Feste islamiche

principali feste religiose dell'islam

L'Islam osserva due importanti festività, l'Aïd el-Fitr, in arabo: عيد الفطر‎, ʿīd al-fiṭr (festa della rottura) che si riferisce al giorno dopo l'ultimo giorno del mese sacro del Ramadan, e l'Aïd al-Adha, in arabo: عيد الأضحى,‎, (festa del sacrificio), chiamata anche Eïd al-Kabīr in arabo: العيد الكبير‎ (la grande festa) principalmente nel Maghreb, che si riferisce alla storia del profeta Abramo (Ibrahim nel Corano). Il modo di integrare queste feste nel calendario civile dipende dalle culture, così come dalle correnti dell'Islam come il sunnismo, lo sciismo o il wahhabismo.

Tutte le festività musulmane seguono il calendario musulmano, un calendario lunare, e sono quindi feste mobili con un'ampiezza di circa undici giorni rispetto all'anno solare. Questo calendario differisce tra sunniti e sciiti.

Eventi e festività religiose più importantiModifica

Venerdì (giorno santo)Modifica

Il venerdì è per i musulmani un giorno importante, come la domenica per i cristiani, e il sabato per gli ebrei. Tuttavia, nella maggior parte dei paesi musulmani non è un giorno di riposo, ad eccezione dell'Algeria, che è il suo primo giorno libero (il fine settimana è venerdì e sabato) mentre l'Arabia Saudita osserva una chiusura di mezza giornata dei negozi.

La preghiera del venerdì è una preghiera collettiva, che si tiene ogni venerdì nel primo pomeriggio. Le moschee più grandi in cui si tengono queste preghiere sono chiamate moschee del venerdì. Per gli uomini, questa preghiera del venerdì è obbligatoria, e per le donne è auspicabile. La preghiera del venerdì è caratterizzata da un sermone pronunciato dal predicatore in generale, l'imam della moschea, e questo prima delle due genuflessioni della preghiera di Dio.

Ramadan (mese sacro)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ramadan.

Il mese del Ramadan è un periodo musulmano di digiuno, durante il quale i musulmani non possono consumare cibo o bevande tra la prima luce del giorno e il tramonto. Il saoum o sawm' (in arabo: صَوم‎ [ṣawm], digiuno) fa parte dei cinque pilastri dell'Islam. Le donne incinte, gli anziani, i bambini e gli ammalati sono liberati da questo dovere di digiuno.

Il giorno del digiuno inizia con la preghiera rituale molto presto al mattino, che è seguita da una colazione in famiglia e dalla recita di un passaggio del Corano. Durante il giorno, i musulmani cercano di pensare il più possibile ad Allah, recitano preghiere silenziose e meditano su come possono liberarsi dalle loro tendenze distruttive o peccaminose. Il digiuno è tradizionalmente interrotto dal mangiare.

Laylat al-QadrModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Laylat al-Qadr.

Il Laylat al-Qadr o Notte del destino in arabo: لَيْلَةِ الْقَدْرِ‎ è una delle notti della fine del mese del Ramadan considerato benedetto tra i musulmani. Durante quella notte, secondo il mito, il Corano fu rivelato a Maometto dall'angelo Gabriele. Ciò accade tra il 21º giorno e il 29º giorno del Ramadan, un giorno dispari, è il 21, 23, 25, 27 o 29.

Fine del RamadanModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Id al-fitr.

L'Id al-fitr in arabo: ʿīd al-fiṭr‎ (festa della rottura), è la festa musulmana che segna la rottura del digiuno del mese del Ramadan. Inizia al tramonto. Si festeggia presto il giorno dopo, cioè il primo giorno del mese di Shawwal. I musulmani si riuniscono per celebrare le preghiere rituali festive. Cibo e bevande (non alcoliche) sono serviti nelle moschee e nelle case. I bambini ricevono dolci. È anche consuetudine scambiare dei regali con familiari e amici. La festa dura tre giorni ed è tradizione (Sunna) digiunare per altri sei giorni supplementari a scelta durante il mese di shawwâl. Questa festa è anche chiamata a volte Eid es-Seghir [1] la piccola festa al contrario di Id al-adha, la grande festa.

Id al-adhaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Id al-adha.

Id al-adha in arabo: عيد الأضحى‎ o (festa del sacrificio) a volte è chiamato festival del montone. Questo festival celebra la fede di Abramo che stava per sacrificare il proprio figlio, Ismaele, seguendo una visione (fonte: Corano) e un angelo gli apparve. Dio poi trovando la verità in Abramo, l'angelo gli chiese di sacrificare un montone al posto di suo figlio.

Jalsa Salana (Bid'a)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ahmadiyya.

La Jalsa Salana è una cerimonia religiosa di più giorni organizzata dai musulmani Ahmadiyya in onore di Allah e del Profeta Muhammad, per l'edificazione spirituale dei credenti. Il suo fondatore è Mirza Ghulam Ahmad, un riformatore dell'islam del XIX secolo. Questa festa fu iniziata con questo scopo di riforma religiosa, e fu tenuta per la prima volta a Qadian, in India, il 27 dicembre 1891.

