Apri il menu principale

Edoardo Giuseppe Rosaz

vescovo cattolico italiano
Edoardo Giuseppe Rosaz
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Susa (1877-1903)
 
Nato15 febbraio 1830
Ordinato diacono1º aprile 1854
Ordinato presbitero10 giugno 1854
Nominato vescovo31 dicembre 1877
Consacrato vescovo24 febbraio 1878
Deceduto3 maggio 1903
 

Edoardo Giuseppe Rosaz (Susa, 15 febbraio 1830Susa, 3 maggio 1903) è stato un vescovo cattolico italiano, fondatore della congregazione delle suore Francescane Missionarie di Susa: è stato proclamato beato da papa Giovanni Paolo II nel 1991.

BiografiaModifica

 
Madonna Rocciamelone

Nacque da una famiglia immigrata a Susa dalla Moriana: la sua giovinezza fu segnata dal suicidio del padre, annegatosi nel Po, dalla morte in manicomio del fratello Carlo Vittorio e da quella a seguito di una crisi epilettica della sorella Clotilde.

Desiderando abbracciare il sacerdozio, aderì al terz'ordine secolare francescano ed entrò in seminario: per motivi di salute, completò gli studi a Nizza, dove fu ordinato nel 1854.

Il vescovo Antonio Odone lo nominò canonico cattedrale: nonostante l'opposizione del clero diocesano, nel 1862 Rosaz aprì il Ritiro per le ragazze abbandonate e, nel 1874, fondò la congregazione delle francescane missionarie per la loro educazione.

Fu preconizzato vescovo di Susa nel concistoro celebrato da papa Pio IX il 31 dicembre 1877 e ricevette la consacrazione episcopale il 24 febbraio 1878 dall'arcivescovo di Torino, Lorenzo Gastaldi, assieme con il vescovo di Acqui, Giuseppe Sciandra, e il vescovo di Alba, Eugenio Galletti. Per i primi tre anni di ministero episcopale, fu suo segretario Stefano Croce, poi parroco di Sant'Ambrogio di Torino dal 1881.

Favorì l'insediamento nella sua diocesi dei salesiani, dei francescani conventuali, dei lasalliani.

Inaugurò la chiesa del Suffragio e nel 1897 fondò il giornale diocesano Il Rocciamelone. Appoggiò la posa di una statua dedicata alla Vergine Maria a 3538 metri sul monte Rocciamelone, dal 1358 già luogo di culto mariano.

 
Statua dedicata al beato davanti alla Cattedrale di San Giusto di Susa.

Il cultoModifica

La sua causa di canonizzazione fu introdotta il 26 luglio 1953.

Il 22 marzo 1986 papa Giovanni Paolo II ha decretato le sue "virtù eroiche", attribuendogli il titolo di venerabile.

Lo stesso pontefice l'ha proclamato beato il 14 luglio 1991, durante la sua visita pastorale a Susa.

La sua memoria liturgica ricorre il 3 maggio (dies natalis).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN316421537 · ISNI (EN0000 0000 6237 4754 · BAV ADV12604992 · WorldCat Identities (EN316421537