Apri il menu principale
Castello di Lisignano
Castello Lisignano.jpg
Ubicazione
StatoFlag of Cross of Burgundy.svg Impero Spagnolo
Flag of the Duchy of Milan.png Ducato di Milano
Flag of the Duchy of Parma (1851-1859).svg Ducato di Parma e Piacenza
Francia Primo Impero francese (Dipartimento del Taro)
Flag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regno d'Italia
Repubblica Sociale Italiana Repubblica Sociale Italiana
Italia Italia
Stato attualeItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
CittàGazzola
Coordinate44°57′N 9°53′E / 44.95°N 9.883333°E44.95; 9.883333Coordinate: 44°57′N 9°53′E / 44.95°N 9.883333°E44.95; 9.883333
Mappa di localizzazione: Nord Italia
Castello di Lisignano
Informazioni generali
TipoCastello medievale - rinascimentale
MaterialePietra
Condizione attualeBuono
VisitabileNo
Carmen Artocchini Castelli piacentini - Edizioni TEP Piacenza 1967
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Lisignano è un fortilizio della provincia di Piacenza.

Situato alla base delle colline dove la val Luretta diviene pianeggiante, pur essendo vicino al paese di Agazzano fa parte del comune di Gazzola.

StoriaModifica

Il luogo, probabilmente il Licinianus della tabula alimentaria traianea[1] viene citato in un atto di cessione datato 800 dove il giudice Albizzone donava terreni, costruzioni e vigne al monastero di San Savino di Piacenza.

La prima citazione del castello, che doveva già essere esistente, risale al 1203 col soggiorno del marchese di Hohenburg che percorse il territorio con scopi intimidatori per l'imperatore Federico II.

Si susseguirono come proprietari: i Pagani, gli Anguissola, l'Ospedale di Piacenza, i Rizzalotti, i Leoni e i Maestri. Attualmente è di proprietà privata.[2]

StrutturaModifica

La caratteristica peculiare di questo castello è quella di possedere l'originale fossato, tuttora in funzione, alimentato dalle acque della vicina Luretta, l'accesso è consentito da un ponte levatoio. La muratura è in pietra, la pianta rettangolare con quatrtro torri rotonde agli angoli. L'interno, trasformato in residenza nel XVIII secolo, presenta nel lato nordest del cortile un doppio loggiato in stile barocco.

NoteModifica

  1. ^ Carmen Artocchini Castelli piacentini - Edizioni TEP Piacenza 1967
  2. ^ Ricerca Itinerari - Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell'Emilia-Romagna

BibliografiaModifica

  • Carmen Artocchini Castelli piacentini - Edizioni TEP Piacenza 1967
  • Paolo Cortesi, I castelli dell'Emilia Romagna, Newton Compton Editori, Roma 2007

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica