Dollaseite-(Ce)

minerale
Dollaseite
Classificazione StrunzVIII/C.23-55
Formula chimicaCaCeMg2AlSi3O11(OH,F)2
Proprietà cristallografiche
Sistema cristallinomonoclino
Classe di simmetria2/m
Gruppo puntualeP 21/m
Proprietà fisiche
Durezza (Mohs)6.5-7
Sfaldaturaindistinta
Fratturapiatta regolare o irregolare
Coloremarrone
Lucentezzavitrea
Strisciomarrone chiaro
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La dollaseite-(Ce) è un minerale appartenente al gruppo della dollaseite. È stato scoperto da Gajer nel 1927 nella minera Ostanmossa, in Svezia. Il nome fu scelto in onore di Wayne Dollase, un ricercatore che si occupò largamente dello studio del gruppo dell’epidoto.[1]

Abito cristallinoModifica

L'abito cristallino è di tipo massivo.[1]

Struttura e composizioneModifica

Con la formula generale del gruppo dell'epidoto: A2M3Si3O13H, la dollaseite-(Ce) riceve la sua formula CaREE3+Mg2AlSi3O11,(OH)F sulla base di dati provenienti da procedure analitiche a microscopia elettronica. I risultati forniscono la formula empirica (Ca.91 Ce.45 La.20 Nd.20 Pr.09 Sm.08 Gd.06)(Mg1.81 Fe.25)Al.97 Si3.0(OH)1.25 F.88 O10.99 da cui deriva la formula standard dopo aver applicato le regole di Levinson per la ridenominazione dei minerali REE. La struttura atomica della dollaseite può essere complessa a causa delle sostituzioni che coinvolgono sia anioni che cationi((Fe, Al)3+ + O2– = Mg2+ + F). La confusione inizialmente generata da questo minerale è dovuta proprio a queste sostituzioni che non sono sempre complete e può quindi ricordare la dissakisite-(Ce). Grazie all’utilizzo di un EMP fu possibile studiare la composizione della dollaseite. Come il resto dei membri del gruppo dell'epidoto, le posizioni ottaedriche occupate dall'Al hanno in comune i bordi formando quindi delle catene infinite.[2]

Proprietà fisicheModifica

Similmente ad altri minerali del gruppo dell'epidoto, la dollaseite-(Ce) è monoclina. Presenta un colore marrone ed una lucentezza vitrea, lo striscio è marrone chiaro. La dollaseite-(Ce) è caratterizzata da un peso specifico pari a 3,9 g/cm3 ed una durezza compresa tra 6,5 e 7 della scala Mohs. Per ciò che riguarda le proprietà ottiche ha indici di rifrazione: nα = 1,715 nβ = 1,718 nγ = 1,733. Una birifrangenza δ = 0.018 ed una figura d'interferenza biassiale otticamente positiva. [3]

Origine e giacituraModifica

Viene spesso trovata in rocce dolomitiche e tremolitiche in forma di cristalli subedrali di colore marrone scuro.[3]

Luoghi di ritrovamentoModifica

Ad oggi l’unico sito di ritrovamento è la miniera di Ostanmossa in Svezia.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b Klein Cornelis, Mineralogia, 1. ed. italiana condotta sulla 22. ed. americana, Zanichelli, 2004, ISBN 880807689X, OCLC 849452792.
  2. ^ www.minsocam.org, http://www.minsocam.org/ammin/AM73/AM73_838.pdf. URL consultato il 16 gennaio 2019.
  3. ^ a b c "Dollaseite- Ce" su mindat.org, su mindat.org.

Altri progettiModifica

  Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia