Apri il menu principale
Criciúma
comune
Criciúma – Stemma Criciúma – Bandiera
Criciúma – Veduta
Localizzazione
StatoBrasile Brasile
Stato federatoBandeira de Santa Catarina.svg Santa Catarina
MesoregioneSul Catarinense
MicroregioneCriciúma
Amministrazione
SindacoClésio Salvaro (PSDB)
Territorio
Coordinate28°40′39″S 49°22′11″W / 28.6775°S 49.369722°W-28.6775; -49.369722 (Criciúma)Coordinate: 28°40′39″S 49°22′11″W / 28.6775°S 49.369722°W-28.6775; -49.369722 (Criciúma)
Altitudine46 m s.l.m.
Superficie235,701 km²
Abitanti192 308[1] (2010)
Densità815,9 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale88800-000
Prefisso048
Fuso orarioUTC-3
Codice IBGE4204608
Nome abitanticriciumense
Area metropolitanaRegione Metropolitana Carbonífera
Cartografia
Mappa di localizzazione: Brasile
Criciúma
Criciúma
Criciúma – Mappa
Sito istituzionale

Criciúma è un comune del Brasile nello Stato di Santa Catarina, parte della mesoregione del Sul Catarinense e della microregione di Criciúma.

Fu fondata il 6 gennaio 1880 da un gruppo di famiglie originarie delle province di Belluno, Udine, Vicenza e Treviso, la maggior parte delle quali di Cordignano, Cappella Maggiore e Vittorio Veneto. Deve il suo nome ad una specie di erba diffusa nella zona.

Indice

I principali eventiModifica

  • Il Carnevale
  • La festa das Etnias (festa delle etnìe)
  • Il Festival Internacional de Corais (festival internazionale dei cori)
  • La festa de Santa Bárbara

EconomiaModifica

Criciúma è una città industriale e di servizi. Fornisce tutte le città vicine. È sede di 2.759 aziende che occupano il 18% della forza lavoro della città. L'industria ceramica è a forte compartecipazione internazionale e compete con quella italiana nel mercato mondiale. Vi si trova il 90% di tutta l'industria di prodotti monouso del Brasile. Criciúma è attraversata dalla principale strada del Brasile: la BR-101. L'aeroporto nazionale, che porta il nome di Diomicio Freitas, è gestito dalla Infraero (Impresa Statale Nazionale di Aeroporti).

SocietàModifica

ReligioneModifica

L'80% della popolazione è cattolica, il 15% è protestante e il restante 5% è ateo o di altre religioni. La cattedrale di São José (San Giuseppe) è in ampliamento. Il principale evento cattolico della regione di Criciúma è la Festa di Santa Bárbara, protettrice dei minatori.

Giorni delle festivitàModifica

  • 6 gennaio Fondazione della città
  • 4 dicembre Giorno di Santa Bárbara (protettrice dei minatori)

EducazioneModifica

Criciúma ospita l'Unesc, una delle più grandi università dello Stato, con più di 15.000 studenti.

È anche sede del Collegio Hermann Spethmann, conosciuto per l'impiego di metodi di insegnamento innovativi, e della SATC, una delle principali scuole del Brasile. Il Campus della SATC si trova nel quartiere Universitario di Criciúma ed ha una area totale di 550.000 m². I suoi 50 laboratori hanno equipaggiamenti di livello tecnologico avanzato.

A Criciúma si svolge il più importante Festival Della musica corale del Brasile.

Gemellaggio Criciúma - Vittorio VenetoModifica

Il 7 dicembre 2000 è stato firmato in Brasile l'accordo di gemellaggio tra i comuni di Vittorio Veneto e Criciuma, con l'intenzione di promuovere iniziative di scambio e collaborazione su ogni aspetto della vita sociale dei due comuni, basandosi sia sulle loro potenzialità economiche che sulle loro affinità culturali.

SportModifica

Il Tigre, come viene popolarmente chiamata la squadra di calcio di Criciúma, il Criciúma Esporte Clube, è stato fondato nel 1947 grazie al contributo economico dei minatori di carbone. La squadra è rinomata nella regione ed è l'unica ad aver vinto dei campionati nazionali a Santa Catarina. Il suo stadio, l'Heriberto Hülse, riceve un'affluenza di migliaia di sostenitori. I principali titoli conquistati dal Tigre sono:

  • Copa do Brasil (1991)
  • 02 Campeonatos Brasileiros | Série B (2002) (1986)
  • Campeonato Brasileiro | Série C (2006)

Criciúma è anche sede del Esporte Clube Próspera, o più semplicemente Próspera, una squadra di calcio del campionato Catarinense, promossa dalla serie B1 alla serie A-2 nel 2005.

NoteModifica

  1. ^ (PT) Scheda del comune dall'IBGE - Censimento 2010, su cod.ibge.gov.br. URL consultato il 12 agosto 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Brasile: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Brasile