ascoli: 1980

NoteModifica

  1. ^ Carlo Trevisanello (II) - ala - al Bologna dal 1974 al 1976 Archiviato il 18 gennaio 2012 in Internet Archive. Gianfrancoronchi.net
  2. ^ Dario Canovi, Costantino il grande, in Lo stalliere del Re, Milano, Dalia editore, 2011, p. 26. (nel libro è riportato erroneamente il nome di Adelio Moro anziché quello di Claudio Ambu)

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica