Ferenc Széchényi

politico ungherese

Il conte Ferenc György de Paola Széchényi (Széplak, 28 aprile 1754Vienna, 13 dicembre 1820) è stato un nobile e politico ungherese[1].

Ferenc Széchényi

BiografiaModifica

Discendente dalla nobile famiglia Széchényi, Ferenc era il figlio del conte Zsigmond Széchényi, e di sua madre, Mária Cziráky. Gli fu dato lo stesso nome di suo fratello che morì all'età di tre anni. I suoi padrini erano Adam Groff, un medico, e sua moglie Katalin Khellesz.

CarrieraModifica

Dopo aver completato i suoi studi, dal 12 dicembre 1776 fu presidente del consiglio distrettuale di Kőszeg, dal 17 agosto 1783 fu presidente del consiglio di bando e anche deputato del divieto croato. Durante il regno di Giuseppe II, fu vice governatore e commissario reale di diverse contee. Nel 1785 fu consigliere segreto. Il 18 aprile divenne Commissario Reale del Distretto di Pécs e amministratore delle contee di Somogy, Baranya, Verőce e Szerém.

Il 6 aprile 1798, divenne il signore della contea di Somogy e, come commissario reale, fu incaricato della regolamentazione dei fiumi Drava e Mura. Il 6 dicembre divenne capo della camera da letto reale e il 23 dicembre divenne vice giudice.

Il 25 novembre 1802 donò la sua collezione di 11.884 stampe, 15.000 libri e 1.152 manoscritti alla nazione ungherese, che fu successivamente integrata da 6.000 incisioni su rame e 9.206 volumi di libri della collezione di Nagycenk. Tuttavia, prima di tutto ciò, compilò anche un catalogo della futura biblioteca, lo stampò a sue spese e poi ne inviò una copia a sovrani stranieri, istituti scientifici stranieri e studiosi nazionali stranieri, portando alla fondazione della Biblioteca Nazionale Széchényi e del Museo Nazionale Ungherese[2]. Per le sue generose donazioni e il riconoscimento dei suoi servizi, i suoi meriti furono emanati per legge nel 1807 (articolo XXIV).

Le società scientifiche straniere espressero il loro riconoscimento una dopo l'altra eleggendolo come membro: nel 1803 la Royal University of Göttingen, nel 1804 l'Accademia delle Scienze di Jena, nel 1811 l'Accademia delle Scienze di Varsavia e nel 1812 l'Accademia delle Scienze di Vienna.

Quando la costituzione ungherese fu nuovamente minacciata sotto di Francesco I, nel 1811 rassegnò le dimissioni da tutti i suoi uffici; si ritirò a vita privata. Nel 1818 aggiunse una nuova donazione al Museo Nazionale Ungherese, che consisteva principalmente di classici e opere di interesse straniero (5.086 opere, 9.206 volumi) e 6.000 pezzi di incisione su rame e maiolica.

MatrimonioModifica

Sposò, il 17 agosto 1777, Julianna Festetics (30 ottobre 1753-20 gennaio 1824), figlia del conte Pál Festetics e vedova di suo fratello József. Ebbero sei figli:

  • György Mária János (26 maggio 1778-23 dicembre 1778);
  • Lajos Mária Alajos Dániel Ignác (6 novembre 1781-7 febbraio 1855);
  • Franciska Karolina (4 novembre 1783-10 ottobre 1861);
  • Zsófia (25 ottobre 1788-19 aprile 1865);
  • Pál (10 novembre 1789-30 marzo 1871);
  • István (21 settembre 1791-8 aprile 1860).

OpereModifica

  • Catalogus Bibliothecae Hungaricae (Sopron, 1799) és Index (Pest, 1800)
  • Supplementum I-II és Index (1807)
  • Catalogus manuscriptum I-III (Sopron, 1814-15)
  • Catalogus nummorum Hungariae ac Transylvaniae instituti nat. Széchenyiani II-III, az Appendix-szel

NoteModifica

  1. ^ Ágnes Kenyeres (a cura di), Magyar életrajzi lexikon.
  2. ^ Hungarian National Museum, su museum.hu, Hungarian National Museum. URL consultato il 21 gennaio 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN15562477 · ISNI (EN0000 0000 5533 501X · BAV 495/86055 · CERL cnp00396649 · LCCN (ENn84160327 · GND (DE118620339 · BNF (FRcb150592505 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n84160327