Federico di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym

nobile
Federico di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym
Principe di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym
In carica 22 aprile 1812–24 dicembre 1812
Nascita castello di Schaumburg, 29 novembre 1741
Morte Homburg vor der Höhe, 24 dicembre 1812 (71 anni)
Padre Vittorio I, principe di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym
Madre Contessa Edvige Sofia Henckel di Donnersmarck

Federico di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym (29 novembre 1741Homburg vor der Höhe, 24 dicembre 1812) era un principe tedesco del casato d'Ascania del ramo cadetto di Anhalt-Bernburg e l'ultimo sovrano del principato di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym.

Era il settimogenito e quinto figlio maschio a sopravvivere di Vittorio I, Principe di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym, ma il primo dei nati dalla sua seconda moglie, la Contessa Edvige Sofia Henckel di Donnersmarck.

VitaModifica

Dopo la morte di suo padre nel 1772, Federico ed i suoi fratelli furono esclusi dal governo di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym dal loro fratello maggiore, il Principe Carlo Luigi, fino alla sua morte nel 1806.

All'epoca della morte di Carlo Luigi, Federico era il suo unico fratello sopravvissuto e reclamò il governo da suo nipote, il Principe Vittorio II. Federico pretese che poiché la primogenitura non era mai stata insediata ufficialmente nell'Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym, secondo le leggi tradizionali degli Ascanidi, aveva il diritto di condividere il governo con Vittorio II. La disputa terminò con la morte di Vittorio II senza eredi maschi il 22 aprile 1812, lasciando Federico come unico agnate in vita del ramo e, di conseguenza, erede del principato.

RegnoModifica

Il regno di Federico durò solo otto mesi, fino alla sua morte. Poiché egli non si era mai sposato avuto figli, la linea di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym si estinse con lui.

SuccessioneModifica

Il suo parente, il Duca Alessio di Anhalt-Bernburg ereditò Hoym e le altre terre ottenute dal ramo principale di Anhalt-Bernburg nel 1718 quando la linea fu creata; ma le contee di Holzappel e Schaumburg furono ereditate dalla maggiore delle sue pronipoti, Erminia, che per matrimonio era un'arciduchessa d'Austria, come maggiore delle eredi di Elisabeth Charlotte Melander von Holzappel, che da un trattato nel 1690 diede le sue contee in dote alla figlia minore, la principessa Charlotte di Nassau-Dillenburg, allora promessa sposa del Principe Lebrecht di Anhalt-Zeitz-Hoym. Il figlio di Erminia, l'arciduca Stefano d'Austria, Palatino d'Ungheria infine ereditò le contee.[1]

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
8. Vittorio Amedeo di Anhalt-Bernburg 16. Cristiano II di Anhalt-Bernburg  
 
17. Eleonora Sofia di Schleswig-Holstein-Sonderburg  
4. Lebrecht di Anhalt-Zeitz-Hoym  
9. Elisabetta del Palatinato-Zweibrücken-Veldenz 18. Federico del Palatinato-Zweibrücken-Veldenz  
 
19. Anna Giuliana di Nassau-Saarbrücken  
2. Vittorio I di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym  
10. Adolfo di Nassau-Schaumburg 20. Luigi Enrico di Nassau-Dillenburg  
 
21. Caterina di Sayn-Wittgenstein  
5. Carlotta di Nassau-Schaumburg  
11. Elisabetta Carlotta Melander di Holzappel 22. Pietro Melander di Holzappel  
 
23. Agnese di Effern  
1. Federico di Anhalt-Bernburg-Schaumburg-Hoym  
12. Elia Andrea Henckel di Donnersmark 24. Elias Henckel di Donnersmarck  
 
25. Anna Maria di Puchheim  
6. Venceslao Luigi Henckel di Donnersmarck  
13. Barbara Elena di Maltzan 26. Giovanni Bernardo II di Maltzan-Wartenberg  
 
27. Anna Ursula di Hohenzollern  
3. Edvige Sofia Henckel di Donnersmarck  
14. Federico Sigismondo I di Zolms-Barut 28. Giovanni Giorgio II di Solms-Barut  
 
29. Anna Maria di Erbach-Furstenau  
7. Edvige Carlotta di Zolms-Barut  
15. Ernestina di Schoenburg-Waldenburg-Hartenstein 30. Otto Alberto di Schönburg-Hartenstein  
 
31. Ernestina di Reuss-Gera  
 

NoteModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN251583531 · CERL cnp02053398 · GND (DE1023262762 · WorldCat Identities (ENviaf-251583531
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie