Apri il menu principale
Articoli della Gazzetta dello Sport

Il caso Savoia-Fiorentina fu un illecito sportivo, uno dei primi avvenuto in Italia, esattamente l'11 dicembre 1927[1], che coinvolse le dirigenze delle società di calcio di Savoia e Fiorentina.

I fattiModifica

Il tentativo di combine avvenne durante il campionato di Prima Divisione 1927-1928 antesignana dell'odierna Serie B. Il Savoia quell'anno fu ripescato dalla FIGC in tale categoria, per meriti sportivi, ma la già precaria situazione economica della società si acuì a causa dell'onerosa gestione che questo campionato comportava. La crisi durante il campionato divenne irreversibile, a tal punto da far pensare ai dirigenti di ritirare la squadra dalla competizione.

L'11 dicembre 1927, al Campo Oncino di Torre Annunziata era di scena la partita col la Fiorentina. Mancavano quattro giornate alla fine del campionato, i viola avevano assolutamente bisogno di punti per alimentare ancora i sogni di promozione, mentre il Savoia era a caccia di contanti per risanare il bilancio societario. Questa combinazione di elementi portò a quello che sarà uno dei primi scandali del calcio italiano. L'incontro finì 4-1 per i toscani, ma dopo circa un mese, La Nazione[2][3] scrisse dell'ipotesi di combine, così come La Gazzetta dello Sport ventilò tale ipotesi in due articoli pubblicati il 2 ed il 13 gennaio 1928[4]. Scattò quindi un'indagine da parte della FIGC, che scoprì l'accordo tra le società ed elargì punizioni esemplari, per le seguenti motivazioni:

  • Offerta del Savoia alla Fiorentina in cambio di soldi per dare forfait.[1]
  • Mancata denuncia da parte della Fiorentina.[1]
  • Reiterata offerta del Savoia all'inizio della partita, per far vincere gli ospiti dietro compenso in denaro.[1]
  • Accettazione di un identificato dirigente viola, di non incassare l'indennizzo federale, a patto che il Savoia si impegnasse al massimo nella successiva gara contro il Bari, concorrenti diretti dei toscani per la corsa promozione.[4]

Sentenze della FIGCModifica

La Federazione comminò pene esemplari, come di seguito descritto:

SocietàModifica

  • Savoia: multa di lire 4500[4][5]
  • Fiorentina: multa di lire 1000 per le spese d'inchiesta, cancellazione dei punti conquistati sul campo[5]

DirigentiModifica

Modifica

A seguito della multa il Savoia si ritirò dal campionato per fallimento[1].

La Fiorentina arrivò seconda in campionato, ma successivamente venne ammessa dalla FIGC alla Divisione Nazionale.

Al presidente della Fiorentina Luigi Ridolfi, "per non aver partecipato al fatto e per averlo denunciato non appena portato a sua conoscenza", e al dirigente Gino Agostini, "per non aver commesso il fatto", non venne comminata alcuna pena, nominando il marchese commissario straordinario per la stagione 1927-28.[5][6]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 65.
  2. ^ Quotidiano del 14 gennaio 1928.
  3. ^ AA.VV., Anno I, III puntata, nr 3, pagina 11.
  4. ^ a b c d e f Calvelli, Lucibelli, Schettino, p. 66.
  5. ^ a b c d e f Articolo de La Stampa del 14 gennaio 1928, Archivio La Stampa.it. URL consultato il 14 luglio 2012.
  6. ^ Enzo Ponticelli, Accadde Oggi in Viola...11 dicembre., in Fiorentina.it, 12 novembre 2002. URL consultato il 12 agosto 2013.

BibliografiaModifica

  • Chrystian Calvelli, Giuseppe Lucibelli; Raffaele Schettino, Savoia storia e leggenda dall'Oncino al Giraud, Gragnano, Stampa Democratica '95, dicembre 2000. ISBN non esistente
  • AA.VV., Storia della Fiorentina, Alé Fiorentina, novembre 1965. ISBN non esistente

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Storia della Fiorentina
Guida Toscana-Fiorentina Calcio
Fiorentina squadra del mio cuore[collegamento interrotto]
Tabellino della partita

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio