Apri il menu principale
Memfi
Sede vescovile titolare
Dioecesis Memphitana
Patriarcato di Alessandria
Sede titolare di Memfi
Mappa della diocesi civile d'Egitto (V secolo)
Arcivescovo titolare Michael Wallace Banach
Istituita XIX secolo
Stato Egitto
Diocesi soppressa di Memfi
Suffraganea di Ossirinco
Eretta ?
Soppressa ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Memfi (in latino: Dioecesis Memphitana) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

StoriaModifica

Memfi è un'antica sede episcopale della provincia romana dell'Arcadia nella diocesi civile d'Egitto. Faceva parte del patriarcato di Alessandria ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Ossirinco.

Il primo vescovo noto di questa antica diocesi è Antioco, che prese parte al concilio di Nicea del 325. In quel periodo la sede di Memfi era occupata anche da un vescovo scismatico, Giovanni, che aveva aderito al partito meleziano, principale oppositore di Atanasio di Alessandria. Il nome di Giovanni appare nella lista, trasmessaci da Atanasio, dei vescovi suoi sostenitori che Melezio di Licopoli inviò all'arcivescovo Alessandro di Alessandria all'indomani del concilio niceno.[1] Lo stesso vescovo prese parte al concilio di Tiro del 335.[2] Giovanni è considerato come il successore di Melezio a capo del gruppo scismatico.[3]

Verso il 340 alcuni autori menzionano il vescovo Nestorio, ignoto a Lequien e a Martin.[4]

A questi vescovi dell'epoca romana e bizantina, si conoscono i nomi di alcuni vescovi copti di Memfi, vissuti fra VIII e XI secolo, Tolomeo, Filippo, Macario, Abramo e Chail. Tra questi si deve ricordare Macario, autore di un testo sulla liturgia antica della cresima e del battesimo.[5]

Dal XIX secolo Memfi è annoverata tra le sedi vescovili titolari della Chiesa cattolica; l'attuale arcivescovo, titolo personale, titolare è Michael Wallace Banach, nunzio apostolico in Senegal, Capo Verde, Guinea-Bissau e Mauritania.

CronotassiModifica

Vescovi greciModifica

  • Antioco † (menzionato nel 325)
  • Nestorio † (menzionato nel 340 circa)

Vescovi titolariModifica

NoteModifica

  1. ^ Apologia contra Arianos, II, in Athanasius Werke, a cura di Hans Georg Opitz, vol. II, p. 150, nº 34. Martin, Athanase d'Alexandrie et l'Église d'Égypte au IVe siècle, pp. 52-53 (p. 53 nº 34).
  2. ^ Martin, Athanase d'Alexandrie et l'Église d'Égypte au IVe siècle, p. 318.
  3. ^ Martin, Athanase d'Alexandrie et l'Église d'Égypte au IVe siècle, pp. 56 e 314.
  4. ^ Worp, A Checklist of Bishops in Byzantine Egypt, p. 302.
  5. ^ Louis Villecourt, La lettre de Macaire évêque de Memphis sur la liturgie antique du chrème et du baptême à Alexandrie, in Le Muséon 36 (1923), pp. 33-46.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi