Apri il menu principale
Carlo d'Inzaghi
Karl Inzaghi (1777–1856).jpg

Governatore del Veneto
Durata mandato 1820-1826
Capo di Stato Francesco I d'Austria
Predecessore Ferdinand Ernst Maria von Bissingen-Nippenburg
Successore Johann Baptist Spaur

Dati generali
Prefisso onorifico Sua Eccellenza
Suffisso onorifico Conte
Tendenza politica Conservatore
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione politico

Carlo Borromeo d'Inzaghi (Graz, 1777Gorizia, 1856) è stato un politico austriaco.

Indice

BiografiaModifica

 
La tomba del conte d'Inzaghi nel cimitero del distretto viennese di Währing.

Carlo Borromeo Rodolfo d'Inzaghi (talvolta indicato nella variante tedesca di Karl Borromäus Rudolph Inzaghi o Inzaghy), nacque a Graz nel 1777, membro di una nobile famiglia di origini italiane che vantava tra i propri illustri parenti anche Francesco Filippo d'Inzaghi (1731-1816), vescovo di Diocesi di Trieste, Gorizia e Gradisca.

Intrapresa la carriera di studi di giurisprudenza, Carlo d'Inzaghi si introdusse rapidamente negli ambienti di corte viennesi come diplomatico, iniziando il proprio servizio alla corte di Parma ove era regnante Maria Luisa d'Austria, vedova di Napoleone e figlia dell'Imperatore Francesco II. Tornato a Vienna, venne nominato Gran Cancelliere della Commissione Aulica degli studi della Monarchia austriaca, Gran Cancelliere dell'I.R. Cancelleria Aulica Riunita, Consigliere segreto dell'Imperatore e Ciambellano di corte.

Nel 1820 venne nominato Governatore del Veneto all'interno del Regno Lombardo-Veneto da poco costituito, rimanendo in carica sino al 1826.

Ritiratosi a vita privata, morì a Gorizia nel 1856.

OnorificenzeModifica

BibliografiaModifica

  • D. Calabi e G. Bonaccorso, Dopo la Serenissima: società, amministrazione e cultura nell'Ottocento veneto, ed. Istituto veneto di scienze, lettere ed arti, 2001
  • Nicolò Biscaccia, Cronache di Rovigo dal 1844 a tutto 1864, Rovigo, 1865
  • G. B. Sorlavia, Le chiese di Venezia, Venezia, 1823

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN25704450 · ISNI (EN0000 0000 5543 6128 · GND (DE13018747X · CERL cnp00659779