Nella città di Qadian, questo festival si tiene le successive settimane di dicembre. La Jalsa Salana fu ufficialmente bandita nel vicino Pakistan nel 1984 sotto la pressione dei mullah. La prima Jalsa Salana nel Regno Unito ha avuto luogo nel 1966. Dopo il divieto di organizzare la Jalsa Salana in Pakistan, quella nel Regno Unito è diventata internazionale e si tiene ogni anno vicino a Londra. Una prima Jalsa Salana è stata organizzata in Germania nel 1976 a Francoforte, e attualmente conta circa 30.000 partecipanti all'anno. È in Germania che questo festival è più popolare. Nel 2004, una prima festa è stata organizzata anche a Parigi[2].

AshuraModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ashura.

Ashura in arabo: عاشوراء‎ è il nome del decimo giorno del mese di Muharram nel calendario dell'Egira. Questo giorno ha un significato diverso per i diversi rami dell'Islam. Gli sciiti ricordano questo giorno nella battaglia di Kerbala, nell'anno 680, durante il quale al-Husayn ibn Ali fu ucciso. Per gli Aleviti, Ashura non è un giorno di commemorazione per gli sciiti, ma una festa che si svolge dopo dodici o tredici giorni di digiuno. Per i sunniti, infine, Ashura è un giorno di digiuno, ma non obbligatorio. Questo giorno è per loro in diretta relazione con la salvezza di Mosè durante la sua fuga dall'Egitto. Ashura è quindi un giorno di gioia e ringraziamento. Muhammad ha raccomandato, per differenziarsi dalla gente del libro, di digiunare nei giorni 9 e 10 di Muharam, o di digiunare il 10º e 11º giorno, a scelta.

Laylat Al Isrā' e Al Mi'rāj (Il viaggio notturno di Mohammed)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Isrāʾ e Miʿrāj.

Molti musulmani commemorano il viaggio notturno di Maometto (in arabo: ليلة الإسراء‎, lailatu'l-isrā) il 27º giorno del mese di Rajab. Durante questo viaggio notturno, Maometto fu trasportato dall'angelo Gabriele tra Gerusalemme e La Mecca, come indicato dai primi versi della Sura 17.

Laylat ul Bara'ahModifica

(ar) Durante questa festa, i musulmani pregano tutta la notte per essere perdonati per i loro peccati dell'anno precedente. Durante queste preghiere ad Allah, alcuni musulmani digiunano. In alcuni paesi musulmani è consuetudine visitare le tombe dei defunti e fare l'elemosina.

Calendario delle festivitàModifica

Festa[3]

Significato 2018[4] 2019[5] 2020[6]
Primo giorno di Muharram Capodanno Islamico 12 settembre 31 agosto 20 agosto
Ashūrā 10 giorno di Muharram, digiuno rituale 21 settembre 9 settembre 29 agosto
Mawlid al-rasul Compleanno del profeta Maometto 21 novembre 10 novembre 29 ottobre
Laylat al-Miraj Notte del viaggio e l'ascesa al cielo 13 aprile 3 aprile 22 marzo
Laylat al-Barat Notte del perdono 1º maggio 21 aprile 9 aprile
Inizio del Ramadan[7] 9º mese del calendario islamico. Mese del digiuno 17 maggio 6 maggio 24 aprile
Laylat al-Qadr Notte del destino 11 giugno 1 giugno 20 maggio
Id al-Fitr Fine del Ramadan 16 giugno 4 giugno 24 maggio
Hajj Pellegrinaggio alla moschea della Mecca 19 agosto - 24 agosto 9 agosto - 14 agosto 29 luglio - 3 agosto
Il giorno di Arafat Secondo giorno di pellegrinaggio 20 agosto 10 agosto 30 luglio
Id al-Adha Festa del Sacrificio 21 agosto 11 agosto 31 luglio

NoteModifica

  1. ^ in arabo: عيد الصغير‎, ʿīd aṣ-ṣaḡīr, (la piccola festa)
  2. ^ Vedere il sito ufficiale Jalsa Salana
  3. ^ A causa conversione dal calendario islamico al calendario gregoriano, la data effettiva potrebbe differenziare fino a due giorni.
  4. ^ (EN) Festività islamiche 2018 - Feiertagskalender.ch, su www.feiertagskalender.ch. URL consultato il 2 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Festività islamiche 2019 - Feiertagskalender.ch, su www.feiertagskalender.ch. URL consultato il 2 settembre 2018.
  6. ^ (EN) Festività islamiche 2020 - Feiertagskalender.ch, su www.feiertagskalender.ch. URL consultato il 22 gennaio 2020.
  7. ^ Date di inizio del Ramadan in Italia- Anni 2017, 2018, 2019, 2020, su luirig.altervista.org. URL consultato il 2 settembre 2018.

BibliografiaModifica

  • Le petit livre des grandes fêtes religieuses. Judaïsme, christianisme, islam, de Bernard Collignon, 2006, Éditions le bord de l'Eau.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di islam