Corrado Del Greco (Firenze, 16 dicembre 1906Canale di Sicilia, 12 ottobre 1940) è stato un militare e marinaio italiano, decorato di Medaglia d'oro al valor militare alla memoria durante il corso della seconda guerra mondiale.

Corrado Del Greco
NascitaFirenze, 16 dicembre 1906
MorteCanale di Sicilia, 12 ottobre 1940
Dati militari
Paese servitoBandiera dell'Italia Italia
Forza armataRegia Marina
Anni di servizio1929-1940
GradoTenente di vascello
GuerreGuerra d'Etiopia
Seconda guerra mondiale
BattaglieBattaglia di Capo Passero (1940)
Comandante ditorpediniera Giulio Cesare Abba
torpediniera Ariel
Decorazionivedi qui
Studi militariRegia Accademia Navale di Livorno
dati tratti da Le Medaglie d'Oro al Valor Militare volume 1 (1935-1941)[1]
voci di militari presenti su Wikipedia

Biografia modifica

 
L'incrociatore leggero Orion, a sinistra, e il similare Sydney visibile sullo sfondo, mentre un aerosilurante Fairey Swordfish sorvola il cacciatorpediniere Artigliere immobilizzato.

Nacque a Firenze il 16 dicembre 1906.[2] Studente del Politecnico di Milano, al terzo anno di ingegneria, nel novembre 1927 si arruolò nella Regia Marina ed iniziò a frequentare la Regia Accademia Navale di Livorno,[3] da cui uscì nell'aprile del 1929 con la nomina a guardiamarina.[2] Promosso sottotenente di vascello nel 1930, divenne tenente di vascello nel 1934, e dopo varie imbarchi su unità di superficie, nel 1937, fu destinato a ricoprire l'incarico di addetto navale e Comandante del Distaccamento Marina presso l'Ambasciata d'italia a Pechino, in Cina.[3] Rientrato in Italia nel 1939, assunse il comando della torpediniera Giulio Cesare Abba e poi quello della torpediniera Ariel e,[2] il 27 maggio 1940, alla vigilia dell'entrata in guerra del Regno d'Italia si imbarco sul cacciatorpediniere Artigliere con l'incarico di Assistente di Squadriglia, che allora era al comando del capitano di vascello Carlo Margottini.[3]

Il 12 ottobre 1940 la XI Squadriglia Cacciatorpediniere fu impegnata in una ricerca notturna di una formazione navale nemica nel Canale di Malta, che sfociò nella battaglia di Capo Passero, l'Artigliere, colpito dal fuoco nemico e con un incendio a bordo, rimasto immobilizzato fu preso a rimorchio dal cacciatorpediniere Camicia Nera.[4] Durante la fasi dell combattimento avevano trovato la morte sia lui che il capitano Margottini, ed entrambi furono insignito della Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.[1] All'alba l''Artigliere fu avvistato dalle navi inglesi, di tre incrociatori e tre cacciatorpediniere, e alle 8:10 il Camicia Nera attaccato da aerei nemici e con le navi britanniche in rapido avvicinamento dovette tagliare il cavo di rimorchio e abbandonare l''Artigliere al suo destino.[4] L'incrociatore pesante HMS York sparò un colpo di avvertimento a prua del, cacciatorpediniere italiano intimando all'equipaggio di abbandonare la nave.[4] Una volta evacuato fu colpito dalle artiglieria dello York, che lanciò anche un siluro, e affondato.[4]

Onorificenze modifica

«Ufficiale assistente di una squadriglia di cacciatorpediniere, dopo aver magnificamente coadiuvato il proprio comandante nella preparazione materiale e spirituale di essa e nella brillante condotta di numerose operazioni di guerra, gli fu vicino con la persona e con l'ausilio anche durante l'ultimo attacco, portato audacemente a fondo nonostante la violenta reazione nemica. Colpito a morte a fianco del Comandante, e sopravvissutogli, tenne, nelle poche ore che ancora ebbe di respiro e pur sentendo imminente la fine, il comando della nave con ordini, consigli e incitamenti e in così tranquilla serenità da lasciare traccia indelebile in coloro che ritornarono. Morì sulla sua nave in pochi istanti prima che essa si inabissasse gloriosamente. Canale di Sicilia, 12 ottobre 1940
— Regio Decreto 2 dicembre 1940.[5]
«Ufficiale imbarcato su cacciatorpediniere, in aspre, contrastate missioni di guerra dava prova di fermezza e coraggio; nell'adempimento del proprio dovere scompariva combattendo sul mare. Esempio di grande dedizione alla Patria. Mediterraneo Centrale, 10 giugno-12 ottobre 1940
— Decreto Luogotenenziale 16 dicembre 1945.

Note modifica

Annotazioni modifica


Fonti modifica

Bibliografia modifica

  • Paolo Alberini e Franco Prosperini, Uomini della Marina, 1861-1946, Roma, Ufficio Storico dello Stato Maggiore della Marina Militare, 2015, ISBN 978-88-98485-95-6.
  • Erminio Bagnasco, In Guerra sul Mare. Navi e marinai italiani nel secondo conflitto mondiale, Parma, Ermanno Albertelli Editore, 2005, ISBN 88-87372-50-0.
  • (EN) Maurizio Brescia, Mussolini's Navy. A Reference Guide of Regia Marina 1930-1945, Barnsley, Seaforth Publishing, 2012.
  • Giorgio Giorgerini, La guerra italiana sul mare, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2002, ISBN 978-88-04-50150-3.
  • Gruppo Medaglie d'Oro al Valor Militare, Le Medaglie d'Oro al Valor Militare volume 1 (1935-1941), Roma, Tipografia regionale, 1965.

Collegamenti esterni modifica