Apri il menu principale

Domenico Mennitti

politico e giornalista italiano
Domenico Mennitti
Domenico Mennitti.jpg

Sindaco di Brindisi
Durata mandato 13 giugno 2004 –
31 agosto 2011
Predecessore Bruno Pezzuto (commissario straordinario)
Successore Bruno Pezzuto (commissario straordinario)

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VIII, IX e X
Gruppo
parlamentare
Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale
Circoscrizione Lecce-Brindisi-Taranto
Collegio Lecce
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale
Titolo di studio Licenza media superiore
Professione giornalista

Domenico Mennitti (Termoli, 11 agosto 1939Brindisi, 6 aprile 2014) è stato un politico e giornalista italiano, già vice segretario nazionale del MSI-DN, è stato sindaco di Brindisi dal 2004 ad agosto 2011.

BiografiaModifica

Agli inizi degli anni cinquanta si trasferisce a Brindisi dove inizia la sua carriera giornalistica e politica nel MSI.
È stato deputato ininterrottamente dall'VIII alla X legislatura della Camera dei deputati (1979-1991) per il Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale. Ha fatto parte di alcune commissioni della Camera tra cui:[1]

  • Commissione Bilancio e Partecipazioni statali nell'VIII, IX e X legislatura;
  • Commissione parlamentare per la ristrutturazione e riconversione industriale e per i programmi delle Partecipazioni statali nell'VIII, IX e X legislatura.

Dirigente del Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale, al congresso di Sorrento del 1987 si candida alla segretaria del partito per la componente interna "Proposta Italia", ma giunge terzo dopo Gianfranco Fini e Pino Rauti. Al congresso di Rimini del 1990, sostiene Rauti, che viene eletto e di cui diviene vice segretario vicario, fino alle sue dimissioni dal partito nel 1991, quando Fini torna alla segreteria. Nel 1991 lascia anche il seggio da deputato e diviene direttore del quotidiano "Roma" di Napoli, dopo aver fondato e diretto dal 1985 al 1991 la rivista di area "Proposta".

Nel 1994 rientra in politica aderendo a Forza Italia, partito di cui diviene coordinatore nazionale e membro del Comitato di Presidenza, fino al 1996. Sempre nel 1994 fonda con Vittorio Mathieu e dirige la rivista di cultura politica Ideazione, organo della fondazione omonima da lui presieduta. È anche editorialista de Il Giornale, Il Tempo, Il Mattino, La Gazzetta del Mezzogiorno, Nuovo Quotidiano di Puglia e Corriere del Mezzogiorno. Nel 1999 viene eletto al Parlamento europeo in FI, e aderisce al Partito Popolare Europeo.

Membro dell'Ufficio di presidenza, presiede la Delegazione alla commissione parlamentare mista UE-Romania. Alle elezioni comunali del 12 e 13 giugno 2004 è eletto sindaco di Brindisi con una coalizione di centro destra, al primo turno con il 53,8% dei voti. Il 21 e il 22 giugno 2009 è riconfermato al ballottaggio con il 52,5% dei consensi. Nell'aprile 2011 ha preannunciato le sue dimissioni dalla carica di sindaco, motivate da ragioni di salute. Le dimissioni sono divenute efficaci il 31 agosto; il 2 settembre successivo si è insediato il commissario prefettizio.[2] È scomparso nel 2014 all'età di 74 anni dopo una lunga malattia[3].

PubblicazioniModifica

  • Rapporto sulle partecipazioni statali, Roma, I.S.C., 1983.
  • Brindisi, una nuova idea di città, Roma, 2004.
  • Destra e democrazia: dall'ideologia al progetto, Bari, Progedit, 2010. ISBN 978-88-6194-094-9.
  • Un'altra idea del Mezzogiorno, Lecce, D.cò, 2012. ISBN 978-88-9066-101-3.

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  • www.mennittisindaco.it, su mennittisindaco.it. URL consultato il 31 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2010).
Controllo di autoritàVIAF (EN53476291 · ISNI (EN0000 0000 3378 1561 · SBN IT\ICCU\CFIV\006238 · LCCN (ENn99001573 · WorldCat Identities (ENn99-001573