Apri il menu principale

Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano

politico, imprenditore e dirigente sportivo italiano
Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano
Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano nel 1914.jpg
Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano nel 1914

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXVIII, XXIX
Sito istituzionale

Consigliere nazionale del Regno d'Italia
Legislature XXX
Gruppo
parlamentare
Corporazione delle Comunicazioni interne

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale Fascista
Professione Imprenditore petrolifico

Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano (Galluzzo, 7 novembre 1895Padova, 1º giugno 1958) è stato un politico, imprenditore, dirigente sportivo, eroe pluridecorato della Grande Guerra italiano, fondatore dell'Associazione Calcio Fiorentina nel 1926, del Maggio Musicale Fiorentino, costruendo poi a proprie spese lo Stadio Giovanni Berta. Fu inoltre presidente della Federazione Italiana di Atletica Leggera dal 1926 al 1942 e poi dal 1956 al 1958 e della Federazione Italiana Giuoco Calcio dal 1942 al 25 luglio 1943.

BiografiaModifica

 
Luigi Ridolfi nel suo studio alla Toscoli nel 1952.
 
Luigi Ridolfi con Giuseppe Meazza, allo stadio Comunale di Firenze nel Marzo 1955.

Nacque in seno alla famiglia dei marchesi Ridolfi, una delle più antiche casate nobiliari di Firenze.[1] Partecipò alla Prima guerra mondiale combattendo per due anni sul fronte del Carso[2], ottenendo per meriti bellici due medaglie d'argento al valor militare, e finì la guerra come sottotenente, venendo poi congedato nel 1919 come capitano.[2]

Aderì al fascismo nel 1921, partecipando attivamente ad azioni squadriste e alla Marcia su Roma come vicecomandante della II^ Legione Fiorentina[2]. Futurista al seguito di Ardengo Soffici e Giovanni Papini, diventò imprenditore petrolifero, fu mecenate nello sport e nella musica.

Figura di spicco della componente aristocratica e alto-borghese del fascismo fiorentino, nel 1926 fu incaricato di assumere la guida della segreteria provinciale del Partito Nazionale Fascista per favorire la conciliazione tra la parte moderata e la parte più estremista del fascismo fiorentino.[2]

Parallelamente all'impegno politico, a partire dagli anni venti si occupò pionieristicamente di sport, a livello toscano, nazionale ed internazionale. Fondò l'Associazione Calcio Fiorentina (con la quale vinse una Coppa Italia e due Campionati di Serie B), la Società Atletica Giglio Rosso[3] (che vinse ben sei scudetti negli anni venti) e contribuì alla fondazione dell'Automobile Club d'Italia di Firenze. Fu anche presidente della Federazione Italiana di Atletica Leggera dal 1926 al 1942 e poi dal 1956 al 1958 e della Federazione Italiana Giuoco Calcio dal 1942 al 25 luglio 1943[4]. Fu consigliere nel direttivo della IAAF (Associazione Internazionale delle Federazioni Atletiche) e della EAA (Associazione Atletica Europea) per quasi venti anni, revisore e membro della giunta del C.O.N.I. per più di venti anni, fondò e presiedette il settore tecnico della Federcalcio insieme a Vittorio Pozzo a partire dalla fine degli anni trenta. Fu anche a capo della delegazione olimpica italiana alle Olimpiadi di Berlino del 1936. Insieme a Leandro Arpinati, sviluppando lo sport in Italia e nella loro realtà territoriale, è stato più fedele alla Fiamma olimpica che al Fascio littorio. Ridolfi e Arpinati organizzarono manifestazioni calcistiche, come la Coppa Ridolfi nel 1932 e la Coppa Arpinati.[5]

Fu il fondatore del Maggio Musicale Fiorentino con Vittorio Gui.

Per tre volte eletto deputato alla Camera (1929, 1934, 1939), fu per più di due anni il ‘federale' di Firenze (1926-1929). A Firenze ristrutturò il teatro comunale poi sede del Maggio Musicale Fiorentino, l'impianto di atletica sul viale Michelangelo, appartenente alla società Assi Giglio Rosso, e costruì lo Stadio comunale di Firenze, diventato Stadio Artemio Franchi, nonché il Centro Tecnico Federale di Coverciano, sostituendosi alle pubbliche casse ove esse non offrivano la necessaria copertura.

Alla fine degli anni trenta, divenne poi presidente dell'AGIP di Firenze entrando così nel ramo petrolifero. Nel luglio 1938 costituì la S.A.C.O.M. ("Società Anonima Carburanti Olii Minerali" e, nel novembre del 1941, la S.I.A.C. ("Società Industrie Autarchiche e Carburanti").

A Campo di Marte, nel 2001, è stato inaugurato lo Stadio Luigi Ridolfi, dedicato alla sua memoria e progettato per le discipline di atletica leggera. La biografia a lui dedicata dallo scrittore Andrea Claudio Galluzzo ha vinto il premio letterario del CONI nel 1999.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ Il marchese Luigi Ridolfi [1]
  2. ^ a b c d http://www.treccani.it/enciclopedia/ridolfi-vaj-luigi-da-verrazzano_%28Dizionario-Biografico%29/
  3. ^ ASSI Giglio Rosso Sezione=62 Archiviato il 3 gennaio 2015 in Internet Archive.
  4. ^ bookreader Archiviato il 28 settembre 2013 in Internet Archive.
  5. ^ Copia archiviata. URL consultato il 25 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2014).

BibliografiaModifica

  • Andrea Claudio Galluzzo, Il Fiorentino. Vita e Opere del Marchese Luigi Ridolfi. 1999, Società stampa sportiva, ISBN 978-88-8313-010-6

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica