Apri il menu principale
Codice Brandis
Presentazione del Codice Brandis.jpg
1ª ed. originale1629

Il Codice Brandis, compilato presumibilmente tra il 1607 e il 1629, è il più importante documento iconografico relativo all'incastellamento del Tirolo, allora parte integrante del Sacro Romano Impero.

StoriaModifica

L'importanza strategica della contea era nota sin dall'epoca della costruzione della via imperiale Claudia Augusta da parte dei Romani, ma fu proprio durante il Medioevo e successivamente sotto l'Impero degli Asburgo che la contea assunse un ruolo determinante nella comunicazione commerciale e militare tra nord e sud Europa. Fu la necessità di controllare in modo capillare e sistematico le vie di comunicazione stradali e fluviali a creare nel corso dei secoli una fitta rete di punti di difesa, vigilanza e controllo costituita da centinaia di castelli e residenze fortificate. Tale peculiarità faceva del Tirolo la regione con la maggior concentrazione di castelli per chilometro quadrato di tutta Europa. Fu Jakob Andrä Brandis di Lana, capitano della Contea (Landeshauptmann) e uomo di cultura, ad assegnare l'incarico ad un esperto disegnatore di ritrarre castelli, città fortificate e abitazioni nobiliari cinte da mura presenti nella vasta contea, i cui confini si estendevano dalla città di Kufstein a Borghetto, a sud di Trento. L'autore dei disegni rimane sconosciuto così come ignote sono le date di creazione dei vari disegni, sebbene alcuni elementi descrittivi consentano una loro collocazione temporale assai precisa. Sconosciuti rimangono anche i motivi che spinsero Jakob Andrä Brandis ad assegnare l'impegnativo incarico: alcuni studiosi propendono per l'ipotesi che l’artista del Codice Brandis avesse il compito di integrare con immagini una pubblicazione sulla storia del Tirolo, a cui il committente stava lavorando. Altri storici ritengono che la raccolta servisse al potere centrale per mappare lo stato di conservazione degli edifici di proprietà nobiliare o di certose appartenenti al clero in modo da conoscere in modo indiretto lo stato di benessere dei proprietari, considerata l'impellente necessità di raccogliere fondi a sostegno della Guerra dei Trent'anni, iniziata nel 1618.

 
La città di Trento riprodotta nel Codice Brandis (1620 circa)

Il Codice Brandis è costituito da 105 fogli di misura 22,00 cm per 16,6 cm. Per secoli conservato presso la nobile famiglia dei conti Brandis di Lana, il prezioso manoscritto è custodito dal 1998 presso l'Archivio provinciale di Bolzano, attuale proprietario e custode. I primi studiosi a occuparsi dell’opera sono stati prima il conte Oswald Trapp e poi nel 1975 il prof. Nicolò Rasmo; sino al 2018 le preziose raffigurazioni non sono mai state completamente e integralmente rese pubbliche. A partire dal 2012 il Codice Brandis è parte integrante di un progetto di ricerca di un gruppo di storici, coordinato dall’associazione Tangram di Merano, che prevede la pubblicazione di tutti i disegni originali e di diversi saggi tematici, utili a inquadrare l’opera nel contesto storico della Contea Principesca del Tirolo del Seicento.

ContenutiModifica

I primi schizzi del Codice Brandis si riferiscono al Burgraviato, alla Val Venosta e all'alta Valle dell'Inn, allora parte integrante del Tirolo e oggi regione austriaca. Il Burgraviato, corrispondente all’incirca alla conca meranese, è descritto con 15 disegni che presentano in totale 20 vedute; la Val Venosta è descritta con 16 disegni e 26 vedute, mentre l’alta Valle dell’Inn e parte dell’Engadina, territori allora appartenenti alla Contea Principesca del Tirolo, vengono descritte con 12 disegni con 17 vedute. Segue l’area della Val d’Adige, nella zona compresa tra l’attuale comune di Lana sino al paese di Termeno a nord di Bolzano e rappresentata da 16 disegni con 34 vedute. Il Codice prosegue con la raccolta di 18 disegni che descrivono la Val di Non e la Val di Sole per un totale di 34 vedute e termina con i disegni dei castelli che si trovano tra il paese di Salorno e il confine meridionale della Contea, corrispondente al Basso Trentino, dove il disegno del villaggio di Borghetto riporta anche l’indicazione dell’allora confine con la Repubblica di Venezia. Ogni zona viene presentata da un titolo di copertina, successiva alla stesura dei disegni di inizio Seicento.

Le vedute delle prime tre aree geografiche trattate dal Codice Brandis riprendono nell’ordine i seguenti soggetti, indicati secondo la compilazione del Settecento: Castel Giovo, Castel Scena, Castel Gaiano, Castel Gatto, Castel Verruca, Castel Eschenlohe, Castel San Zeno, Castel d’Aura, Castel Tirolo, Castel Fontana, Castel Knillenberg, Castel Reichenbach, Castel Rottenstein, Castel Winkel, Castel Rubein, Castel Trauttmansdorff, Castel Rametz, Castel Labers, il convento di Maria Steinach a Lagundo, Castel Foresta, dogana di Tel, Castel Stachlburg, Castel Naturno, Castel Taranto, Castel Juval, il monastero certosino della Val Senales, Castelbello, il castello e il villaggio di Laces, i castelli di Monte Sant’Anna e di Coldrano, Castel Montani di Sopra e di Sotto, Castel Montechiaro, Castel Coira, la città fortificata di Glorenza, Castello del Principe, la Val di Tubre, i castelli Rotund e di Reichenberg, il castello di Sankt Petersberg, la città austriaca di Imst e dintorni, i castelli di Kronburg e di Schrofenstein, lo sbarramento fortificato di Lötz, Castel Landeck, i castelli di Wiesberg e Bideneck, il castello di Laudeck, le fortificazioni di Finstermünz, la Chiusa di San Nicolò (Niklas-Klause) e Castel Tarasp nell'Engadina.

BibliografiaModifica

  • Kindl Ulrike e Baccin Alessandro, Il Codice Brandis. I castelli del Burgraviato, della Val Venosta e dell'alta Valle dell'Inn, Rovereto, Osiride, 2018, ISBN 978-88-7498-287-5.
  • Rasmo, N., Il Codice Brandis. Il Trentino, Istituto Italiano Castelli-Sezione Trentino, Manfrini, Calliano-Trento 1975.
  • Rasmo, N., Il Codice Enipontano III e le opere di difesa del Tirolo contro Venezia nel 1615, Istituto Italiano Castelli-Sezione Trentino, Trento 1979.
  • Tomasi Gino, Il territorio trentino-tirolese nell'antica cartografia, Ivrea, Priuli & Verlucca, 1997, ISBN 8880680730, OCLC 797642124.
  • Trapp, O., Der "Codex Brandis" als Quelle burgenkundlicher Forschung in Tirol, in Caramelle, F., Gritsch, J., Festschrift für Landeskonservator Dr. Johanna Gritsch anläßlich der Vollendung des 60. Lebensjahres (Schlern-Schriften 264), Wagner’sche Universitätsbuchhandlung, Innsbruck 1973.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura