Diocesi di Januária

Diocesi di Januária
Dioecesis Ianuariensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Montes Claros
Regione ecclesiastica Leste 2
Vescovo José Moreira da Silva
Sacerdoti 31 di cui 22 secolari e 9 regolari
9.580 battezzati per sacerdote
Religiosi 9 uomini, 8 donne
Diaconi 4 permanenti
Abitanti 331.000
Battezzati 297.000 (89,7% del totale)
Superficie 38.187 km² in Brasile
Parrocchie 21
Erezione 15 giugno 1957
Rito romano
Cattedrale Nostra Signora dei Sette Dolori
Indirizzo C.P. 96, Rua Gualberto de Almeida 216, 39480-000 Januária, MG, Brazil
Sito web diocesedejanuaria.com.br
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Brasile

La diocesi di Januária (in latino: Dioecesis Ianuariensis) è una sede della Chiesa cattolica in Brasile suffraganea dell'arcidiocesi di Montes Claros appartenente alla regione ecclesiastica Leste 2. Nel 2016 contava 297.000 battezzati su 331.000 abitanti. È retta dal vescovo José Moreira da Silva.

TerritorioModifica

La diocesi comprende 18 comuni nella parte settentrionale dello Stato brasiliano di Minas Gerais: Bonito de Minas, Chapada Gaúcha, Cônego Marinho, Icaraí de Minas, Itacarambi, Januária, Juvenília, Manga, Miravânia, Montalvânia, Pedras de Maria da Cruz, Pintópolis, Riachinho, Santa Fé de Minas, São Francisco, São João das Missões, São Romão e Urucuia.[1]

Sede vescovile è la città di Januária, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora dei Sette Dolori (Nossa Senhora das Dores).

Il territorio si estende su una superficie di 38.187 km² ed è suddiviso in 21 parrocchie, raggruppate in 4 settori con sede a Januária, Manga, São Francisco e Urucuia.[1]

StoriaModifica

La diocesi è stata eretta il 15 giugno 1957 con la bolla Laeto auspicio di papa Pio XII, ricavandone il territorio dalla diocesi di Montes Claros (oggi arcidiocesi) e dalla prelatura territoriale di Paracatu (oggi diocesi). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Diamantina.

Il 20 gennaio 1964 cedette i comuni di Arinos e Formoso, che fino a marzo 1963 facevano parte del comune di São Romão, alla diocesi di Paracatu.[2]

Il 5 luglio 2000 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Janaúba.

Il 25 aprile 2001 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Montes Claros.

Cronotassi dei vescoviModifica

  • Daniel Tavares Baeta Neves † (16 maggio 1958 - 1º giugno 1962 dimesso)
  • João Batista Przyklenk, M.S.F. † (1º giugno 1962 - 1º marzo 1976 nominato vicario apostolico della Norvegia settentrionale)
  • João Batista Przyklenk, M.S.F. † (18 marzo 1977[3] - 20 luglio 1983 dimesso) (per la seconda volta)
  • Anselmo Müller, M.S.F. † (25 aprile 1984 - 12 novembre 2008 ritirato)
  • José Moreira da Silva, dal 12 novembre 2008

StatisticheModifica

La diocesi nel 2016 su una popolazione di 331.000 persone contava 297.000 battezzati, corrispondenti all'89,7% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1966 229.511 237.511 96,6 22 4 18 10.432 16 9 11
1970 299.267 301.050 99,4 19 19 15.750 19 9 10
1976 265.067 292.919 90,5 18 18 14.725 18 8 11
1980 303.000 335.000 90,4 18 18 16.833 19 12 11
1990 378.000 408.000 92,6 21 3 18 18.000 18 12 13
1999 446.000 471.000 94,7 25 10 15 17.840 3 15 22 16
2000 240.000 289.610 82,9 15 3 12 16.000 2 28 22 9
2001 213.000 256.500 83,0 17 4 13 12.529 3 24 19 12
2002 241.500 256.500 94,2 16 4 12 15.093 2 12 21 12
2003 260.000 287.150 90,5 16 6 10 16.250 2 10 23 12
2004 260.000 287.150 90,5 19 7 12 13.684 2 21 27 14
2006 266.000 294.000 90,5 19 8 11 14.000 2 15 24 17
2013 290.000 324.000 89,5 23 14 9 12.608 2 9 16 16
2016 297.000 331.000 89,7 31 22 9 9.580 4 9 8 21

NoteModifica

  1. ^ a b Dati dall'Agenda Diocesana 2017, online sul sito web della diocesi.
  2. ^ Decreto Maiori animarum, AAS 56 (1964), pp. 465-466.
  3. ^ (LA) Provisio ecclesiarum, AAS 69 (1977), p. 221. Gcatholic riporta erroneamente la data dal 19 febbraio.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica